Pubblicità

La danza e la musica: i benefici

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 2347 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Un nuovo studio dimostra i benefici cognitivi di danza e musica.

ballerina danza Infinite ore alla sbarra. Lunghi pomeriggi percorrendo scale. Tutto il tempo trascorso tra lezioni di pianoforte e lezioni di ballo da giovani veniva vissuto come un dolore, ma la nuova ricerca ora conferma ciò che i tuoi genitori hanno sempre sostenuto: fa bene alla mente e al corpo.

Infatti, un recente studio pubblicato su NeuroImage da un team di ricercatori del International Laboratory for Brain, Music and Sound Research, dimostra che la danza e la formazione musicale hanno effetti ancora più forti sul cervello rispetto a ciò che si pensava in passato, ma in modi decisamente diversi.

I ricercatori hanno utilizzato tecniche di immagini ad alta tecnologia per confrontare gli effetti della danza e della formazione musicale sulla struttura della materia bianca di esperti in queste due discipline. Hanno quindi esaminato la relazione tra i cambiamenti del cervello indotti dalla formazione nella danza e nelle capacità musicali.

"Abbiamo scoperto che i ballerini e musicisti differivano in molte regioni della materia bianca, tra percorsi sensoriali e motori, anche a livelli cognitivi primari e superiori di tale processo", asserisce Chiara Giacosa, Concordia PhD dottorando e autore principale dello studio.

In particolare, i ballerini hanno mostrato connessioni più ampie di fasci di fibre che collegano le regioni sensoriali e motorie del cervello, molto simili a fasci di fibre più ampie che collegano i due emisferi del cervello, nelle regioni che elaborano le informazioni sensoriali e motorie. I musicisti, a loro volta, avevano fasci di fibre più forti e più coerenti in quelle stesse vie.

"Questo suggerisce che la danza e la formazione musicale colpiscono il cervello in direzioni opposte, aumentando la connettività globale, e il rafforzamento di percorsi specifici nel campo della formazione musicale", spiega Giacosa. "Infatti, mentre ballerini allenano tutto il corpo, che ha una rappresentazione più ampia nella corteccia neurale, i musicisti focalizzano la loro formazione in alcune specifiche parti del corpo, come mani, dita o bocca, che hanno una rappresentazione corticale più piccola nel cervello."

'Questo lavoro ha un grande potenziale'

È interessante notare che, ballerini e musicisti differivano di più tra loro che rispetto al gruppo di soggetti di controllo che non avevano una formazione formale in entrambi i campi.

Secondo Giacosa, questo può accadere a causa di una serie di variabili incontrollate che hanno influenzato i soggetti di controllo in modo diverso, rendendoli più simili ad un gruppo o l'altro. "Contrariamente a ciò, i nostri campioni di ballerini e musicisti sono stati appositamente selezionati per essere gruppi puri di esperti, rendendo più facile una distinzione."

Virginia Penhune è un professore e presidente del Dipartimento di Psicologia della Concordia e autore senior dello studio. Fa notare che questa ricerca approfondisce le attuali conoscenze su come le regioni del cervello sono collegati in una rete, e di come queste reti strutturali cambiano con la formazione e l’allenamento.

"Questo lavoro ha un grande potenziale per essere applicata ai settori dell'istruzione e della riabilitazione", dice Penhune. "Capire come la danza e la musica di formazione influisce in modo diverso nelle reti del cervello ci permetterà di utilizzare e migliorare selettivamente il loro funzionamento e compensare le difficoltà e le malattie che coinvolgono le reti specifiche del cervello."

Alcuni studi hanno già dimostrato come la formazione musicale in giovane età può migliorare le varie abilità cognitive, ma la danza deve ancora essere utilizzata a tal fine.

"La ricerca recente ha iniziato a mostrare alcuni miglioramenti con la danza e la musicoterapia in pazienti affetti da Parkinson e bambini con autismo, ma molto può essere fatto con queste e altre malattie", spiega Penhune.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: danza e musica benifici cognitivi effetti sul cervello livelli cognitivi informazioni sensoriali e motorie rete strutturali abilità cognitive connettività globale

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

senza via di uscita 2 (1572361…

straniero66, 53 Vi ho già scritto in precedenza e ho avuto la vostra risposta “SENZA VIA DI USCITA (1571319488503)”. Continuo a stare male, attualmente io ...

Senza via di uscita (157131948…

straniero66, 53 Sono sposato da 27 anni, una storia iniziata quando io e mia moglie eravamo poco più che ragazzini, in questi anni, come molte coppie, abbi...

Ansia e inadeguatezza (1570737…

Limmy6, 21 Sono una studentessa universitaria e da quando ho iniziato non ho avuto mai problemi a parlare con gli altri e a fare nuove amicizie. Conosco e ...

Area Professionale

Articolo 42 - il Codice Deonto…

Si conclude su Psiconline.it, con il commento all'art.42 (vigenza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ha s...

Articolo 41 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.41 (Osservatorio Permanente) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Articolo 40 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.40 (pubblicità professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo ...

Le parole della Psicologia

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o...

Zoosadismo

E’ un disturbo psichiatrico che porta l'individuo a provare piacere nell'osservare o nell'infliggere sofferenze o morte ad un animale Lo zoosadismo, termine in...

News Letters

0
condivisioni