Pubblicità

LA DISCRIMINAZIONE SU FACEBOOK: UNA QUESTIONE DI GENERE

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 2661 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

esiste una differenza di genere tra uomini e donne nel modo di comportarsi su internet

GS 2 635x353Secondo uno studio condotto dai sociologi dell’Università di Rovira i Virgili (Spagna), esistono differenze di genere rispetto al modo di comportarsi su internet: i maschi tendono ad alludere direttamente alle questioni etniche e culturali, condividendo una maggiore quantità di contenuti discriminatori su Facebook, mentre le donne sono meno orientate ad un comportamento di questo tipo.

Lo studio fa parte di un progetto europeo intitolato “Internet: Creatively Unveiling Discrimination” che cerca di fornire degli strumenti e delle strategie sia agli educatori che alle famiglie, per cercare di limitare e combattere questi comportamenti su Internet.

Dopo aver informato i volontari sullo scopo dello studio, i ricercatori hanno avuto accesso ai loro profili Facebook e recensito il contenuto che era stato pubblicato nel corso dell’ultimo anno: i commenti e quelle attività considerate discriminatorie sono stati valutati, analizzati e suddivisi in categoria.

Da queste analisi, hanno rilevato che esiste una differenza di genere tra uomini e donne nel modo di comportarsi su internet e che ci sono altresì diversi modi di esprimere la discriminazione sui social networks.

Lo studio sottolinea che i giovani maschi tendono ad essere più diretti con la pubblicazione e la condivisione di messaggi con contenuti che siano più chiaramente discriminatori e rivolti principalmente a gruppi etnici e minoranze culturali. A tal proposito, è stato osservato, che i maschi con una minore istruzione condividono una maggiore quantità dei contenuti discriminatori.

Le donne invece utilizzano una forma indiretta di discriminazione, rendendo l’elemento discriminante meno evidente. I ricercatori sottolineano che, per la maggior parte, gli atteggiamenti femminili sono orientati verso la situazione socioculturale e le caratteristiche fisiche/estetiche. Nonostante i limiti dello studio, i dati ottenuti indicano che vi è un legame tra le differenze interne di maschi e femmine, e il loro comportamento on-line.

L’autore conclude sottolineando che: “il mondo online è un riflesso del nostro mondo offline, ma con la differenza che le attività online possono essere registrate in uno spazio che diviene pubblico. Il modo in cui stiamo agendo su internet somiglia a come agiamo nel mondo reale, con la differenza che su Internet le nostre parole non vengono soffiate via con il vento”.

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: facebook riflesso social network differenze di genere discriminazione modelli interni progetto europeo mondo on line mondo off line

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Complesso di Edipo

Il nome deriva dalla leggenda di Edipo, re di Tebe, che, inconsapevolmente, uccide il padre Laio e sposa la madre Giocasta. Nella teoria psicoanalitica, indica...

Parafrenia

Sindrome psicotica, caratterizzata da vivaci allucinazioni (per lo più uditive, ma anche visive, tattili, olfattive, ecc.) e da idee deliranti, associate a di...

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

News Letters

0
condivisioni