Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

La forza antidolorifica della psiche

on . Postato in News di psicologia | Letto 185 volte

«La speranza di una persona di poter ricevere una terapia specifica per il suo disturbo, insieme alla suggestionabilità, sono due strumenti capaci determinare un effetto biochimico importante, e migliorare sintomi psichiatrici come l’ansia e la depressione», sostiene il professor Enrico Smeraldi, direttore della Clinica Psichiatrica dell’Università di Milano Istituto San Raffaele. «Le personalità dipendenti sono quelle che più delle altre appaiono beneficiare dei trattamenti farmacologici, ma anche del placebo».

In uno studio clinico si utilizza come unità di misura dell’efficacia il punteggio data dalle scale psicometriche. Si tratta di test che presentano punteggi a seconda del grado di malattia. Quando si voglia indagare l’efficacia di un farmaco, confrontato con un placebo, gli sperimentatori si pongono un obiettivo, ossia quello di ottenere un punteggio nella medesima scala che corrisponde ad una diminuzione dei sintomi. Per esempio: si prende un tot di persone che hanno +28 nella scala di Hamilton e si definisce che il farmaco agisce se è in grado di diminuire la percezione dei sintomi in modo che il punteggio non superi i +14. Questa è un’azione che può ottenere il placebo, ma ciò che non può fare è ottenere la guarigione biologica, che corrisponderebbe, diciamo ad un punteggio pari a +5.

Questo spiegherebbe anche la potente azione dei placebo sul dolore, confermando un’azione analgesica molto spiccata: «Il dolore non solo è un elemento soggettivo ma è noto che ad una componente biologica che corrisponde al semplice stimolo nervoso si somma una componente psicologica. L’effetto placebo quindi agisce su quest’ultima», conclude il professor Smeraldi.

Già da molti anni sono state raccolte le evidenze del potere antidolorifico del placebo, capace di determinare una riduzione del dolore clinico nel 36% dei casi con un potere analogo a quello di molti farmaci. L’azione dell’effetto placebo è particolarmente significativa in condizioni come i dolori postoperatori, il dolore dentario e successivo ad estrazioni, i dolori da ulcera, le cefalee, i dolori muscolari, da parto e alcuni tipi di dolore da cancro. Ma è in grado di influenzare effetti fisiologici misurabili come la frequenza cardiaca e la pressione arteriosa. Il dolore clinico inoltre è maggiormente sensibile al placebo rispetto al dolore sperimentale.

Nonostante tutte le prove della sua esistenza e della sua efficacia non è ancora possibile definire se ci si trovi di fronte ad un condizionamento o ad una potente suggestione.

Articolo interamente tratto da:”La Repubblica” del 14.11.2002

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Castrazione (complesso di)

Insieme di emozioni, sentimenti e immagini inconsce fissate nell’adulto che non ha superato l’angoscia di castrazione. La riattivazione di questa ...

Agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a quella d...

Trauma

Forte alterazione dello stato psichico di un soggetto dovuta alla sua incapacità di reagire a fatti o esperienze sconvolgenti, estremamente dolorosi come...

News Letters