Pubblicità

La depressione non trattata cambia il cervello nel tempo

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 11758 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (3 Voti)

Un nuovo studio rileva che la depressione a lungo termine può avere effetti neurodegenerativi.

depressione nontrattata1Anni di depressione non trattata possono portare a livelli neurodegenerativi di infiammazione cerebrale. Questo è secondo uno studio primo nel suo genere che mostra la prova di cambiamenti biologici duraturi nel cervello per coloro che soffrono di depressione per più di un decennio.

I risultati dello studio provengono dallo stesso team di ricerca che inizialmente ha identificato un legame tra infiammazione cerebrale e depressione. Insieme con la ricerca successiva, i risultati hanno iniziato a cambiare il pensiero sui trattamenti di depressione. L'evidenza indica sempre più la possibilità che non sia solo un disturbo biologico con implicazioni immediate, ma nel corso del tempo la depressione può alterare il cervello in modi che richiedono diverse forme di trattamento rispetto a ciò che è attualmente disponibile.

Pubblicità

Questo è stato uno studio relativamente piccolo di 80 partecipanti; 25 avevano depressione non trattata per più di 10 anni, 25 per meno di 10 anni e 30 non erano mai stati diagnosticati. Tutti sono stati valutati con scansioni di tomografia a emissione di positroni (PET) per localizzare un tipo specifico di proteina che risulta dalla risposta infiammatoria del cervello a lesioni o malattia. In tutto il corpo, incluso il cervello, la giusta quantità di infiammazione ci protegge dalle malattie e ci ripara quando siamo feriti. Ma troppa infiammazione porta a malattie croniche, comprese le malattie cardiache e potenzialmente malattie neurodegenerative come l'Alzheimer e il Parkinson.

Se la depressione a lungo termine si traduce in una maggiore infiammazione, i ricercatori si aspettavano di trovare più proteine nel cervello di coloro che avevano sofferto di depressione non trattata più a lungo. Ed è esattamente quello che hanno trovato, con livelli più alti in una manciata di aree cerebrali compresa la corteccia prefrontale, l'area del cervello centrale per il ragionamento e altre funzioni "esecutive" che si pensa siano compromesse da disturbi come la depressione.

Se i risultati reggono (attraverso più ricerche con più partecipanti) questo si rivelerà una scoperta importante aggiungendo prove all'argomento che la depressione condivide somiglianze con i disturbi degenerativi come l'Alzheimer, cambiando il cervello in modi che la ricerca fino ad oggi non ha pienamente afferrato.

"Una maggiore infiammazione nel cervello è una risposta comune con le malattie degenerative del cervello mentre progrediscono, come con il morbo di Alzheimer e il morbo di Parkinson", ha detto l'autore senior dello studio, il dott. Jeff Meyer del Centro per le dipendenze e la salute mentale (CAMH) dell'Università di Toronto.

Questi risultati si basano su uno studio pubblicato nel 2016 che mostra che i pazienti con depressione avevano livelli più elevati di proteina C reattiva (CRP), un altro marker biologico di infiammazione in tutto il corpo, rispetto a quelli non affetti dal disturbo. Quello era uno studio osservazionale alla ricerca di un legame tra depressione e infiammazione (correlazione non causale), ma i risultati erano significativi. Dopo aver regolato diversi fattori, quelli con depressione avevano livelli di CRP superiori del 30% rispetto a quelli senza depressione.

Ciò che la ricerca sembra indicare collettivamente è che potrebbe essere necessario cambiare il nostro modo di pensare alla depressione e ai suoi effetti. Le prove affermano che la depressione è veramente un disturbo del cervello a base biologica, e se non viene controllato può avere un decorso degenerativo che danneggia il tessuto cerebrale, possibilmente in modo simile ad altre malattie neurodegenerative.

Tutto ciò pone una maggiore enfasi sulla necessità di sviluppare trattamenti più efficaci e, con urgenza, di lavorare per rimuovere lo stigma da coloro che soffrono.

L'ultimo studio è stato pubblicato su The Lancet Psychiatry.

 

Tratto da Psychology Today

 

(Traduzione e adattamento a cura del Dottor Antonio Morgia)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: depressione infiammazione neurodegenerativo

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto (1539692710493)

JESSICA,40     Vivo un periodo difficile, dove l'ex del mio compagno fa di tutto per farti saltare le rotelle...e ci riesce, mi spia nei social, ...

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

I gruppi Balint

I gruppi Balint iniziarono verso la fine degli anni ’40 quando fu chiesto a Michael e a Enid Balint di fornire ai medici generici una formazione psichiatrica pe...

Raptus

Il raptus (dal latino raptus, "rapimento") è un impulso improvviso e di forte intensità, che porta un soggetto ad episodi di parossismo, in genere violenti, i q...

Xenofobia

Il significato etimologico del termine Xenofobia (dal greco ξενοφοβία, composto da ξένος, ‘estraneo, insolito’, e φόβος, ‘paura’) è “paura dell’estraneo” o anch...

News Letters

0
condivisioni