Pubblicità

L'ippocampo è implicato nella pianificazione nel futuro

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 927 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (3 Voti)

Un team di scienziati ha riportato, per la prima volta, l'evidenza che l'ippocampo umano sia necessario per la pianificazione nel futuro

ippocampo news

La ricerca, pubblicato sul giornale "Neuron", collega il ruolo nella memoria a lungo termine con la nostra abilità di utilizzare la nostra intelligenza di mappare gli effetti futuri delle nostre azioni.

I risultati hanno implicazioni sul ruolo che pensiamo abbia l'ippocampo, ad esempio nel disturbo di Alzheimer, il deficit non è solo sulla memoria ma anche sul processo decisionale. Il lavoro si è concentrato sulla mappa cognitiva dell'ippocampo, il sistema di localizzazione spaziale scoperto da John O'Keefe dello University College of London, premiato nel 2014 con il Nobel per la Fisiologia e Medicina.

La mappa cognitiva dell'ippocampo è stata a lungo pensata permettere una "simulazione mentale" delle conseguenze future delle nostre azioni, quindi della pianificazione futura. Comunque, non ci sono evidenze precedenti sugli umani che l'ippocampo sia necessario per la pianificazione.

"I nostri risultati mostrano che la pianificazione futura ed il ricordare la nostra posizione nello spazio dipendano dall'ippocampo umano. Spiegando il contributo dell'ippocampo sul comportamento, lo studio potrebbe avere delle implicazioni per i disturbi in cui l'ippocampo è lesionato, come l'epilessia ed il morbo di Alzheimer" ha spiegato Oliver Vikbladh,dottorato del New York University's Center for Neural Science e capo autore dell'articolo.

"Per una migliore comprensione sul contributo dell'ippocampo nella pianificazione, noi abbiamo testato i pazienti con epilessia, condizione che è conosciuta danneggiare l'ippocampo, e che qualche volta viene trattata con un'operazione chirurgica dell'area danneggiata, il tessuto ippocampale cerebrale" ha spiegato Orrin Devinsky, direttore del NYU Langone Medical Center's Comprehensive Epilepsy Center e co-autore dell'articolo.

Gli autori dello studio hanno confrontato i pazienti epilettici con gli adulti sani, entrambi i gruppi effettuarono dei test al computer che valutavano la memoria spaziale e l'abilità di pianificazione nel futuro. Ai partecipanti veniva chiesto di richiamare le posizioni di oggetti in un arena in realtà virtuale e di effettuare un compito che coinvolgeva l'apprendimento della relazione tra le loro azioni e le conseguenze e del pianificare.

Pubblicità

"Questi compiti avevano lo scopo di catturare le funzioni che ci permettono di trovare la nostra macchina nel parcheggio, pianificare i movimenti a scacchi o immaginare come finirà un videogioco" ha spiegato Vikbladh. I risultati rivelarono che, dal confronto, i pazienti con epilessia mostravano una memoria spaziale inferiore e mostravano inoltre un deficit nella pianificazione.

Infatti, i pazienti con epilessia erano più tendenti a formare delle abitudini - azioni ripetute che erano state premiate in passato senza considerare le conseguenze. Gli scienziati sono riusciti anche a collegare il deficit nella pianificazione all'entità del danno nell'ippocampo nei pazienti epilettici.

"Queste scoperte sono coerenti con "l'ipotesi a lungo termine" per cui l'ippocampo sarebbe organizzato in una 'mappa cognitiva' - non solo nella posizione spaziale ma anche nella pianificazione futura. Quando noi parliamo di disturbi che danneggiano l'ippocampo, come l'Alzheimer, spesso ci focalizziamo esclusivamente sui deficit di memoria.

Ma ci sono problemi aggiuntivi, nello specifico, l'inabilità nella programmazione futura. Dato che, approssimativamente più di 50 milioni di persone soffre di Alzheimer o di demenza, è importante capire come il danno all'ippocampo abbia impatto nella presa di decisione" ha concluso Vikbladh.

 

 

Tratto da Sciencedaily

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura del Dottor Claudio Manna)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: memoria futuro ippocampo epilessia news di psicologia memoria spaziale presa di decisione mappe cognitive

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Consulenza [1599577765688]

Bice84, 36 anni Salve, volevo chiederle un'informazione riguardo alcuni comportamenti di mio marito. ...

Ansia che causa senso di vomi…

1234, 20 anni Salve, è da qualche mese che certe situazioni come esami orali, uscite con ragazze e in alcuni casi feste/discoteche mi causano, prima di in...

Area Professionale

Considerazioni teoriche sulla …

In letteratura sono presenti diverse teorie sulle cause sottostanti l'abuso e la violenza domestica. Queste includono teorie psicologiche che considerano i trat...

La relazione gene-ambiente nel…

Fra gli scienziati è in corso un importante dibattito sui nuovi modelli che esaminano il ruolo combinato dei geni e dell'ambiente nell'evoluzione della schizofr...

Marketing e comunicazione nel …

I social media ed internet hanno modificato il modo di comunicare di milioni di persone. Di conseguenza è cambiato anche il modo di fare marketing ed è import...

Le parole della Psicologia

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. ...

Satiriasi

La satiriasi è un termine usato in passato nella storia della medicina, indicante l'aumento in modo morboso dell'istinto sessuale nel maschio umano Il termine ...

Schema corporeo

  Il termine schema corporeo definisce una rappresentazione cognitiva inconsapevole della posizione e dell'estensione del corpo nello spazio e dell'organi...

News Letters

0
condivisioni