Pubblicità

La depressione inizia a 40 anni, lo dicono anche gli scienziati

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 877 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

La depressione inizia negli 'anta' e, precisamente, dopo i 44 anni. E se tutti abbiamo sentito parlare almeno una volta nella vita della famigerata 'crisi della mezza età', ora arriva la ricerca scientifica a sancire che, a partire dai 40 anni, ci si sente davvero più depressi.

A rivelarlo uno studio effettuato dalla britannica Warwick University e dal Dartmouth College negli Stati Uniti, i cui ricercatori hanno analizzato i dati di oltre 2 milioni di persone di 70 nazioni, riscontrando straordinarie analogie in termini di depressione e livelli di 'felicità'. Secondo la ricerca felicità e depressione seguono una sorta di curva a 'U' durante il corso della vita umana, con dei picchi di benessere all'inizio e alla fine della vita e un 'baratro' nel mezzo, con il picco della depressione proprio a 44 anni, che può anche durare a lungo. Soprendentemente, dall'Australia all'Italia, dal Nicaragua all'Azerbaijan, la curva ad 'U' è sempre la stessa.

 

Tratto da "Tendenzeonline.info" - prosegui nella lettura dell'articolo

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Perdere le persone importanti …

  Crazy, 48 anni Buonasera, chiedo come si fa ad accettare prima la perdita di un marito e dopo poco quella di un fratello. {loadposition pub3} &n...

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Pornografia

Per definire un materiale o contenuto con il termine di ‘pornografia’ è necessario che “una rappresentazione pubblica sia esplicitament...

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

Lo stereotipo

Il termine stereotipo deriva dalle parole greche "stereos" (duro, solido) e "typos" (impronta, immagine, gruppo), quindi "immagine rigida". Si tratta di...

News Letters

0
condivisioni