Pubblicità

L’esercizio aerobico aumenta la dimensione del cervello

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1789 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Studi di meta-analisi confermano: l'esercizio aerobico equivale ad un potente “fertilizzante” per il cervello umano.

esercizio aerobico crescite cervello2Per più di un decennio, i ricercatori hanno sospettato che l'esercizio aerobico aumentasse le funzioni cognitive e servisse a mantenere la salute generale  del cervello attraverso la neurogenesi (la nascita di nuovi neuroni).

Si ritiene, infatti, che la neurogenesi possa aumentare il volume della materia grigia, impedire l'atrofia neurale ed aumentare le dimensioni di alcune regioni del cervello.

Alcuni neuroscienziati hanno inoltre fatto riferimento all'esercizio aerobico come “Miracle-Gro (famosa marca di fertilizzanti americana) per il cervello”. Alcuni oppositori hanno tuttavia alimentato una discussione che prevedeva un altro punto di vista secondo il quale: "correlazione non implica causalità";  se l'esercizio aerobico, dunque, fosse o meno effettivamente la causa dell’aumento delle dimensioni dell'ippocampo umano.

Un nuovo studio di meta-analisi ha infine, confermato che l'esercizio aerobico, aumenta realmente  il volume ippocampale del cervello umano. I risultati di questa ricerca, "Effect of Aerobic Exercise on Hippocampal Volume in Humans: A Systematic Review and Meta-Analysis"  sono stati pubblicati online prima della stampa, il 4 novembre 2017 nella rivista Neuroimage.

Pubblicità

Per questa meta-analisi, un team internazionale di ricercatori ha analizzato sistematicamente 14 trials clinici che prevedevano l’uso di scansioni cerebrali effettuate su  737 soggetti, prima e dopo la sottoposizione di questi ultimi a programmi di esercizio aerobico o in condizioni di controllo.

Più nello specifico, gli studiosi hanno esaminato gli effetti dell'esercizio aerobico, seguendo dei programmi di attività fisica che composti da sedute di cyclette, e di passeggiata e corsa su tapis roulant. La durata degli interventi aerobici variava dai 3 a 24 mesi con un numero di sessioni di attività fisica medio-vigorosa (MVPA) di 2-5 settimane.

In genere, la salute del cervello tende a diminuire quando si invecchia. La diminuzione della crescita neuronale, tipica del cervello, evidenziata sia negli uomini che nelle donne è di circa il 5% per decade dopo aver compiuto 40 anni.

La buona notizia è che l'esercizio aerobico riesce ad aumentare il volume ippocampale nonostante l’età e può migliorare le funzioni di memoria insieme al mantenimento della salute del cervello nel suo complesso.

Ma cosa rende l'esercizio aerobico così miracoloso per il cervello umano?

Il fattore di crescita neurotrofico derivato dal cervello (Brain-Derived Neurotrophic Growth Factor , BDNF) è una proteina liberata durante l'esercizio aerobico che agisce come il "Miracle-Gro" ossia, da fertilizzante neuronale. Il BDNF promuove sia la neurogenesi che la connettività funzionale tra regioni del cervello tramite la neuroplasticità.

Numerosi studi condotti sugli animali come ratti e topi hanno, infatti,  dimostrato che la pratica di esercizio fisico costante aiuta ad aumentare effettivamente le dimensioni ippocampali. Gli attuali studi di meta-analisi affermano che vi è dunque un significativo effetto dell'esercizio aerobico sulla crescita dei volumi ippocampali soprattutto riguardanti l’emisfero sinistro del cervello umano.

In una dichiarazione, l'autore principale dello studio, il ricercatore post-dottorato della NICM, Joseph Firth, ha dichiarato: "questo studio fornisce alcune delle prove maggiormente valide e comprovate finora sui vantaggi dell'esercizio fisico per la salute del cervello".

Firth conclude che, insieme al miglioramento dell'invecchiamento tipico "sano" del cervello, i risultati di questa nuova ricerca sistematica di meta-analisi hanno notevoli implicazioni per ciò che riguarda la prevenzione dei disturbi neurodegenerativi legati all'invecchiamento, come l'Alzheimer e la demenza. In particolare, l'esercizio aerobico è uno dei pochissimi metodi "collaudati" per mantenere la connettività funzionale della materia bianca (GRE) e della materia grigia (GM) in età avanzata.

Se quindi voi lettori, avete bisogno di una ragione per rimanere regolarmente fisicamente attivi, ci si augura che la crescente montagna di prove empiriche che dimostrano che l'esercizio aerobico serve ad aumentare concretamente la dimensione del cervello, vi sia di stimolo a muovervi ed a mantenervi di più in esercizio.

 

Tratto da Psychology Today

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Emanuela Torrente)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: cervello news di psicologia esercizio aerobico; neurogenesi;

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Religione e psicologia (154766…

Luca, 28     Buona sera, premetto che il mio quesito non riguarda strettamente un malessere mentale, ma comunque un interrogativo esistenziale ch...

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Area Professionale

Un articolo alla volta - Comme…

Catello Parmentola ed Elena Leardini introducono il loro impegno con i visitatori di Psiconline.it a commentare, articolo dopo articolo, il Codice Deontologico ...

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Le parole della Psicologia

Maternage

In psicologia, il maternage è il complesso di atteggiamenti ed azioni implicati nel rapporto madre-figlio, soprattutto nei primissimi anni, che possono essere i...

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

Impulsività

L’impulsività è un elemento del carattere di ogni persona, anche se si manifesta in maniera molto più evidente rispetto alle altre, fino a divenire un vero e pr...

News Letters

0
condivisioni