Pubblicità

L'esercizio fisico fa bene al cervello che invecchia

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 644 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

L'esercizio fisico sembra offrire molti benefici, dal rilascio di ormoni che inducono felicità a una migliore forma fisica. Una nuova ricerca mostra che potrebbe aiutare anche la mente.

esercizio fisico cervello

I ricercatori dell'University of Iowa hanno scoperto che un singolo periodo di esercizio, in alcune persone anziane,  migliora le funzioni cognitive e la memoria di lavoro. In esperimenti che includevano attività fisica, scansioni del cervello e test della memoria di lavoro, i ricercatori hanno anche scoperto che i partecipanti hanno sperimentato gli stessi benefici cognitivi e hanno migliorato la memoria con una singola sessione di allenamento rispetto a una sessione di esercizi più lunga e regolare.


"Una delle implicazioni di questo studio è che potresti pensare ai benefici giorno dopo giorno", afferma Michelle Voss, assistente professore del Department of Psychological and Brain Sciences e autrice dello studio. "In termini di cambiamento comportamentale e benefici cognitivi derivanti dall'attività fisica, puoi dire: 'Sarò attivo solo oggi. Ne trarrò beneficio.' Quindi per ottenere una sorta di picco ottimale di prestazioni, non devi pensarci come se ti allenassi per una maratona. Potresti semplicemente lavorarci giorno per giorno per ottenere quei benefici".

Ricerche precedenti hanno dimostrato che l'esercizio fisico può dare una spinta mentale. Ma i benefici variano: una persona può migliorare cognitivamente , mentre un'altra persona può mostrare un miglioramento scarso o nullo.

Sono state condotte ricerche limitate su come una singola sessione di attività fisica possa influenzare la cognizione e la memoria di lavoro, in particolare nelle popolazioni più anziane, nonostante l'evidenza che alcune funzioni cerebrali scivolino via via che le persone invecchiano.

Voss voleva capire come una singola sessione di allenamento potesse influenzare le persone anziane. Il suo team ha arruolato 34 adulti con età compresa tra i 60 e gli 80 anni sani ma non regolarmente attivi. Ogni partecipante ha utilizzat una cyclette in due occasioni separate: una con una resistenza più leggera e una più faticosa, per 20 minuti. Prima e dopo ogni sessione di allenamento, ciascun partecipante ha subito una scansione del cervello e ha completato un test di memoria.

Nella scansione del cervello, i ricercatori hanno esaminato picchi di attività in regioni note per essere coinvolte nella raccolta e nella condivisione di memorie. Nei test di memoria di lavoro, ogni partecipante ha utilizzato uno schermo del computer per guardare una serie di otto facce di giovani adulti che ruotavano ogni tre secondi e dovevano dire quando vedevano lo stesso volto due volte.

Dopo una singola sessione di esercizi, i ricercatori hanno trovato, in alcuni individui, una connettività aumentata tra il temporale mediale (che circonda il centro di memoria del cervello, l'ippocampo) e la corteccia parietale e la corteccia prefrontale, due regioni coinvolte nella conoscenza e nella memoria. Quegli stessi individui hanno anche eseguito meglio i test di memoria. Altri individui hanno mostrato poco o nessun miglioramento.

I ricercatori hanno scoperto che, per coloro che hanno mostrato miglioramenti, l'aumento della cognizione e della memoria causato da una singola sessione di allenamento è durato solo poco tempo.

Pubblicità


"I vantaggi possono esserci molto più rapidamente di quanto la gente pensi", afferma Voss. "La speranza è che molte persone continuino così perché quei benefici per il cervello sono temporanei. Comprendere esattamente quanto durano i benefici dopo una singola sessione e perché alcuni benefici più di altri, sono direzioni entusiasmanti per la ricerca futura."

I partecipanti si sono anche esercitati regolarmente, pedalando su una cyclette per 50 minuti tre volte a settimana per tre mesi. Un gruppo ha praticato una pedalata a intensità moderata, mentre un altro gruppo ha fatto un allenamento per lo più leggero in cui i pedali della bici si muovevano quasi autonomamente.

La maggior parte degli individui nei gruppi di intensità moderata e più leggera ha mostrato benefici mentali, a giudicare dalle scansioni del cervello e dai test della memoria di lavoro dati all'inizio e alla fine del periodo di esercizio di tre mesi. Ma i miglioramenti del cervello non erano superiori ai miglioramenti di quando si erano esercitati una sola volta.

"Il risultato che una singola sessione di esercizio aerobico imita gli effetti di 12 settimane di allenamento sulle prestazioni, ha importanti implicazioni sia dal punto di vista pratico che teorico", scrivono gli autori.

I ricercatori fanno notare che il loro studio includeva un piccolo pool di partecipanti, con una popolazione omogenea che escludeva chiunque con condizioni di salute cronica o che stava prendendo beta-bloccanti.

Per ovviare a tali limiti, Voss ha ampliato il suo pool di partecipanti in un attuale studio quinquennale per confermare i risultati iniziali e conoscere meglio come l'esercizio fisico altera il cervello delle persone anziane. I partecipanti sono individui anziani sani, non fisicamente attivi, simili al profilo dei partecipanti nei risultati dello studio riportati qui.

La ricerca è stata finanziata dal National Institute on Aging, facente parte del National Institutes of Health.




FONTE:

  • Michelle W. Voss, Timothy B. Weng, Krithika Narayana-Kumanan, Rachel C. Cole, Conner Wharff, Lauren Reist, Lyndsey DuBose, Gardar Sigurdsson, James A. Mills, Jeffrey D. Long, Vincent A. Magnotta, Gary L. Pierce. Acute Exercise Effects Predict Training Change in Cognition and Connectivity. Medicine & Science in Sports & Exercise, 2019; 1 DOI: 10.1249/MSS.0000000000002115



Articolo a cura del dottor Andrea di Maio


Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: cervello esercizio fisico news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

La cronicità di una depression…

Arianna, 46 anni     Buongiorno, ho una lunga storia pregressa di disturbo depressivo (con lieve dissociazione), di cui 16 anni inclusivi di di...

Attacchi di Panico (1575078292…

helga, 48 anni     Soffro di attacchi di panico incontrollabili, ansia incontrollabile e angoscia crescente e costante. Paura incontrollabile...

Sofferenza interna e obiettivi…

Mauro, 31 anni     Durante tutta la mia vita ho perseguito obiettivi molto impegnativi. Oggettivamente giorno dopo giorno dopo giorno, mi sto re...

Area Professionale

Psicologo Faber

Lo psicologo non è solo quello che cura ma, in senso più ampio, è interessato al benessere e alla crescita tanto delle singole persone quanto delle comunità. Co...

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le regole fondamentali per psi…

La professione di psicologo oggi ha, inevitabilmente, anche una proiezione nel marketing sanitario e professionale. I video sono parte fondamentale di questo se...

Le parole della Psicologia

La Serotonina

La serotonina (5-HT) è una triptamina, neurotrasmettitore monoaminico sintetizzato nei neuroni serotoninergici nel sistema nervoso centrale, nonché nelle cellul...

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

Acting out

Il termine Acting out , letteralmente “passaggio all’atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’individuo per esprimere vissuti co...

News Letters

0
condivisioni