Pubblicità

L'esercizio ha effetti benefici nel cervello degli anziani

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 436 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

L' allenamento fisico modifica il flusso sanguigno e migliora la performance cognitiva negli anziani.

anziani

Un nuovo studio pubblicato dai ricercatori dell' University of Maryland School of Public Health nel Journal of Alzheimer's Disease ha dimostrato che l'esercizio è stato associato con un miglioramento delle funzioni cognitive in un gruppo di individui diagnosticati con un lieve deterioramento cognitivo (MCI) e un decremento della pressione sanguigna in regioni chiave del cervello.

" Una riduzione della pressione arteriosa potrebbe sembrare un po' contraria a ciò che si suppone accada dopo aver svolto un programma di esercizi", ha spiegato il Dottor J. Carson Smith, professore persso il Department of Kinesiology. "Ma in seguito a 12 settimane di esercizi, i soggetti con MCI hanno avuto una dimunuzione del flusso sanguigno cerebrale. Simultaneamente  i loro punteggi ai test cognitivi miglioravano ".

Il Dr. Smith  spiega che per quelli che iniziano a sperimentare una lieve perdita di memoria, il cervello è in "modalità di crisi" e potrebbe tentare di compensare  l'incapacità di funzionare in modo ottimale aumentando il flusso sanguigno cerebrale. Mentre il flusso ematico cerebrale elevato è generalmente considerato benefico per la funzione cerebrale, ci sono prove che suggeriscono che potrebbe effettivamente essere un segno di ulteriore perdita di memoria in quelli diagnosticati con MCI.

I risultati di questo studio condotto dal Dr Smith e il suo team suggeriscono che l'esercizio fisico potrebbe essere efficace nel ridurre questa pressione sanguigna compensatoria e migliorare l'efficenza cognitiva in quelli che si trovano nelle primissime fasi del Morbo di Alzheimer.

 

Pubblicità

 

Anche un gruppo di controllo di anziani cognitivamente sani senza deterioramento cognitivo sono stati sottoposti ad un programma di allenamento fisico, costituito da 4 sessioni da 30 minuti di tapis roulant di media intensità alla settimana. Ma il programma ha prodotto risposte diverse da ciascun gruppo.

A differenza del gruppo con MCI, il cui esercizio fisico ha diminuito il flusso ematico cerebrale, l'allenamento ha aumentato il flusso ematico cerebrale nella corteccia frontale nel gruppo sano dopo 12 settimane. Anche le loro prestazioni ai test cognitivi sono migliorate in modo significativo, com'è stato osservato nel gruppo con MCI.

Per questo studio, i cambamenti nel flusso sanguigno cerebrale sono stati rilevati in specifiche regioni del cervello che sono riconosciute essere coinvolte nella patogenisi del Morbo di Alzheimer, comprendendo l'insula (coinvolta nella percezione, controllo motorio, consapevolezza di sé, funzioni cognitive), la corteccia anteriore cingolata (coinvolta nella presa di decisione, anticipazione, controllo degli impulsi ed emozioni) e il giro frontale inferiore (coinvolto nell'elaborazione del linguaggio e nella produzione del linguaggio).

In particolare, tra quelli con MCI, la diminuzione del flusso sanguigno cerebrale nell'insula sinistra e nella corteccia cingolata anteriore sinistra erano fortemente correlati con prestazioni migliori a un test di associazione di parole usato per misurare la memoria e la salute cognitiva.

Uno studio precedente condotto sempre dal Dr. Smith si è concentrato sul modo in cui l'intervento con l'esercizio ha influenzato i cambiamenti nella rete neuronale cerebrale conosciuta essere associata con la perdita di memoria e l'accumulazione di amiloide, entrambi segnale di MCI and dell' Alzheimer.

"La nostra ricerca fornisce evidenze secondo le quali l'esercizio fisico potrebbe migliorare le funzioni cerebrali negli individui che già presentano un declino cognitivo", il Dr. Smith ha affermato con ottimismo: "Abbiamo interesse a individuare le persone che sono a maggior rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer il prima possibile nel processo della malattia. Stiamo osservando che l'esercizio fisico può avere un impatto sui biomarcatori della funzione cerebrale in un modo che potrebbe proteggere le persone prevenendo o rimandando l'insorgenza della demenza."

 

 

Tratto da Science Daily

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Giulia Inglese)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: MCI esercizio fisico anziani pressione news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

fobia per le autostrade [16030…

roberto, 45 anni vorrei conoscere la terapia più adatta per una fobia specifica delle autostrade cronica. ...

Ansia da competizione [1601631…

elisa37, 37 anni Gentili dottori Il mio problema e' un po' imbarazzante, ma un problema che ha sempre fortemente limitato la mia vita e ancora non sono ri...

non riesco a capire e passo le…

Luca, 47 anni Buongiorno a tutti Ho 47 anni e sono un docente di ruolo (solo da due anni). Ho faticato tutta la vita per avere una posizione come questa e ...

Area Professionale

Ansia infantile e disturbo da …

Un recente studio ha evidenziato come bambini e adolescenti con livelli più elevati di ansia possono essere maggiormente a rischio di sviluppare problemi di alc...

La Tecnica degli Assi Emoziona…

Perché non esistono Emozioni buone ed Emozioni cattive? di Tiziana Persichetti Auteri “Tutti sanno cosa è un emozione fino a che non si chiede di definirla ...

Conoscere i farmaci: le benzod…

Le benzodiazepine rappresentano una classe di farmaci psicoattivi utilizzati per trattare alcune condizioni come ansia e insonnia. Le benzodiazepine sono uno d...

Le parole della Psicologia

Autotopoagnosia

L'autotopoagnosia è un disturbo di rappresentazione corporea, clinicamente raro, in cui è presente l'incapacità di indicare le parti del corpo. Nella maggior p...

Autostima

L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se stesso tramite l'autoapprovazione del proprio valore personale ...

Disfunzioni Sessuali

La classificazione proposta dall’ICD-10 (International Classification of Diseases, Decima Versione) indica, innanzitutto, quattro criteri generali per poter d...

News Letters

0
condivisioni