Pubblicità

La fenomenologia del desktop quell'icona può rivelare chi sei

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 501 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

A volte basta una foto. Magari il modo con cui la si è sistemata. Senza considerare l'interazione dell'immagine con il resto delle informazioni impostate sullo schermo. Ci vuol poco a capire che tipi siamo. E' questo il tema della ricerca sulla psicologia da desktop condotta da Windows Vista e realizzata dalla studiosa comportamentista Donna Dawson. Basta guardare lo sfondo dei computer dei colleghi per capire molto più di quello che si potrebbe immaginare. Icone affilate in ordine o sparse a caso, posizionate tutte su un lato o in maniera armonica con le immagini.

Ma non solo. Anche la foto utilizzata per la scrivania dice molto della persona che l'ha scelta. E racconta soprattutto qualcosa della sua personalità, delle sue ambizioni e delle sue abitudini.Preferisce lo schermo tutto blu alle foto degli amici? È una persona discreta e poco socievole. Ama sfoggiare anche sul desktop i suoi trofei, dalla partita a calcetto ai viaggi più avventurosi? È ambizioso e ha bisogno di conferme. "I nostri desktop sono i nostri spazi personali e proprio per questo forniscono una descrizione abbastanza accurata di un individuo - spiega l'autrice dello studio Donna Dawson - In generale credo che ogni cosa aggiunga un dettaglio su quello che siamo veramente.

Tratto da "laRepubblica.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Psicologia professione sanitar…

di Catello Parmentola La Legge 3-2018 ha configurato la Psicologia come professione sanitaria ma la questione ha una complessità culturale ed epistemologica ch...

Le parole della Psicologia

Anorgasmia

Con il termine “anorgasmia” si fa riferimento alla mancanza e/o assenza di orgasmo, intesa come difficoltà o incapacità a raggiungere l'orgasmo.  Il termi...

Adaptive Information Processin…

Secondo questo modello, per conferire senso agli stimoli in entrata, le nuove esperienze vengono assimilate all’interno di preesistenti network mnestici. &nb...

Amok

"Follia rabbiosa, una specie di idrofobia umana... un accesso di monomania omicida, insensata, non paragonabile a nessun'altra intossicazione alcolica".» (Zweig...

News Letters

0
condivisioni