Pubblicità

La convalida delle emozioni, una buona abitudine per stare meglio

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 605 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Il complesso sistema di riconoscimento emotivo proprio ed altrui aiuta a comprendere che non si può scegliere arbitrariamente cosa provare e quando.

La convalida delle emozioni come una buona abitudine per stare meglio

Quando essere euforici o disforici non è dipeso da un semplice desiderio, o almeno non così a comando. Nei confronti degli altri possiamo riconoscere i sentimenti e persino commentarli o classificarli ma sarebbe sempre poco opportuno giudicarli o immaginare quanto in base a questi le altre persone riescano ad essere comprensive nei nostri confronti.

Nonostante il periodo pandemico che tutti conosciamo non possiamo dimenticare che ogni situazione è diversa e che ognuno di noi, anche in base a diversi fattori ha reagito diversamente a tutto quello che è capitato nell'ultimo anno.

Quando critichiamo o giudichiamo le emozioni altrui, ciò che facciamo è “invalidarle”. Gli stiamo dicendo che è sbagliato sentirsi in quel determinato modo e pertanto, quella persona si potrà sentire inadeguata, sola e incompresa. Viceversa quando offriamo una convalida emotiva stiamo prendendo sul serio ciò che ascoltiamo, dando spessore alle emozioni altrui, che non esistono emozioni “buone” o “cattive”, “giuste” o “sbagliate”.

Tutte le emozioni che proviamo sono valide e hanno un significato nella storia della nostra vita e nel contesto.

Come suggerisce una nuova ricerca, supportare le emozioni negative di qualcuno può aiutare a promuovere una visione positiva e dire ad un amico o un familiare in difficoltà qualcosa di semplice come ad esempio "capisco perché ti senti in questo modo" può fare molto per aiutare i propri cari a sentirsi meglio.

Lo studio, pubblicato online dal Journal of Positive Psychology, nel quale i partecipanti hanno descritto ai ricercatori un incidente di vita reale che li ha fatti arrabbiare, quando i ricercatori non hanno mostrato comprensione per la rabbia che i partecipanti stavano descrivendo, i narratori hanno mostrato un calo delle emozioni positive. Quando invece i ricercatori hanno convalidato ciò che stavano dicendo i partecipanti, le loro emozioni positive sono state protette e sono rimaste le stesse. Allo stesso modo, i partecipanti allo studio hanno riportato cali nel loro umore generale mentre ricordavano l'evento che provocava rabbia e solo coloro che erano stati convalidati hanno riportato un recupero dell'umore al momento antecedente all'evento.

Attraverso tre esperimenti, i ricercatori hanno valutato gli effetti della convalida e dell'invalidazione su ciò che è noto clinicamente come affetto positivo e negativo. L'affetto positivo si riferisce alle emozioni e alle espressioni positive che secondo Cheavens, autore dello studio, ci permettono di essere curiosi, connessi e flessibili nel nostro pensiero. L'affetto negativo, d'altra parte, si riferisce a emozioni ed espressioni negative che vanno dal disgusto, alla paura e alla tristezza, un totale di 307 studenti universitari ha partecipato agli esperimenti, hanno completato questionari per misurare gli affetti positivi e negativi all'inizio e alla fine dello studio e l'umore generale in diversi momenti durante gli esperimenti.

Gli autori hanno chiesto ai partecipanti di pensare e scrivere per cinque minuti di un momento in cui hanno provato una rabbia intensa, e poi di descrivere verbalmente quelle esperienze a un ricercatore. Sulla base di incarichi randomizzati, lo sperimentatore ha convalidato o invalidato i loro sentimenti di rabbia. Le esperienze di rabbia dei partecipanti coprivano una vasta gamma: problemi con i compagni di stanza, partner romantici infedeli, essere stati vittime di un furto o rabbia nei confronti dei genitori.

Pubblicità

La convalida dei commenti includeva frasi come "Certo che saresti arrabbiato per questo" o "Ho sentito quello che stai dicendo e capisco che ti senti arrabbiato". Le risposte invalidanti andavano da "Non suona come rabbia" a "Perché questo ti farebbe arrabbiare così tanto?"

I risultati hanno mostrato che tutti i partecipanti hanno avuto una diminuzione dell'affetto positivo mentre pensavano e scrivevano del perchè fossero arrabbiati. Tuttavia, quando hanno iniziato a descrivere la situazione agli sperimentatori, l'affetto positivo dei partecipanti convalidati corrispondeva o addirittura ha superato il livello consueto. I punteggi di affetto positivo per coloro che erano stati invalidati non erano migliorati mentre si parlava con gli sperimentatori.

Sulla base di cinque misurazioni dell'umore in due dei tre studi, l'umore dei partecipanti si è costantemente oscurato mentre consideravano ciò che li faceva arrabbiare. Gli stati d'animo dei partecipanti convalidati sono stati riportati alla normalità, ma gli stati d'animo degli studenti invalidati generalmente hanno continuato a peggiorare.

Il team di ricerca ha condotto gli studi con piani per applicare i risultati in un contesto terapeutico. Ma i risultati sono rilevanti anche per le relazioni, ha affermato Cheavens, "Quando elabori le emozioni negative, quell'affetto negativo si attiva ma se qualcuno ti convalida, mantiene il tuo affetto positivo tamponato. La convalida protegge l'affetto delle persone in modo che possano rimanere curiose nelle interazioni interpersonali e nella psicoterapia".

"Aggiungere la convalida alla psicoterapia aiuta le persone a sentirsi comprese, e quando ci sentiamo comprese possiamo ricevere feedback su come potremmo cambiare anche noi. Ma non è una cosa unicamente clinica  spesso gli stessi modi in cui migliori la terapia sono i modi in cui crei amicizia, genitorialità e relazioni romantiche migliori"

 

 Riferimento:

  • Pérez, A. et. Al. (2019) Laughing away the pain: A narrative review of humour, sense of humour and pain. European Journal of Pain; 23(2): 220-233.
  • Cinthia Benitez, Kristen P. Howard, Jennifer S. Cheavens. The effect of validation and invalidation on positive and negative affective experiences. The Journal of Positive Psychology, 2020; 1 DOI: 10.1080/17439760.2020.1832243

 

 

(articolo a cura della dott.ssa Assunta Giuliano)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: emozioni convalida stare meglio

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

EMDR

L'EMDR è una tecnica UTILIZZATA per il trattamento di diversi tipi di trauma che si basa sulla stimolazione bilaterale. L'EMDR (Eye Movement Desensitization ...

Anorgasmia

Con il termine “anorgasmia” si fa riferimento alla mancanza e/o assenza di orgasmo, intesa come difficoltà o incapacità a raggiungere l'orgasmo.  Il termi...

Dipendenza

La dipendenza è una condizione di bisogno incoercibile di uno specifico comportamento o di una determinata sostanza (stupefacenti, farmaci, alcol, shopping, Int...

News Letters

0
condivisioni