Pubblicità

La depressione colpisce due volte di più le donne

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1813 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Una nuova meta-analisi conferma che la depressione colpisce più del doppio delle donne rispetto agli uomini e tale differenza è evidente già all’età di 12 anni.

Depressione donne

 

I risultati, pubblicati nella rivista Psychological Bulletin, sono basati su studi esistenti che coinvolgono più di 3,5 milioni di persone in più di 90 paesi.

Come afferma il Dottor Janet Hyde, tra gli autori dello studio: “Anche se questo si conosce già da un paio di decenni, solo attraverso questa meta- analisi i risultati si sono rivelati più convincenti. Vogliamo sottolineare che, sebbene le donne siano più colpite, ciò non deve far pensare che questo disturbo sia prettamente femminile. Ne sono affetti anche un terzo degli uomini”.

Come rivelano i dati dello studio, il divario di genere è presente sin dall’età di 12 anni. Questa differenza si riduce poco dopo l’adolescenza, anche se è sempre evidente una prevalenza femminile.

Per la meta-analisi, i ricercatori hanno esaminato sia le diagnosi di depressione maggiore che i sintomi della depressione. I sintomi si basano su valutazioni self – report, ad esempio, “Mi sento triste per la maggior parte del tempo”, che non necessariamente soddisfano i criteri per la depressione maggiore. Per effettuare una diagnosi certa, è necessaria una valutazione più rigorosa.

I ricercatori hanno anche studiato il legame tra depressione e parità di genere in relazione al reddito. Sorprendentemente, le nazioni in cui vi è maggiore parità, presentano un maggiore squilibrio: il numero di donne gravemente depresse è sproporzionato rispetto alla popolazione maschile, contrariamente ai risultati attesi.

Pubblicità

Questo accade probabilmente perché, nei paesi con una maggiore parità di genere, le donne si confrontano di più con gli uomini e tendono a non esprimere sentimenti per adattarsi al ruolo maschile.

La pubertà, che si verifica intorno a 12 anni nelle ragazze, potrebbe spiegare l'inizio precoce, sia a causa dei cambiamenti ormonali ad essa associati, ma anche a causa dell’ambiente sociale, che si modifica per le ragazze di quell’età. Tuttavia, non si conoscono precisamente i fattori sociali responsabili di questi mutamenti.
Anche se la ricerca non ha coinvolto partecipanti con età inferiore ai 12 anni, si ipotizza l’esistenza di questi processi anche intorno agli 11 anni, i quali meritano una riflessione utile a sviluppare interventi.

E’ necessario intervenire prima dei 12 anni, per evitare che le donne scivolino nella depressione, dal momento che essa è curabile.

 

Tratto da: psychologytoday

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: depressione sintomi depressivi

0
condivisioni

Guarda anche...

Depressione

Corpo e depressione

La depressione è come un collasso interno, un morire dentro, emotivamente e psicologicamente, e questo spiega perché è spesso accompagnata da pensieri, azioni o sentimenti suicidi. Questa relazione...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Ninfomania

Il termine ninfomane viene da ninfa (divinità femminile della mitologia e/o nome dato alle piccole labbra della vulva) e mania (che in latino significa follia)...

Autostima

L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se stesso tramite l'autoapprovazione del proprio valore personale ...

Lo stereotipo

Il termine stereotipo deriva dalle parole greche "stereos" (duro, solido) e "typos" (impronta, immagine, gruppo), quindi "immagine rigida". Si tratta di...

News Letters

0
condivisioni