Pubblicità

L'impatto dell'isolamento dei bambini oggi potrebbe manifestarsi nella depressione per gli anni a venire

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1060 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Una rapida rassegna dell' impatto dell'isolamento sulla salute mentale di  bambini e giovani conclude che potrebbe esserci un picco nella richiesta di servizi di salute mentale negli anni a venire.

L'impatto dell'isolamento dei bambini oggi potrebbe manifestarsi nella depressione per gli anni a venire

Secondo gli autori di una nuova review sugli effetti del lockdown nel lungo periodo sulla salute mentale, è probabile che i bambini e gli adolescenti sperimentino alti tassi di depressione e ansia molto tempo dopo la fine dell'attuale blocco e dell'isolamento sociale e che i servizi clinici debbano essere preparati per un futuro aumento della domanda.

La ricerca, che si basa su oltre 60 studi preesistenti e peer-review su argomenti riguardanti l'isolamento, la solitudine e la salute mentale per i giovani di età compresa tra 4 e 21 anni, è stata pubblicata lunedì, 1 giugno 2020, sul Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry.

Secondo la recensione, i giovani che sono stati isolati potrebbero avere una probabilità tre volte maggiore di sviluppare la depressione in futuro e che l'impatto della solitudine sulla salute mentale potrebbe durare per almeno 9 anni.

Gli studi evidenziano un'associazione tra isolamento e aumento del rischio di problemi di salute mentale per i giovani. Vi sono anche prove che la durata dell'isolamento può essere più importante dell'intensità nell'aumentare il rischio di depressione futura tra i giovani.

Questo, affermano gli autori, dovrebbe rappresentare un avvertimento per i responsabili politici del previsto aumento della domanda di servizi di salute mentale da parte di giovani e giovani adulti negli anni a venire, sia qui nel Regno Unito che nel mondo.

La dott.ssa Maria Loades, psicologa clinica del Dipartimento di Psicologia dell'Università di Bath, che ha guidato il lavoro, ha spiegato: "Dalla nostra analisi, è chiaro che ci sono forti associazioni tra isolamento e depressione nei giovani, sia nell'immediato che nel lungo periodo. Sappiamo che a volte questo effetto può essere differito, il che significa che possono essere necessari fino a 10 anni per capire davvero la portata dell'impatto sulla salute mentale che la crisi del covid-19 ha creato. "

Per gli insegnanti e i responsabili politici che si stanno attualmente preparando per un riavvio graduale delle scuole nel Regno Unito, previsto da oggi, lunedì 1 giugno, il dott. Loades suggerisce che la ricerca potrebbe avere importanti implicazioni anche su come gestire questo processo.

Pubblicità

Aggiunge: "Esistono prove del fatto che è la durata dell'isolamento in contrapposizione all'intensità dello stesso che sembra avere il maggiore impatto sui tassi di depressione nei giovani. Ciò significa che tornare a un certo grado di normalità il prima possibile è ovviamente importante. Tuttavia è anche importante il modo in cui viene gestito questo processo quando si tratta di modellare i sentimenti e le esperienze dei giovani su questo periodo".

"Per i più piccoli e il loro ritorno a scuola da questa settimana, dobbiamo dare la priorità all'importanza del gioco nell'aiutarli a riconnettersi con gli amici e adattarsi dopo questo intenso periodo di isolamento."

I membri del team di revisione sono stati anche coinvolti in una recente lettera aperta al segretario all'istruzione del Regno Unito, Gavin Williamson MP, incentrata sul sostegno al benessere sociale ed emotivo dei bambini durante e dopo il blocco. Nella loro lettera hanno suggerito che:

  • L'allentamento delle restrizioni al lockdown dovrebbe essere fatto in modo tale da offrire a tutti i bambini il tempo e l'opportunità di giocare con i coetanei, dentro e fuori la scuola e anche se rimangono in atto misure di distanziamento sociale;
  • Le scuole dovrebbero disporre di risorse adeguate e ricevere chiare indicazioni su come sostenere il benessere emotivo dei bambini durante il periodo di transizione man mano che le scuole riaprono e che il gioco - piuttosto che il progresso accademico - dovrebbe essere la priorità durante questo periodo;
  • I benefici sociali ed emotivi del gioco e dell'interazione con i coetanei devono essere chiaramente comunicati, insieme alla guida sui rischi oggettivi per i bambini.

Riconoscendo i compromessi che devono essere raggiunti in termini di riavvio dell'economia e riduzione delle disparità educative, la loro lettera al Segretario all'Istruzione conclude: "La cattiva salute emotiva nei bambini porta a problemi di salute mentale a lungo termine, risultati scolastici più scarsi e ha un notevole onere economico ".

 

Reference

M. Loades et al. Rapid Systematic Review: The impact of social isolation and loneliness on the mental health of children and adolescents in the context of COVID-19Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry, 2020 DOI: 10.1016/j.jaac.2020.05.009

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: depressione adolescenza infanzia isolamento

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

La mia ragazza è stata violent…

Marco, 30 anni Proverò a essere breve. Mi sono sempre sentito in generale infelice, anche quando le cose mi vanno bene, ho sempre avuto difficoltà nelle r...

Non ce la faccio più [15922277…

Ciao03, 16 anni Voglio finirla qua, non riesco più ad andare avanti. Ho 16 anni e sono sempre stata una persona estroversa e vivace piena di amici. Nonos...

Vorrei avere maggiori informaz…

eleonora, 33 anni  Buongiorno. Sono Eleonora, la ragazza di 33 anni che vi ha scritto (la mia domanda è intitolata “La mia vita con gli attacchi di p...

Area Professionale

Il Test del Villaggio nel post…

Il periodo di pandemia collegata al Covid-19 tende progressivamente a ridursi e diventa utile analizzare le reazioni dei pazienti alla somministrazione del Test...

L’intervento psicologico clini…

Il periodo di emergenza e di pandemia che stiamo affrontando ha imposto una rivisitazione, da parte degli operatori, dei criteri di gestione dell'approccio clin...

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Le parole della Psicologia

Gelosia retroattiva

La gelosia retroattiva prende anche il nome di sindrome di Rebecca, nome ispirato dal film di Alfred Hitchcock, ovvero Rebecca la prima moglie, tratto dal roman...

I gruppi Balint

I gruppi Balint iniziarono verso la fine degli anni ’40 quando fu chiesto a Michael e a Enid Balint di fornire ai medici generici una formazione psichiatrica pe...

Dipendenza

La dipendenza è una condizione di bisogno incoercibile di uno specifico comportamento o di una determinata sostanza (stupefacenti, farmaci, alcol, shopping, Int...

News Letters

0
condivisioni