Pubblicità

L'ippocampo è implicato nella pianificazione nel futuro

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 587 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (3 Voti)

Un team di scienziati ha riportato, per la prima volta, l'evidenza che l'ippocampo umano sia necessario per la pianificazione nel futuro

ippocampo news

La ricerca, pubblicato sul giornale "Neuron", collega il ruolo nella memoria a lungo termine con la nostra abilità di utilizzare la nostra intelligenza di mappare gli effetti futuri delle nostre azioni.

I risultati hanno implicazioni sul ruolo che pensiamo abbia l'ippocampo, ad esempio nel disturbo di Alzheimer, il deficit non è solo sulla memoria ma anche sul processo decisionale. Il lavoro si è concentrato sulla mappa cognitiva dell'ippocampo, il sistema di localizzazione spaziale scoperto da John O'Keefe dello University College of London, premiato nel 2014 con il Nobel per la Fisiologia e Medicina.

La mappa cognitiva dell'ippocampo è stata a lungo pensata permettere una "simulazione mentale" delle conseguenze future delle nostre azioni, quindi della pianificazione futura. Comunque, non ci sono evidenze precedenti sugli umani che l'ippocampo sia necessario per la pianificazione.

"I nostri risultati mostrano che la pianificazione futura ed il ricordare la nostra posizione nello spazio dipendano dall'ippocampo umano. Spiegando il contributo dell'ippocampo sul comportamento, lo studio potrebbe avere delle implicazioni per i disturbi in cui l'ippocampo è lesionato, come l'epilessia ed il morbo di Alzheimer" ha spiegato Oliver Vikbladh,dottorato del New York University's Center for Neural Science e capo autore dell'articolo.

"Per una migliore comprensione sul contributo dell'ippocampo nella pianificazione, noi abbiamo testato i pazienti con epilessia, condizione che è conosciuta danneggiare l'ippocampo, e che qualche volta viene trattata con un'operazione chirurgica dell'area danneggiata, il tessuto ippocampale cerebrale" ha spiegato Orrin Devinsky, direttore del NYU Langone Medical Center's Comprehensive Epilepsy Center e co-autore dell'articolo.

Gli autori dello studio hanno confrontato i pazienti epilettici con gli adulti sani, entrambi i gruppi effettuarono dei test al computer che valutavano la memoria spaziale e l'abilità di pianificazione nel futuro. Ai partecipanti veniva chiesto di richiamare le posizioni di oggetti in un arena in realtà virtuale e di effettuare un compito che coinvolgeva l'apprendimento della relazione tra le loro azioni e le conseguenze e del pianificare.

Pubblicità

"Questi compiti avevano lo scopo di catturare le funzioni che ci permettono di trovare la nostra macchina nel parcheggio, pianificare i movimenti a scacchi o immaginare come finirà un videogioco" ha spiegato Vikbladh. I risultati rivelarono che, dal confronto, i pazienti con epilessia mostravano una memoria spaziale inferiore e mostravano inoltre un deficit nella pianificazione.

Infatti, i pazienti con epilessia erano più tendenti a formare delle abitudini - azioni ripetute che erano state premiate in passato senza considerare le conseguenze. Gli scienziati sono riusciti anche a collegare il deficit nella pianificazione all'entità del danno nell'ippocampo nei pazienti epilettici.

"Queste scoperte sono coerenti con "l'ipotesi a lungo termine" per cui l'ippocampo sarebbe organizzato in una 'mappa cognitiva' - non solo nella posizione spaziale ma anche nella pianificazione futura. Quando noi parliamo di disturbi che danneggiano l'ippocampo, come l'Alzheimer, spesso ci focalizziamo esclusivamente sui deficit di memoria.

Ma ci sono problemi aggiuntivi, nello specifico, l'inabilità nella programmazione futura. Dato che, approssimativamente più di 50 milioni di persone soffre di Alzheimer o di demenza, è importante capire come il danno all'ippocampo abbia impatto nella presa di decisione" ha concluso Vikbladh.

 

 

Tratto da Sciencedaily

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura del Dottor Claudio Manna)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: memoria futuro ippocampo epilessia news di psicologia memoria spaziale presa di decisione mappe cognitive

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Marito assente (156491757332)

  sossie, 50 Sono sposata da 25 anni ed ho due splendidi ragazzi di 15 e 11 anni. 10 anni fa dopo la nascita del secondo figlio mio marito di anni 50...

Carla (1564835062431)

  carla, 30 Buongiorno, vi scrivo perché sto veramente male, sono fidanzata da 3 anni col il mio compagno con cui ho avuto una bambina pochi mesi fa ...

Relazione a distanza (15648262…

sara, 22 Salve, avrei un problema che mi blocca da giorni e vorrei un consiglio. Io e il mio ragazzo abbiamo una relazione a distanza da circa un anno (io it...

Area Professionale

Articolo 30 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.30 (compenso professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo se...

Articolo 29 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.29 (uso presidi), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana spi...

Articolo 28 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.28 (vita privata e vita professionale) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settiman...

Le parole della Psicologia

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

Lallazione (le fasi)

La lallazione (o bubbling) è una fase dello sviluppo del linguaggio infantile che inizia dal quinto-sesto mese di vita circa. Essa consiste nell’em...

Efferenza

Il termine “efferenza” si riferisce alle fibre o vie nervose che conducono in una determinata direzione i potenziali di riposo e di azione provenienti da uno sp...

News Letters

0
condivisioni