Pubblicità

La famiglia e il gruppo dei pari come prevenzione alla depressione negli adolescenti

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 2454 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Gli studi suggeriscono che la presenza di una famiglia multiproblematica aumenta la probabilità di divenire vittima di bullismo a scuola che a sua volta aumenta la gravità dei sintomi depressivi negli adolescenti

bullismo e depressionePresso la University of Cambridge è stato effettuato uno studio in cui si evidenzia come il supporto da parte di amici e familiari possa aiutare a prevenire la depressione tra gli adolescenti.

E’ stato anche scoperto che i giovani cresciuti in ambienti familiari difficili e problematici hanno una maggiore probabilità di divenire vittime di bullismo a scuola.

L’adolescenza è un momento chiave nello sviluppo di un individuo, ed è un periodo in cui alcuni adolescenti cominciano a mostrare segni di depressione maggiore.

Tra i fattori di rischio della depressione maggiore i ricercatori hanno individuato una situazione finanziaria critica, la perdita di un membro della famiglia, genitori anaffettivi, abuso emotivo, fisico e sessuale.

In aggiunta a tutto questo, la probabilità di divenire vittime di bullismo è correlata ad un aumento della gravità dei sintomi depressivi.

I ricercatori del Dipartimento di Psichiatria dell’Università di Cambridge hanno esaminato 800 bambini (332 maschi e 449 femmine) e utilizzato modelli matematici per esaminare l’impatto del sostegno amicale e familiare sui sintomi depressivi sia in soggetti di 14 anni che in soggetti di 17 anni con una storia familiare problematica che erano già state vittime di bullismo alla scuola primaria.

Dall’analisi dei risultati emerge che, se l’adolescenza è sicuramente un periodo difficile per tutti, questo è particolarmente vero per quei ragazzi cresciuti in un contesto familiare anaffettivo e multiproblematico.

È emersa altresì una particolare correlazione: coloro che avevano una famiglia problematica sono maggiormente esposti a divenire vittime di bullismo a scuola e hanno una minore probabilità di ricevere sostegno dalla famiglia durante l’adolescenza.

Coloro che sono stati vittime di bullismo a scuola hanno altresì meno probabilità di avere un supporto amicale durante l’adolescenza.

Questo determina nei ragazzi un doppio svantaggio e significa che hanno una maggiore probabilità di sviluppare gravi sintomi depressivi nella tarda adolescenza.

I ricercatori sottolineano che il supporto amicale e familiare nella prima adolescenza potrebbe aiutare a ridurre l’insorgenza della sintomatologia depressiva.

A tal proposito il team di ricercatori suggerisce e sottolinea l’importanza di sviluppare interventi di supporto e psicoeducativi per quelle famiglie a rischio, che favoriscano lo sviluppo di competenze parentali più funzionali o anche interventi per quegli adolescenti vittime di bullismo volti a incrementare la fiducia, l’autostima e le competenze sociali per favorire la ricerca e il mantenimento di relazioni amicali.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: autostima adolescenti vittime di bullismo prevenzione sintomi depressivi supporto familiare supporto amicale famglia problematica interventi familiari di supporto interventi rivolti agli adolescenti competenze sociali

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Soffro di depressione (1546116…

jessica, 22     Ciao mi chiamo Jessica e ho 22 anni, è la prima volta che mi rivolgo a qualcuno. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

Oggetto

“Lo sviluppo delle relazioni oggettuali è un processo mediante il quale la dipendenza infantile dall’oggetto cede a poco a poco il passo ad una dipendenza matur...

Training Autogeno

Il training autogeno nasce come tecnica ideata da J.H. Schultz, neurologo e psichiatra.Training significa “allenamento”, autogeno “che si genera da sé”; ciò dif...

News Letters

0
condivisioni