Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

La famiglia e il gruppo dei pari come prevenzione alla depressione negli adolescenti

on . Postato in News di psicologia

Gli studi suggeriscono che la presenza di una famiglia multiproblematica aumenta la probabilità di divenire vittima di bullismo a scuola che a sua volta aumenta la gravità dei sintomi depressivi negli adolescenti

bullismo e depressionePresso la University of Cambridge è stato effettuato uno studio in cui si evidenzia come il supporto da parte di amici e familiari possa aiutare a prevenire la depressione tra gli adolescenti.

E’ stato anche scoperto che i giovani cresciuti in ambienti familiari difficili e problematici hanno una maggiore probabilità di divenire vittime di bullismo a scuola.

L’adolescenza è un momento chiave nello sviluppo di un individuo, ed è un periodo in cui alcuni adolescenti cominciano a mostrare segni di depressione maggiore.

Tra i fattori di rischio della depressione maggiore i ricercatori hanno individuato una situazione finanziaria critica, la perdita di un membro della famiglia, genitori anaffettivi, abuso emotivo, fisico e sessuale.

In aggiunta a tutto questo, la probabilità di divenire vittime di bullismo è correlata ad un aumento della gravità dei sintomi depressivi.

I ricercatori del Dipartimento di Psichiatria dell’Università di Cambridge hanno esaminato 800 bambini (332 maschi e 449 femmine) e utilizzato modelli matematici per esaminare l’impatto del sostegno amicale e familiare sui sintomi depressivi sia in soggetti di 14 anni che in soggetti di 17 anni con una storia familiare problematica che erano già state vittime di bullismo alla scuola primaria.

Dall’analisi dei risultati emerge che, se l’adolescenza è sicuramente un periodo difficile per tutti, questo è particolarmente vero per quei ragazzi cresciuti in un contesto familiare anaffettivo e multiproblematico.

È emersa altresì una particolare correlazione: coloro che avevano una famiglia problematica sono maggiormente esposti a divenire vittime di bullismo a scuola e hanno una minore probabilità di ricevere sostegno dalla famiglia durante l’adolescenza.

Coloro che sono stati vittime di bullismo a scuola hanno altresì meno probabilità di avere un supporto amicale durante l’adolescenza.

Questo determina nei ragazzi un doppio svantaggio e significa che hanno una maggiore probabilità di sviluppare gravi sintomi depressivi nella tarda adolescenza.

I ricercatori sottolineano che il supporto amicale e familiare nella prima adolescenza potrebbe aiutare a ridurre l’insorgenza della sintomatologia depressiva.

A tal proposito il team di ricercatori suggerisce e sottolinea l’importanza di sviluppare interventi di supporto e psicoeducativi per quelle famiglie a rischio, che favoriscano lo sviluppo di competenze parentali più funzionali o anche interventi per quegli adolescenti vittime di bullismo volti a incrementare la fiducia, l’autostima e le competenze sociali per favorire la ricerca e il mantenimento di relazioni amicali.

 

Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

 

 

 

Tags: autostima adolescenti vittime di bullismo prevenzione sintomi depressivi supporto familiare supporto amicale famglia problematica interventi familiari di supporto interventi rivolti agli adolescenti competenze sociali

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Sfogo... (1504940202677)

andrea, 30       Individuo probabilmente schizofrenico... all'età di tre anni la madre, esasperata dal rapporto con il padre cerca di soff...

blocchi mentali (1505330248387…

PASHINO, 42       Sono in terapia da quattro anni, ho avuto una vita molto difficile e di solitudine con genitori ciechi e una sorella anch...

DEPERSONALIZZAZIONE? (15044611…

Emanuele, 20       Salve, dopo un lungo periodo lavorativo all' estero in cui ho vissuto isolato dal mondo in un ranch in Australia (terra...

Area Professionale

Psicologo a scuola senza conse…

In merito ai fatti avvenuti ad Arezzo, coinvolgente la figura professionale dello psicologo e la cui presenza in aula a scopi valutativi senza consenso da parte...

Il Jobs Act Autonomi 2017: nov…

Il Jobs Act autonomi 2017, contenuto all'interno della precedente Legge di Stabilità del 2016, è in vigore dal 14 giugno 2017. Il disegno di legge prevede 21 ar...

Linee guida per le prestazioni…

LINEE GUIDA PER LE PRESTAZIONI PSICOLOGICHE VIA INTERNET E A DISTANZA Realizzate dalla Commissione ATTI TIPICI del CNOP le nuove linee guida per le prestazio...

Le parole della Psicologia

Imprinting

L'imprinting è una forma di apprendimento precoce secondo la quale i neonati, nel periodo immediatamente successivo alla nascita, vengono condizionati dal primo...

Balbuzie

La balbuzie interessa circa l’1% della popolazione mondiale (tasso di prevalenza), ma circa il 5% può dire di averne sofferto in qualche misura nel...

Ecoprassia

È l’imitazione dei movimenti di altri, per esempio, di azioni (ecocinesi) e gesti (ecomimia). L'ecoprassia consiste nell' imitazione spontanea dei movimenti ...

News Letters