Pubblicità

LA DEPRESSIONE POST PARTUM? SI MONITORA CON LO SMARTPHONE

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 324 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

 

Ogni anno in Italia sono circa 70 mila le donne colpite da depressione perinatale, ma non sempre questa patologia viene riconosciuta in maniera tempestiva. Partendo da questo presupposto, l'associazione Strade Onlus ha studiato una strategia alternativa rispetto alla psichiatria tradizionale, mettendo a punto un sistema che utilizza le moderne tecnologie software per offrire prevenzione, diagnosi e sostegno alle donne prima e dopo il parto, allo scopo di migliorare la qualita' della vita di madre e bambino e prevenire i possibili drammatici esiti del suicidio o dell'infanticidio.

Presso la sede di Strade, la onlus che si occupa di innovazione nel trattamento della depressione, e' stata presentata oggi "Rebecca App", un nuovo pacchetto di applicazioni per smartphone studiate per il trattamento di tre tipi di depressione legata al parto: durante la gravidanza, nelle due settimane successive al parto (maternity blues) e nel primo anno post partum.
"L'aspetto innovativo di questa strategia - spiega il Prof. Antonio Picano, dirigente del reparto di Psichiatria dell'Ospedale San Camillo-Forlanini di Roma e presidente di Strade Onlus - consiste nell'utilizzo delle App per assistere le donne che vivono una transitoria depressione precedente e successiva al parto. Il problema della depressione perinatale, il cosiddetto blues, e' in primo luogo l'infanticidio, ma anche nelle forme meno gravi lo stato depressivo della mamma produce danni nello sviluppo del bambino e predispone la stessa a ricadute, se non viene curata".

 

Tratto da: "direnews.it" Prosegui nella lettura dell'articolo

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Dipendenza

La dipendenza è una condizione di bisogno incoercibile di uno specifico comportamento o di una determinata sostanza (stupefacenti, farmaci, alcol, shopping, Int...

Memoria

La memoria è quel meccanismo neuropsicologico che permette di fissare, conservare e rievocare esperienze e informazioni acquisite dall’ambiente (interno ed este...

Musofobia

Il termine musofobia, che deriva del greco μῦς (mys) che significa "topo", è la paura persistente ed ingiustificata per i topi, più in generale per i roditori. ...

News Letters

0
condivisioni