Pubblicità

La dipendenza dai videogiochi esiste davvero?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 696 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Un recente studio ha rilevato che circa il 90% dei giocatori non gioca in modo dannoso. ma alcuni possono diventare dipendenti e soffrire su più livelli: mentale, sociale e comportamentale.

la dipendenza dai videogiochi esiste davvero

Per la maggior parte degli adolescenti, giocare ai videogiochi è una forma di intrattenimento divertente e spesso sociale. Mentre giocare ai videogiochi può essere un passatempo divertente, c'è una crescente preoccupazione che passare troppo tempo a giocare possa portare a esiti di sviluppo negativi e possa diventare una dipendenza.

Un recente studio di sei anni, lo studio più lungo mai condotto sulla dipendenza da videogiochi, ha rilevato che circa il 90% dei giocatori non gioca in modo dannoso o che possa causare conseguenze negative a lungo termine. Una minoranza significativa, tuttavia, può diventare veramente dipendente dai videogiochi e di conseguenza può soffrire su più livelli: mentale, sociale e comportamentale.

"Lo scopo di questo studio particolare è quello di esaminare l'impatto a lungo termine di avere un rapporto particolare con i videogiochi e cosa accade alla persona nel tempo", ha dichiarato Sarah Coyne, professore di vita familiare alla Brigham Young University e autore principale di la ricerca. "Per vedere l'impatto, abbiamo esaminato le traiettorie del videogioco patologico per sei anni, dalla prima adolescenza all'età adulta emergente".

Oltre a trovare conseguenze a lungo termine per i giocatori dipendenti, questo studio, pubblicato su Developmental Psychology, rompe anche gli stereotipi dei giocatori e ha scoperto che il gioco patologico non è uguale in tutti i disturbi.

Il gaming è caratterizzato da un eccessivo tempo trascorso a giocare ai videogiochi, difficoltà a interrompere il gioco e interruzione del corretto funzionamento della persona a causa dei giochi.

Pubblicità

Solo circa il 10% dei giocatori rientra nella categoria di gioco patologico. Rispetto al gruppo non patologico, quelli nello studio hanno mostrato livelli più alti di depressione, aggressività, timidezza, uso problematico del telefono cellulare e ansia dall'età adulta. Questo nonostante i gruppi fossero gli stessi in tutte queste variabili al momento iniziale, suggerendo che i videogiochi potrebbero aver avuto un ruolo nello sviluppo di questi risultati negativi.

Per misurare i predittori e i risultati della dipendenza da videogiochi, Coyne ha studiato 385 adolescenti mentre passavano all'età adulta. Ogni individuo ha completato più questionari una volta all'anno per un periodo di sei anni. Questi questionari hanno misurato depressione, ansia, aggressività, delinquenza, empatia, comportamento prosociale, timidezza, reattività sensoriale, stress finanziario e uso problematico del telefono cellulare.

Sono stati trovati due principali predittori per la dipendenza da videogiochi: essere maschi e avere bassi livelli di comportamento prosociale. Avere livelli più elevati di comportamento prosociale o comportamento volontario a beneficio di un'altra persona, tendeva ad essere un fattore protettivo contro i sintomi della dipendenza.

A parte i predittori, Coyne ha anche trovato tre distinte traiettorie dell'uso dei videogiochi. Il settantadue percento degli adolescenti era relativamente basso nei sintomi di dipendenza durante i sei anni di raccolta dei dati. Un altro 18% degli adolescenti ha iniziato con sintomi moderati che non sono cambiati nel tempo e solo il 10% degli adolescenti ha mostrato livelli crescenti di sintomi di gioco patologici durante lo studio.

I risultati suggeriscono che mentre circa il 90% dei giocatori non gioca in modo disfunzionale o dannoso per la vita dell'individuo, c'è ancora una considerevole minoranza che è veramente dipendente dai videogiochi e soffre di sintomi di dipendenza nel tempo.

Questi risultati vanno anche contro lo stereotipo dei giocatori che vivono nel seminterrato dei loro genitori, incapaci di sostenersi finanziariamente o di ottenere un lavoro a causa della loro fissazione sui videogiochi. A poco più di vent'anni, gli utenti patologici dei videogiochi sembrano essere finanziariamente stabili e all'avanguardia come i giocatori che non sono dipendenti.

"Penso davvero che ci siano cose meravigliose nei videogiochi", ha detto Coyne. "L'importante è usarli in modo sano e non farsi risucchiare dai livelli patologici".

 

Journal Reference:

  1. Sarah M. Coyne, Laura A. Stockdale, Wayne Warburton, Douglas A. Gentile, Chongming Yang, Brett M. Merrill. Pathological video game symptoms from adolescence to emerging adulthood: A 6-year longitudinal study of trajectories, predictors, and outcomes.. Developmental Psychology, 2020; DOI: 10.1037/dev0000939

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: dipendenza adolescenza gioco videochi gaming

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Narcoanalisi (o narcoterapia)

Detta anche narcoterapia, è una tecnica diagnostica e terapeutica, utilizzata in psichiatria, che consiste nella somministrazione lenta e continua, per via endo...

Raptus

Il raptus (dal latino raptus, "rapimento") è un impulso improvviso e di forte intensità, che porta un soggetto ad episodi di parossismo, in genere violenti, i q...

Efefilia

Fa parte delle parafilie, nota anche come "feticismo della stoffa". Si tratta di una perversione che consiste nel provare piacere sessuale nel toccare vari tipi...

News Letters

0
condivisioni