Pubblicità

L'intelligenza artificiale aiuta gli scienziati a comprendere l'attività cerebrale dietro i pensieri

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 149 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

I ricercatori hanno sviluppato modelli di intelligenza artificiale (AI) che li aiutano a comprendere meglio i calcoli cerebrali che sono alla base dei pensieri.

Lintelligenza artificiale aiuta gli scienziati a comprendere lattività cerebrale dietro i pensieri

Un team guidato da ricercatori del Baylor College of Medicine e della Rice University ha sviluppato modelli di intelligenza artificiale (AI) che li aiutano a comprendere meglio i calcoli cerebrali che sono alla base dei pensieri.

Questa è una novità perché fino ad ora non esisteva alcun metodo per misurare i pensieri.

I ricercatori hanno prima sviluppato un nuovo modello in grado di stimare i pensieri valutando il comportamento, quindi hanno testato il loro modello su un cervello artificiale addestrato dove hanno trovato l'attività neurale associata a quelle stime dei pensieri.

Lo studio teorico appare in Proceedings of the National Academy of Sciences..

 "Per secoli, i neuroscienziati hanno studiato come funziona il cervello mettendo in relazione l'attività cerebrale con input e output. Ad esempio, quando studiano la neuroscienza del movimento, gli scienziati misurano i movimenti muscolari e l'attività neuronale, e poi mettono in relazione queste due misurazioni", ha detto il corrispondente autore Dr. Xaq Pitkow, assistente professore di neuroscienze alla Baylor e di ingegneria elettrica e informatica alla Rice.

"Per studiare la cognizione nel cervello, tuttavia, non abbiamo nulla con cui confrontare l'attività neurale misurata".

Per capire come il cervello dà origine al pensiero, i ricercatori devono prima misurare un pensiero. Hanno sviluppato un metodo chiamato "Controllo razionale inverso" che esamina un comportamento e deduce le convinzioni o i pensieri che meglio spiegano quel comportamento.

Tradizionalmente, i ricercatori in questo campo hanno lavorato con l'idea che gli animali risolvano i compiti in modo ottimale, comportandosi in un modo che massimizza i loro benefici netti.

Ma quando gli scienziati studiano il comportamento degli animali, scoprono che non è sempre così.

Pubblicità

"A volte gli animali hanno convinzioni o supposizioni 'sbagliate' su ciò che sta accadendo nel loro ambiente, ma cercano comunque di trovare i migliori risultati a lungo termine per il loro compito, dato quello che credono stia succedendo intorno a loro”.

Questo potrebbe spiegare perché gli animali sembrano comportarsi in modo subottimale ", ha detto Pitkow, che è anche McNair Scholar presso Baylor, co-direttore del Baylor's Center for Neuroscience and Artificial Intelligence e membro della Rice Neuroengineering Initiative.

 Ad esempio, considera un animale che sta cacciando e sente molti rumori che associa alla preda.

Se una potenziale preda emette tutti i rumori, il comportamento ottimale per il cacciatore è quello di indirizzare costantemente i suoi movimenti a un singolo rumore.

Se il cacciatore crede erroneamente che i rumori provengano da molti animali diversi, può scegliere un comportamento non ottimale, come scansionare costantemente l'ambiente circostante per cercare di individuarne uno.

Agendo in base alla sua convinzione o supposizione che ci siano molte potenziali prede nelle vicinanze, il cacciatore si comporta in un modo che è simultaneamente "razionale" e "non ottimale".

Nella seconda parte del lavoro, Pitkow ei suoi colleghi hanno sviluppato un modello per mettere in relazione i pensieri identificati utilizzando il metodo del controllo razionale inverso all'attività cerebrale.

"Possiamo guardare le dinamiche dei pensieri modellati e le dinamiche delle rappresentazioni cerebrali di quei pensieri. Se queste dinamiche corrono parallele l'una all'altra, allora abbiamo fiducia che stiamo catturando gli aspetti dei calcoli cerebrali coinvolti in quei pensieri ", Ha detto Pitkow.

"Fornendo metodi per stimare i pensieri e interpretare l'attività neurale ad essi associata, questo studio può aiutare gli scienziati a capire come il cervello produce comportamenti complessi e fornire nuove prospettive sulle condizioni neurologiche".

 

 Reference:

  1. Zhengwei Wu, Minhae Kwon, Saurabh Daptardar, Paul Schrater, Xaq Pitkow. Rational thoughts in neural codesProceedings of the National Academy of Sciences, 2020; 201912336 DOI: 10.1073/pnas.1912336117

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Altro

Chi vive aspettando... muore penando

Le aspettative, fino a qualche anno fa, erano per me la bestia nera da abbattere. Ero convinta che fossero in assoluto da estirpare perché, del resto, le mie non si sono poi tanto realizzate, almeno...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Perdere le persone importanti …

  Crazy, 48 anni Buonasera, chiedo come si fa ad accettare prima la perdita di un marito e dopo poco quella di un fratello. {loadposition pub3} &n...

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Castrazione (complesso di)

Insieme di emozioni, sentimenti e immagini inconsce fissate nell’adulto che non ha superato l’angoscia di castrazione. La riattivazione di questa paura repres...

Isteria

L'isteria è una sindrome psiconevrotica, caratterizzata da manifestazioni somatiche e psichiche, che insorgono generalmente sulla base di una personalità isteri...

Personalità

“Esistono bisogni emotivi primitivi, esistono bisogni di evitare la punizione e di conservare il favore del gruppo sociale, esistono bisogni di mantenere l’armo...

News Letters

0
condivisioni