Pubblicità

L'impatto dell'isolamento dei bambini oggi potrebbe manifestarsi nella depressione per gli anni a venire

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1546 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Una rapida rassegna dell' impatto dell'isolamento sulla salute mentale di  bambini e giovani conclude che potrebbe esserci un picco nella richiesta di servizi di salute mentale negli anni a venire.

L'impatto dell'isolamento dei bambini oggi potrebbe manifestarsi nella depressione per gli anni a venire

Secondo gli autori di una nuova review sugli effetti del lockdown nel lungo periodo sulla salute mentale, è probabile che i bambini e gli adolescenti sperimentino alti tassi di depressione e ansia molto tempo dopo la fine dell'attuale blocco e dell'isolamento sociale e che i servizi clinici debbano essere preparati per un futuro aumento della domanda.

La ricerca, che si basa su oltre 60 studi preesistenti e peer-review su argomenti riguardanti l'isolamento, la solitudine e la salute mentale per i giovani di età compresa tra 4 e 21 anni, è stata pubblicata lunedì, 1 giugno 2020, sul Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry.

Secondo la recensione, i giovani che sono stati isolati potrebbero avere una probabilità tre volte maggiore di sviluppare la depressione in futuro e che l'impatto della solitudine sulla salute mentale potrebbe durare per almeno 9 anni.

Gli studi evidenziano un'associazione tra isolamento e aumento del rischio di problemi di salute mentale per i giovani. Vi sono anche prove che la durata dell'isolamento può essere più importante dell'intensità nell'aumentare il rischio di depressione futura tra i giovani.

Questo, affermano gli autori, dovrebbe rappresentare un avvertimento per i responsabili politici del previsto aumento della domanda di servizi di salute mentale da parte di giovani e giovani adulti negli anni a venire, sia qui nel Regno Unito che nel mondo.

La dott.ssa Maria Loades, psicologa clinica del Dipartimento di Psicologia dell'Università di Bath, che ha guidato il lavoro, ha spiegato: "Dalla nostra analisi, è chiaro che ci sono forti associazioni tra isolamento e depressione nei giovani, sia nell'immediato che nel lungo periodo. Sappiamo che a volte questo effetto può essere differito, il che significa che possono essere necessari fino a 10 anni per capire davvero la portata dell'impatto sulla salute mentale che la crisi del covid-19 ha creato. "

Per gli insegnanti e i responsabili politici che si stanno attualmente preparando per un riavvio graduale delle scuole nel Regno Unito, previsto da oggi, lunedì 1 giugno, il dott. Loades suggerisce che la ricerca potrebbe avere importanti implicazioni anche su come gestire questo processo.

Pubblicità

Aggiunge: "Esistono prove del fatto che è la durata dell'isolamento in contrapposizione all'intensità dello stesso che sembra avere il maggiore impatto sui tassi di depressione nei giovani. Ciò significa che tornare a un certo grado di normalità il prima possibile è ovviamente importante. Tuttavia è anche importante il modo in cui viene gestito questo processo quando si tratta di modellare i sentimenti e le esperienze dei giovani su questo periodo".

"Per i più piccoli e il loro ritorno a scuola da questa settimana, dobbiamo dare la priorità all'importanza del gioco nell'aiutarli a riconnettersi con gli amici e adattarsi dopo questo intenso periodo di isolamento."

I membri del team di revisione sono stati anche coinvolti in una recente lettera aperta al segretario all'istruzione del Regno Unito, Gavin Williamson MP, incentrata sul sostegno al benessere sociale ed emotivo dei bambini durante e dopo il blocco. Nella loro lettera hanno suggerito che:

  • L'allentamento delle restrizioni al lockdown dovrebbe essere fatto in modo tale da offrire a tutti i bambini il tempo e l'opportunità di giocare con i coetanei, dentro e fuori la scuola e anche se rimangono in atto misure di distanziamento sociale;
  • Le scuole dovrebbero disporre di risorse adeguate e ricevere chiare indicazioni su come sostenere il benessere emotivo dei bambini durante il periodo di transizione man mano che le scuole riaprono e che il gioco - piuttosto che il progresso accademico - dovrebbe essere la priorità durante questo periodo;
  • I benefici sociali ed emotivi del gioco e dell'interazione con i coetanei devono essere chiaramente comunicati, insieme alla guida sui rischi oggettivi per i bambini.

Riconoscendo i compromessi che devono essere raggiunti in termini di riavvio dell'economia e riduzione delle disparità educative, la loro lettera al Segretario all'Istruzione conclude: "La cattiva salute emotiva nei bambini porta a problemi di salute mentale a lungo termine, risultati scolastici più scarsi e ha un notevole onere economico ".

 

Reference

M. Loades et al. Rapid Systematic Review: The impact of social isolation and loneliness on the mental health of children and adolescents in the context of COVID-19Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry, 2020 DOI: 10.1016/j.jaac.2020.05.009

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: depressione adolescenza infanzia isolamento

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Morte del padre senza emozioni…

 bianca, 54 anni     Buongiorno Dottori, da qualche settimana è morto mio padre di 81 anni dopo una breve malattia. Non ho mai avuto un b...

Il mio fidanzato mi umilia [1…

Ragazza991, 19 anni         Buonasera,   sono fidanzata da due anni, e ormai è da un anno o poco più che ogni volta che gl...

Aiuto [1610926691822]

Brigida, 38 anni     Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni. Da un annetto circ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Prosopoagnosia

La prosopoagnosia (o prosopagnosia) è un deficit percettivo del sistema nervoso centrale che impedisce il riconoscimento dei volti delle persone (anche dei fami...

Il metadone

Il metadone è un oppioide sintetico, usato in medicina come analgesico nelle cure palliative e utilizzato per ridurre l'assuefazione nella terapia sostitutiva d...

Il linguaggio

L’uomo comunica sia verbalmente che attraverso il non verbale. Il processo del linguaggio ha suscitato da sempre l’interesse degli studiosi essendo essa una car...

News Letters

0
condivisioni