Pubblicità

L'ipotiroidismo nelle madri incinte è legato all'ADHD nei loro figli

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 139 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Bassi livelli di sostanze chimiche chiave che regolano il corpo nelle madri durante i primi tre mesi di gravidanza possono interferire con lo sviluppo del cervello del bambino

Lpotiroidismo nelle madri incinte è legato allADHD nei loro figli

Queste sostanze chimiche, o ormoni, sono prodotte nella ghiandola tiroidea nel collo e sono note per influenzare la crescita fetale.

Gli scienziati hanno sospettato che interruzioni nella loro produzione, o ipotiroidismo, possano contribuire al disturbo da deficit di attenzione / iperattività (ADHD), che è il disturbo dello sviluppo neurologico più comune dei bambini negli Stati Uniti.

Guidata da un ricercatore della NYU Long Island School of Medicine, la nuova indagine ha mostrato che i bambini alle cui madri era stato diagnosticato l'ipotiroidismo poco prima o durante le prime fasi della gravidanza avevano il 24% in più di probabilità di avere l'ADHD rispetto ai bambini le cui madri non avevano la diagnosi.

Gli autori affermano che i loro risultati mostrano anche che i ragazzi nati da donne ipotiroidee erano quattro volte più vulnerabili all'ADHD rispetto alle ragazze le cui madri avevano ipotiroidismo.

I bambini ispanici nati da madri ipotiroidee avevano il rischio più alto di qualsiasi gruppo etnico studiato.

"I nostri risultati chiariscono che la salute della tiroide ha probabilmente un ruolo molto più importante nello sviluppo del cervello fetale e nei disturbi comportamentali come l'ADHD di quanto abbiamo capito in precedenza", afferma l'autore principale dello studio Morgan Peltier, PhD.

Peltier è professore associato nei dipartimenti di ostetricia clinica, ginecologia e medicina riproduttiva presso il NYU Winthrop Hospital, parte della NYU Langone Health.

Tra i risultati dello studio cè emerso anche che una volta che una gravidanza aveva raggiunto il secondo trimestre, l'ipotiroidismo di una donna aveva scarso effetto sui suoi figli.

Una possibile spiegazione, dice Peltier, è che a questo punto il feto ha iniziato a produrre i propri ormoni tiroidei e quindi è meno vulnerabile alle carenze della madre.

La nuova indagine, pubblicata sull'American Journal of Perinatology, ha seguito 329.157 bambini dalla nascita fino all'età di 17 anni, tutti nati negli ospedali Kaiser Permanente della California meridionale.

Secondo gli autori dello studio, è il primo sforzo su larga scala negli Stati Uniti per esaminare un potenziale legame tra l'ipotiroidismo di una madre e l'ADHD nei suoi figli.

Pubblicità

Gli autori hanno notato anche che, a differenza delle precedenti ricerche in Europa, il nuovo studio americano includeva persone di diverse etnie e ha osservato i bambini per quasi due decenni.

Questo lungo periodo di studio, afferma l'autore principale Peltier, ha permesso ai ricercatori di catturare meglio i casi di ADHD nei bambini man mano che invecchiano e progrediscono attraverso la scuola.

Come parte della nuova ricerca, il team ha analizzato le cartelle cliniche dei bambini e raccolto informazioni chiave sulle loro madri, inclusa l'età durante la gravidanza, la razza e il reddito familiare.

Tutti i bambini sono stati valutati per l'ADHD utilizzando gli stessi criteri, che secondo gli autori hanno aiutato a prevenire incongruenze nel modo in cui sono stati identificati i casi del disturbo.

Secondo i risultati, complessivamente 16.696 bambini sono stati diagnosticati con ADHD.

I bambini ispanici le cui madri avevano bassi livelli di ormone tiroideo durante la gravidanza avevano un rischio aumentato del 45% per il disturbo dello sviluppo neurologico rispetto a un rischio aumentato del 22% nei bambini bianchi le cui madri avevano la stessa condizione.

Peltier afferma che i risultati del suo team sono abbastanza forti da garantire un attento monitoraggio delle donne in gravidanza con bassi livelli di ormone tiroideo.

Aggiunge che i bambini le cui madri avevano bassi livelli di ormone tiroideo durante la gravidanza potrebbero potenzialmente beneficiare di una sorveglianza precoce dei segni di ADHD, come disattenzione, iperattività e difficoltà a concentrarsi su un compito.

Ricerche precedenti hanno scoperto che un intervento rapido può aiutare a gestire l'ADHD e rendere più facile per i bambini avere successo in classe e nell'apprendimento delle abilità sociali.

Il team di studio prevede quindi di indagare se l'ipotiroidismo durante la gravidanza può aumentare il rischio di altri disturbi dello sviluppo neurologico, come l'epilessia, la paralisi cerebrale e le difficoltà nel linguaggio.

Intendono anche esplorare altri fattori che possono aumentare il rischio di ADHD nei bambini, come l'esposizione durante la gravidanza a tossine ambientali come i ritardanti di fiamma che si trovano nei mobili imbottiti, nei dispositivi elettronici e in altri elettrodomestici.

 

Reference:

  1. Morgan R. Peltier, Michael J. Fassett, Vicki Y. Chiu, Darios Getahun. Maternal Hypothyroidism Increases the Risk of Attention-Deficit Hyperactivity Disorder in the Offspring. American Journal of Perinatology, 2020 DOI: 10.1055/s-0040-1717073

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Perdere le persone importanti …

  Crazy, 48 anni Buonasera, chiedo come si fa ad accettare prima la perdita di un marito e dopo poco quella di un fratello. {loadposition pub3} &n...

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Anoressia Nervosa

L'anoressia nervosa è un disturbo alimentare, caratterizzato da una consistente perdita di peso, disturbi dell'immagine corporea, timore di ingrassare e amenorr...

Psicoterapia

La psicoterapia è una forma d’intervento terapeutico nei confronti di disturbi emotivi, comportamentali, ecc., condotto con tecniche psicologiche. La Psicote...

Gelosia retroattiva

La gelosia retroattiva prende anche il nome di sindrome di Rebecca, nome ispirato dal film di Alfred Hitchcock, ovvero Rebecca la prima moglie, tratto dal roman...

News Letters

0
condivisioni