Pubblicità

L'eccessivo allenamento fisico può stancare il cervello? Un nuovo studio dice di sì

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 853 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Ti aspetteresti che un eccessivo allenamento fisico può stancare il corpo, ma può anche stancare il cervello? Un nuovo studio riportato sulla rivista Current Biology suggerisce che la risposta è "sì".

eccessivo allenamento intensivo

Quando i ricercatori hanno imposto un allenamento eccessivo ai triatleti, questi ultimi hanno mostrato una forma di affaticamento mentale. Questa fatica includeva una ridotta attività in una parte del cervello importante per la presa di decisione. Gli atleti hanno anche agito in modo più impulsivo, optando per i premi immediati e non per i premi più grandi ma che richiedevano più tempo per essere raggiunti.


"La regione prefrontale laterale interessata dal sovraccarico di allenamento sportivo era esattamente la stessa che, nei nostri studi precedenti, era risultata vulnerabile a un eccessivo lavoro cognitivo", afferma l'autore Mathias Pessiglione dell'Hôpital de la Pitié-Salpêtrière di Parigi. "Questa regione del cervello è quindi apparsa come il punto debole della rete cerebrale responsabile del controllo cognitivo."

Insieme, gli studi suggeriscono una connessione tra sforzo mentale e sforzo fisico: entrambi richiedono un controllo cognitivo. La ragione per cui tale controllo è essenziale, in un allenamento fisico impegnativo, è che per mantenere lo sforzo fisico e raggiungere un obiettivo lontano viene richiesto un controllo cognitivo.

"Devi controllare il processo automatico che ti fa fermare quando i muscoli o le articolazioni iniziano a far male", afferma Pessiglione.

I ricercatori, tra cui Pessiglione e Bastien Blain, spiegano che l'idea iniziale per lo studio è venuta dal National Institute of Sport, Expertise, and Performance (INSEP) in Francia, che forma gli atleti per i giochi olimpici. Alcuni atleti avevano sofferto di "sindrome da sovrallenamento", in cui le loro prestazioni sono crollate mentre sperimentavano un travolgente senso di affaticamento. La domanda era: questa sindrome da sovrallenamento è nata in parte dall'affaticamento neurale nel cervello, lo stesso tipo di affaticamento che può anche essere causato da un eccessivo lavoro cognitivo?

Per scoprirlo, Pessiglione e colleghi hanno reclutato 37 atleti maschi altamente resistenti e competitivi, con un'età media di 35 anni. I partecipanti sono stati invitati a continuare il loro allenamento normale o ad aumentarlo del 40% per sessione, in un periodo di tre settimane. I ricercatori hanno monitorato le loro prestazioni fisiche durante gli esercizi di ciclismo eseguiti nei giorni di riposo e hanno valutato la loro esperienza soggettiva di affaticamento usando dei questionari ogni due giorni. Hanno anche condotto test comportamentali ed esperimenti di scansione di risonanza magnetica funzionale (fMRI).

Pubblicità


Le prove hanno dimostrato che il sovraccarico dell'allenamento fisico ha portato gli atleti a sentirsi più affaticati. Hanno anche agito in modo più impulsivo nei test standard utilizzati per valutare come avrebbero agito nelle scelte economiche. Questa tendenza è stata dimostrata come una propensione a favorire premi immediati rispetto a quelli ritardati. Durante la presa di decisione in queste scelte economiche, anche il cervello degli atleti che erano stati sovraccaricati fisicamente mostrava una ridotta attivazione della corteccia prefrontale laterale, una regione chiave nel sistema del controllo esecutivo.

I risultati mostrano che, mentre lo sport fa generalmente bene alla salute, esagerare può avere effetti negativi sul cervello, affermano i ricercatori.

"Le nostre scoperte attirano l'attenzione sul fatto che gli stati neurali contano: non prendi le stesse decisioni quando il tuo cervello è in uno stato di affaticamento", dice Pessiglione.

Questi risultati possono essere importanti non solo per la formazione di atleti migliori, ma anche per la teoria della scelta economica, che in genere ignora tali oscillazioni nella macchina neuronale responsabile del processo decisionale, affermano i ricercatori. Suggerisce che può anche essere importante monitorare il livello di affaticamento al fine di impedire che vengano prese decisioni sbagliate in campo politico, giudiziario o economico.

In studi futuri, i ricercatori hanno in programma di esplorare il motivo per cui esercitare il controllo durante l'allenamento sportivo o il lavoro intellettivo rende il sistema di controllo cognitivo più difficile da attivare nei compiti successivi. La speranza è quella di trovare trattamenti o strategie che aiutino a prevenire tale affaticamento neuronale e le sue conseguenze.


Fonte:

  • Blain et al. Neuro-computational impact of physical training overload on economic decision-making. Current Biology, 2019 DOI: 10.1016/j.cub.2019.08.054



Articolo a cura del Dottor Andrea di Maio



Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: cervello allenamento news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Due mondi diversi [16092338958…

  Morfea23, 21 anni     Da circa 4 mesi sto con un ragazzo totalmente  opposto al mondo in cui da sempre vivo, per situazione famil...

Autostima? [161290462495]

    Buonasera! vi scrivo perche' alla soglia dei 50 anni mi rendo conto di non aver mai portato a termine i molti progetti professionali e pers...

Genitori separati [16127752256…

Lalli, 57 anni     Buongiorno, spiego in breve la mia situazione, sono divorziata e convivo con mio figlio ed il mio compagno da 5 anni, il mio ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. ...

Agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a quella d...

L'attenzione

L'attenzione è un processo cognitivo che permette di selezionare stimoli ambientali, ignorandone altri. È quel meccanismo in grado di selezionare le informazio...

News Letters

0
condivisioni