Pubblicità

La depressione colpisce due volte di più le donne

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1684 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Una nuova meta-analisi conferma che la depressione colpisce più del doppio delle donne rispetto agli uomini e tale differenza è evidente già all’età di 12 anni.

Depressione donne

 

I risultati, pubblicati nella rivista Psychological Bulletin, sono basati su studi esistenti che coinvolgono più di 3,5 milioni di persone in più di 90 paesi.

Come afferma il Dottor Janet Hyde, tra gli autori dello studio: “Anche se questo si conosce già da un paio di decenni, solo attraverso questa meta- analisi i risultati si sono rivelati più convincenti. Vogliamo sottolineare che, sebbene le donne siano più colpite, ciò non deve far pensare che questo disturbo sia prettamente femminile. Ne sono affetti anche un terzo degli uomini”.

Come rivelano i dati dello studio, il divario di genere è presente sin dall’età di 12 anni. Questa differenza si riduce poco dopo l’adolescenza, anche se è sempre evidente una prevalenza femminile.

Per la meta-analisi, i ricercatori hanno esaminato sia le diagnosi di depressione maggiore che i sintomi della depressione. I sintomi si basano su valutazioni self – report, ad esempio, “Mi sento triste per la maggior parte del tempo”, che non necessariamente soddisfano i criteri per la depressione maggiore. Per effettuare una diagnosi certa, è necessaria una valutazione più rigorosa.

I ricercatori hanno anche studiato il legame tra depressione e parità di genere in relazione al reddito. Sorprendentemente, le nazioni in cui vi è maggiore parità, presentano un maggiore squilibrio: il numero di donne gravemente depresse è sproporzionato rispetto alla popolazione maschile, contrariamente ai risultati attesi.

Pubblicità

Questo accade probabilmente perché, nei paesi con una maggiore parità di genere, le donne si confrontano di più con gli uomini e tendono a non esprimere sentimenti per adattarsi al ruolo maschile.

La pubertà, che si verifica intorno a 12 anni nelle ragazze, potrebbe spiegare l'inizio precoce, sia a causa dei cambiamenti ormonali ad essa associati, ma anche a causa dell’ambiente sociale, che si modifica per le ragazze di quell’età. Tuttavia, non si conoscono precisamente i fattori sociali responsabili di questi mutamenti.
Anche se la ricerca non ha coinvolto partecipanti con età inferiore ai 12 anni, si ipotizza l’esistenza di questi processi anche intorno agli 11 anni, i quali meritano una riflessione utile a sviluppare interventi.

E’ necessario intervenire prima dei 12 anni, per evitare che le donne scivolino nella depressione, dal momento che essa è curabile.

 

Tratto da: psychologytoday

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: depressione sintomi depressivi

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Perdere le persone importanti …

  Crazy, 48 anni Buonasera, chiedo come si fa ad accettare prima la perdita di un marito e dopo poco quella di un fratello. {loadposition pub3} &n...

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Sonnofilia

La sonnofilia, o sindrome della "bella addormentata", è una parafilia caratterizzata dall'eccitazione stimolata attraverso carezze o altri metodi, esclusi strum...

Algofilia

L’algofilia (dal greco ἄλγος "dolore" e ϕιλία "propensione") è la tendenza paradossale e patologica a ricercare il piacere in sensazioni fisiche dolorose. ...

L'attenzione

L'attenzione è un processo cognitivo che permette di selezionare stimoli ambientali, ignorandone altri. È quel meccanismo in grado di selezionare le informazio...

News Letters

0
condivisioni