Pubblicità

La connessione sociale è il più forte fattore protettivo per la depressione

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 722 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

I ricercatori hanno identificato una serie di fattori modificabili che potrebbero rappresentare obiettivi preziosi per prevenire la depressione.

La connessione sociale è il più forte fattore protettivo per la depressione

Il team ha definito la connessione sociale come il più forte fattore protettivo per la depressione e ha suggerito che la riduzione delle attività sedentarie come guardare la TV e sonnecchiare durante il giorno potrebbe anche aiutare a ridurre il rischio di depressione.

I ricercatori del Massachusetts General Hospital (MGH) hanno identificato una serie di fattori modificabili da un campo di oltre 100 che potrebbero rappresentare obiettivi preziosi per prevenire la depressione negli adulti.

In uno studio pubblicato sull'American Journal of Psychiatry, il team ha definito la connessione sociale il più forte fattore protettivo per la depressione e ha suggerito che la riduzione delle attività sedentarie come guardare la TV e sonnecchiare durante il giorno potrebbe anche aiutare a ridurre il rischio di depressione.

"La depressione è la principale causa di disabilità in tutto il mondo, ma fino ad ora i ricercatori si sono concentrati solo su una manciata di fattori di rischio e di protezione, spesso in uno o due domini", afferma Karmel Choi, PhD, ricercatore presso il Dipartimento di Psichiatria e Harvard TH Chan School of Public Health e autore principale dell'articolo.

"Il nostro studio fornisce il quadro più completo fino ad oggi di fattori modificabili che potrebbero avere un impatto sul rischio di depressione".

A tal fine, i ricercatori hanno adottato un approccio in due fasi.

La prima fase si è basata su un database di oltre 100.000 partecipanti alla Biobank del Regno Unito - uno studio di coorte di fama mondiale sugli adulti - per esaminare sistematicamente un'ampia gamma di fattori modificabili che potrebbero essere associati al rischio di sviluppare depressione, inclusa l'interazione sociale , uso dei media, modelli di sonno, dieta, attività fisica ed esposizioni ambientali.

Questo metodo, noto come scansione di associazione a livello di esposizione (ExWAS), è analogo agli studi di associazione a livello di genoma (GWAS) che sono stati ampiamente utilizzati per identificare i fattori di rischio genetici per la malattia.

La seconda fase ha preso i candidati modificabili più forti da ExWAS e ha applicato una tecnica chiamata randomizzazione mendeliana (MR) per indagare su quali fattori possano avere una relazione causale con il rischio di depressione.

La RM è un metodo statistico che tratta la variazione genetica tra le persone come una sorta di esperimento naturale per determinare se è probabile che un'associazione rifletta il nesso di causalità piuttosto che la semplice correlazione.

Pubblicità

Questo approccio in due fasi ha permesso ai ricercatori di MGH di restringere il campo a un insieme più piccolo di obiettivi promettenti e potenzialmente causali per la depressione.

"Di gran lunga il più importante di questi fattori è stata la frequenza di confidarsi con gli altri, ma anche le visite con familiari e amici, che hanno evidenziato l'importante effetto protettivo della connessione sociale e della coesione sociale", sottolinea Jordan Smoller, MD, associato ScD capo per la ricerca presso il Dipartimento di Psichiatria MGH e autore senior dello studio.

"Questi fattori sono più rilevanti ora che mai in un momento di allontanamento sociale e separazione da amici e familiari".

Gli effetti protettivi della connessione sociale erano presenti anche per gli individui che erano a maggior rischio di depressione a causa della vulnerabilità genetica o di traumi precoci.

D'altra parte, i fattori associati al rischio di depressione includevano il tempo trascorso a guardare la TV, anche se gli autori notano che sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se tale rischio fosse dovuto all'esposizione mediatica di per sé o se il tempo davanti alla TV fosse un indicatore dell'essere sedentario.

Forse più sorprendente, la tendenza al sonnellino diurno e l'uso regolare di multivitaminici sembra essere associata al rischio di depressione, sebbene siano necessarie ulteriori ricerche per determinare come questi potrebbero contribuire.

Lo studio MGH dimostra un nuovo importante approccio per la valutazione di un'ampia gamma di fattori modificabili e l'utilizzo di questa evidenza per dare la priorità agli obiettivi per gli interventi preventivi per la depressione.

"La depressione ha un prezzo enorme per gli individui, le famiglie e la società, ma sappiamo ancora molto poco su come prevenirla", afferma Smoller.

"Abbiamo dimostrato che ora è possibile affrontare queste domande di ampia rilevanza per la salute pubblica attraverso un approccio su larga scala basato sui dati che non era disponibile nemmeno pochi anni fa. Ci auguriamo che questo lavoro motiverà ulteriori sforzi per sviluppare azioni utilizzabili strategie per prevenire la depressione ".

L'approccio in due fasi dello studio potrebbe essere utilizzato anche per informare la prevenzione di altre condizioni di salute.

 

Reference:

Karmel W. Choi, Murray B. Stein, Kristen M. Nishimi, Tian Ge, Jonathan R.I. Coleman, Chia-Yen Chen, Andrew Ratanatharathorn, Amanda B. Zheutlin, Erin C. Dunn, Gerome Breen, Karestan C. Koenen, Jordan W. Smoller. An Exposure-Wide and Mendelian Randomization Approach to Identifying Modifiable Factors for the Prevention of Depression. American Journal of Psychiatry, 2020; appi.ajp.2020.1 DOI: 10.1176/appi.ajp.2020.19111158

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come si ritrova l'amore di viv…

polppols, 18 anni Ciao, ho 18 anni e non so bene come iniziare a scrivere questa richiesta. Non mi sono mai aperta con qualcuno liberamente e sinceramente ...

Problematiche relazionali [160…

m, 20 anni Salve, recentemente dei Miei amici mi hanno detto che dovrei vedere un terapeuta perché secondo loro ho dei problemi a capire come relazionarmi ...

Genitori che non ti accettano …

alice, 25 anni Buongiorno,scrivo perchè mi trovo in una situazione veramente difficile e ho bisogno di un consiglio. Dalla tarda adolescenza non sono mai a...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Dejà vu - Dejà vecu

Da due secoli, il fenomeno del "déjà-vu" affascina il mondo della scienza ed è stato oggetto di numerose interpretazioni, dalle più strampalate, che gli attribu...

Negativismo

Con il termine Negativismo si può indicare, in linea generale, un comportamento contrario o opposto, di tipo sia psichico che motorio. ...

Sonnofilia

La sonnofilia, o sindrome della "bella addormentata", è una parafilia caratterizzata dall'eccitazione stimolata attraverso carezze o altri metodi, esclusi strum...

News Letters

0
condivisioni