Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

La famiglia e il gruppo dei pari come prevenzione alla depressione negli adolescenti

on . Postato in News di psicologia

Gli studi suggeriscono che la presenza di una famiglia multiproblematica aumenta la probabilità di divenire vittima di bullismo a scuola che a sua volta aumenta la gravità dei sintomi depressivi negli adolescenti

bullismo e depressionePresso la University of Cambridge è stato effettuato uno studio in cui si evidenzia come il supporto da parte di amici e familiari possa aiutare a prevenire la depressione tra gli adolescenti.

E’ stato anche scoperto che i giovani cresciuti in ambienti familiari difficili e problematici hanno una maggiore probabilità di divenire vittime di bullismo a scuola.

L’adolescenza è un momento chiave nello sviluppo di un individuo, ed è un periodo in cui alcuni adolescenti cominciano a mostrare segni di depressione maggiore.

Tra i fattori di rischio della depressione maggiore i ricercatori hanno individuato una situazione finanziaria critica, la perdita di un membro della famiglia, genitori anaffettivi, abuso emotivo, fisico e sessuale.

In aggiunta a tutto questo, la probabilità di divenire vittime di bullismo è correlata ad un aumento della gravità dei sintomi depressivi.

I ricercatori del Dipartimento di Psichiatria dell’Università di Cambridge hanno esaminato 800 bambini (332 maschi e 449 femmine) e utilizzato modelli matematici per esaminare l’impatto del sostegno amicale e familiare sui sintomi depressivi sia in soggetti di 14 anni che in soggetti di 17 anni con una storia familiare problematica che erano già state vittime di bullismo alla scuola primaria.

Dall’analisi dei risultati emerge che, se l’adolescenza è sicuramente un periodo difficile per tutti, questo è particolarmente vero per quei ragazzi cresciuti in un contesto familiare anaffettivo e multiproblematico.

È emersa altresì una particolare correlazione: coloro che avevano una famiglia problematica sono maggiormente esposti a divenire vittime di bullismo a scuola e hanno una minore probabilità di ricevere sostegno dalla famiglia durante l’adolescenza.

Coloro che sono stati vittime di bullismo a scuola hanno altresì meno probabilità di avere un supporto amicale durante l’adolescenza.

Questo determina nei ragazzi un doppio svantaggio e significa che hanno una maggiore probabilità di sviluppare gravi sintomi depressivi nella tarda adolescenza.

I ricercatori sottolineano che il supporto amicale e familiare nella prima adolescenza potrebbe aiutare a ridurre l’insorgenza della sintomatologia depressiva.

A tal proposito il team di ricercatori suggerisce e sottolinea l’importanza di sviluppare interventi di supporto e psicoeducativi per quelle famiglie a rischio, che favoriscano lo sviluppo di competenze parentali più funzionali o anche interventi per quegli adolescenti vittime di bullismo volti a incrementare la fiducia, l’autostima e le competenze sociali per favorire la ricerca e il mantenimento di relazioni amicali.

 


Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psicologi italiani

 

logo psychostore


 

 

 

 

Tags: autostima adolescenti vittime di bullismo prevenzione sintomi depressivi supporto familiare supporto amicale famglia problematica interventi familiari di supporto interventi rivolti agli adolescenti competenze sociali

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto (148935473591)

azzurra, 17               Salve, sono una ragazza di 17 anni che sta vivendo una situazione familiare pessima, dici...

Troppo dolore (14888251032)

Mia, 45           Tutta la mia vita è una continua lotta per me, e adesso sono davvero, davvero, stanca. Partendo dal la...

Come capire cosa si ha e da ch…

Jep gambardella, 28     Salve, Ringrazio anticipatamente tutti i professionisti che mi risponderanno. Cercherò di essere breve ma pi&ugra...

Area Professionale

Il perdono nella pratica clini…

Secondo recenti ricerche il perdono e la capacità di perdonare possono essere correlati alla propria struttura di personalità, al processo di matu...

L' odio come paura dell’altro …

Gli atti di odio sono tentativi di distrarre sè stessi da sentimenti come la solitudine, l'impotenza, l'ingiustizia, l'inadeguateza e la vergogna. L'odio...

Inaugurazione Servizio Psicolo…

La Fondazione dell’Ordine degli Psicologi dell’Abruzzo – ONLUS, in seguito al sisma che ha colpito il Centro Italia nell’ Agosto 2016, h...

Le parole della Psicologia

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio...

Mania

L. Binswanger (Melanconia e mania, 1960) ha messo in evidenza come nella mania vi sia una destrutturazione della dimensione temporale della vita psichica che...

Anoressia Nervosa

Il problema centrale, quindi, non è tanto un disturbo alimentare, quanto un disturbo più complesso, che riguarda la visione e l’uso perverso...

News Letters