Pubblicità

La capacità uditiva dell’uomo aumenta moltissimo sott’acqua

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 532 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Per tutti, e per quanto ne sappiamo, l’udito umano riesce a udire e distinguere i suoni compresi tra i 20 e i 20.000 hertz. Secondo gli scienziati della Marina militare Usa, invece, sottacqua è possibile udire la quasi totalità della gamma di suoni e arrivare fino a una frequenza di 200.000 hertz.
Come è possibile tutto ciò se, sottacqua, il nostro udito è compromesso dall’acqua stessa e dalla pressione? Rispondono gli scienziati: con le ossa.

Sì, hanno detto proprio “ossa”. Bypassando le normali vie uditive, ossia il timpano, sottacqua il medium diventa il mastoide - quella sporgenza ossea che si trova dietro all'orecchio. Se mettiamo il dito dietro l’orecchio, toccando l'osso, questo può farci sentire i suoni, attraverso di lui.
Questo è quanto hanno scoperto i ricercatori del Naval Medical Research Lab a Groton, nel Connecticut (Usa), i quali hanno testato la gamma di frequenze udibili da parte di un gruppo di volontari, immersi per l’occasione in uno stagno presso la base militare.

 

Tratto da: "lastampa.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identifi...

Percezione

Tradizionalmente, gli psicologi hanno distinto il modo nel quale noi riceviamo le informazioni dal mondo esterno in due fasi separate: Sensazione: riguarda i...

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o...

News Letters

0
condivisioni