Pubblicità

La famiglia e la scuola sono strumenti di lotta al bullismo

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 629 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Lo studio ha rivelato che i ragazzi che erano stati già esclusi o discriminati dal gruppo dei pari e dai propri insegnanti, erano meno propensi ad intervenire per le vittime di bullismo.

Bullismo

Un recente studio della North Carolina State University e dell' University of South Carolina ha scoperto che i ragazzi con buone relazioni all'interno del contesto familiare hanno più probabilità di intervenire quando assistono ad episodi di bullismo o in presenza di altri comportamenti di aggressività a scuola e se vedono le vittime progettare una vendetta.

"Ci sono molte ricerche che riguardano il fenomeno del bullismo, ma molto poche sono quelle che si estendono anche all'impatto che hanno i familiari, se questi per esempio intervengono in presenza di episodi di bullismo". Ha affermato  Kelly Lynn Mulvey, una professoressa assistente di Psicologia al NC State e capo degli autori di questa ricerca.

"Questa cosa è importante poichè le ricerche hanno mostrato che l'intervento del gruppo dei pari è molto efficace nel fermare episodi di bullismo e per prevenire futuri comportamenti aggressivi. Ma questi interventi sono abbastanza rari" ha spiegato Mulvey, "Un obiettivo di questo lavoro era determinare come e se la famiglia e la scuola potevano essere di supporto e di arricchimento per gli studenti nell'intervento, quando si verificavano atti di bullismo".

A tale scopo i ricercatori hanno condotto uno studio con 450 studenti di prima media e 446 di primo superiore. Ogni partecipante ha completato un sondaggio che mira a raccogliere dati sulle loro relazioni con la famiglia, con il gruppo dei pari e con gli insegnanti. I partecipanti avevano inoltre osservato sei scene, ognuna delle quali riguardava un particolare atteggiamento aggressivo: aggressioni fisiche, cyberbullismo, esclusione sociale o rifiuto da un gruppo; violenza da parte del partner, violenza verbale, come per esempio prendere in giro e fare pettegolezzi meschini ed esclusione da parte dei compagni di scuola.

Per ogni scenario agli studenti gli veniva chiesto di giudicare gli atti violenti su una scala a sei punti dal "Non OK" (1) al "Veramente OK"(6). Gli studenti hanno utilizzato la stessa scala per valutare il grado di accettabilità dell'azione. Ogni studente era poi chiamato a stimare la sua probabilità ad intervenire attrraverso sei risposte differenti, che andavano dall'affrontare direttamente il bullo all'andarsene via. Infine, ai partecipanti di questo studio, era stato chiesto se Ok significava reagire a sostegno delle vittime contro i bulli e se erano disposti ad intervenire per impedire una ritorsione.

"Abbiamo scoperto che il ruolo della famiglia è davvero importante" ha affermato Seçil Gönültas, studente del NC State e co-autore dell'articolo. "Più uno studente presentava 'una buona gestione familiare' o relazioni familiari positive, maggiore era la probabilità che uno studente riteneva inaccettabili i comportamenti aggressivi e le ritorsioni violente e probabilmente erano maggiormente pronti ad intervenire in qualunque caso".

"Noi abbiamo inoltre scoperto che gli studenti di prima media avevano maggiormente considerato inaccettabili i comportamenti violenti ed erano più pronti ad intervenre rispetto agli studenti di primo superiore", come affermato da Mulvey. Questo è molto importante per effettuare interventi di antibullismo nelle scuole superiori, i quali alcuni, già stanno avendo luogo". Nel frattempo, la ricerca ha inoltre dimostrato che più gli studenti hanno riportato di essere esclusi o di essere trattati in maniera scorretta dal gruppo dei pari o dagli insegnanti, più erano disposti ad andarsene via o non fare nulla quando vedevano atti di bullismo.

 

Pubblicità

 

Gli studenti con un maggior rapporto discriminante da parte dei pari e dagli insegnanti, percepivano meno ingiusti gli atti di bullismo. Questo era evidente soprattutto per gli studenti che percepivano di essere discriminati dai loro insegnanti. Invece quelli con un buon rapporto con gli insegnanti erano maggiormente pronti ad intervenire attivamente.

"Lo studio ci suggerisce che sia l'ambito domestico e sia quello scolastico sono importanti per far considerare i comportamenti di bullismo come ingiusti e per intraprendere le giuste misure per intervenire. E' evidente il valore del coinvolgimento positivo della scuola e di buoni insegnanti, così come importante è il supporto familiare, quando si verificano casi di bullismo".

 

Tratto da Science Daily

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Giulia Inglese)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: scuola famiglia bullismo strumenti news di psicologia lotta

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Morte del padre senza emozioni…

 bianca, 54 anni     Buongiorno Dottori, da qualche settimana è morto mio padre di 81 anni dopo una breve malattia. Non ho mai avuto un b...

Il mio fidanzato mi umilia [1…

Ragazza991, 19 anni         Buonasera,   sono fidanzata da due anni, e ormai è da un anno o poco più che ogni volta che gl...

Aiuto [1610926691822]

Brigida, 38 anni     Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni. Da un annetto circ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

Emetofobia

Dal greco emein che significa "un atto o un'istanza di vomito" e fobia, ovvero "un esagerato solito inspiegabile e illogico timore di un particolare oggetto,&nb...

Ninfomania

Il termine ninfomane viene da ninfa (divinità femminile della mitologia e/o nome dato alle piccole labbra della vulva) e mania (che in latino significa follia)...

News Letters

0
condivisioni