Pubblicità

La depressione materna può influire sul QI dei bambini

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1742 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (5 Voti)

La depressione materna può avere un impatto negativo sullo sviluppo cognitivo di un bambino almeno fino all'età di 16 anni, secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista Child Development.

depressione materna1Ricercatori dell'Università della California (UC), San Diego School of Medicine hanno valutato circa 900 bambini sani e le loro madri che vivono a Santiago, in Cile, a intervalli di cinque anni dall'infanzia fino all'età di 16 anni.

Il team di ricerca ha notato quanto affettuose e reattive fossero le madri per i loro bambini in ogni periodo di età e anche quanto le madri fossero in grado di fornire materiali di apprendimento adatti all'età. I bambini sono stati valutati sulle abilità cognitive verbali utilizzando test di QI standardizzati durante ciascuna valutazione. Le madri sono state valutate per i sintomi della depressione.

Pubblicità

"Abbiamo scoperto che le madri molto depresse non investivano emotivamente o nel fornire materiale didattico per sostenere il loro bambino, come giocattoli e libri, tanto quanto le madri che non erano depresse. Questo, a sua volta, ha avuto un impatto sul QI del bambino di 1, 5, 10 e 16 anni ", ha detto Patricia East, Ph.D., ricercatore presso il Dipartimento di Pediatria della Scuola di Medicina dell'Università di San Diego.

"La coerenza e la longevità di questi risultati parlano dell'effetto duraturo che la depressione ha sulla genitorialità di una madre e sullo sviluppo del bambino".

Su una scala da 1 a 19, il punteggio medio del QI verbale per tutti i bambini di 5 anni nello studio era 7,64. I bambini che avevano madri gravemente depresse sono risultati avere un punteggio medio di QI verbale di 7,30 rispetto a un punteggio di 7,78 nei bambini senza madri depresse.

"Anche se apparentemente piccole, le differenze nel QI da 7.78 a 7.30 sono molto significative in termini di abilità verbali e vocabolario dei bambini", ha affermato East. "I nostri risultati dello studio mostrano le conseguenze a lungo termine che un bambino può sperimentare a causa della depressione materna cronica".

Almeno metà delle madri nello studio è stata giudicata depressa in base alle risposte a domande come "Sei triste?" E "Ti ritrovi a piangere?"

"Per le madri nello studio, c'erano molti fattori di stress nelle loro vite. La maggior parte delle madri, pur essendo alfabetizzate, avevano solo nove anni di istruzione, non erano impiegate fuori casa e spesso vivevano con una famiglia allargata in piccole case affollate - fattori che probabilmente contribuivano alla loro depressione ", ha detto East. "Molte madri soffrono di depressione nei primi sei mesi dopo il parto, ma per alcuni la depressione persiste".

La ricerca ha dimostrato che circa il 20 percento delle madri che sono gravemente depresse quando il loro bambino compie un anno di età rimane depresso per molto tempo.

"Per gli operatori sanitari, i risultati mostrano che l'identificazione precoce, l'intervento e il trattamento della depressione materna sono fondamentali", ha affermato East. "Fornire risorse a mamme depresse li aiuterà a gestire i loro sintomi in modo produttivo e garantire che i loro figli raggiungano il loro pieno potenziale."

In futuro, i ricercatori hanno in programma di analizzare ulteriormente i dati per capire meglio come la depressione di una madre possa influenzare i sintomi depressivi del bambino, così come i suoi risultati scolastici e la sua salute, come la probabilità di essere sovrappeso o obesi.

Circa una donna su 10 negli Stati Uniti sperimenterà depressione, secondo i Centers for Disease Control and Prevention.

 

Tratto da PsychCentral

 

(Traduzione e adattamento a cura del Dottor Antonio Morgia)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: depressione depressione post-partum depressione post-natale materna

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola faccio f...

Fobie paranoie (1579177546962)

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo t...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55 , 20 anni Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi per il servizio che offrite. Sono una ragazza di 20 anni. Non ho un partner fisso...

Area Professionale

L’intervento psicologico clini…

Il periodo di emergenza e di pandemia che stiamo affrontando ha imposto una rivisitazione, da parte degli operatori, dei criteri di gestione dell'approccio clin...

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Le parole della Psicologia

Autoaccusa

Si definisce auotaccusa l'accusa che una persona fa, spontaneamente, di una propria colpa, anche inesistente. E' l'attribuzione di una colpa commessa da altr...

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

News Letters

0
condivisioni