Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

La genitorialità: rapporti diversi tra padre e madre.

on . Postato in News di psicologia | Letto 513 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Un nuovo studio condotto da un sociologo della Cornell University dimostra che l’essere genitori porta più sforzi da parte delle madri.

gustav klimtI ricercatori hanno riscontrato che le mamme passano più tempo con i loro bambini mentre fanno le faccende più onerose, come cucinare e pulire, mentre i papà passano più tempo con i bambini in attività piacevoli, a basso stress come il gioco e il tempo libero.

Le madri non si occupano solo di essere madri, vivono più interruzioni del sonno e hanno meno tempo libero, esperienze che sono tutte associate ad un basso livello di benessere.

"Non è che le mamme sono stressate con i loro figli, ma rispetto ai padri, vivono esperienze più dure", ha detto Kelly Musick, professore associato di analisi e gestione delle politiche alla Cornell e co-autore dello studio, “How Parents Fare: Mothers’ and Fathers’ Subjective Well-Being in Time with Children," che è apparso in American Sociological Review.

"Le madri stanno facendo cose diverse con i propri figli rispetto ai padri, cose che sappiamo che non sono piacevoli", ha detto Musick. "Giocare con i loro bambini è un'esperienza particolarmente piacevole per i genitori. E i papà svolgono più attività di gioco analizzando la quota del totale di tempo trascorso con i loro figli. "

E gran parte del tempo che i padri passano con i bambini è il tempo della famiglia, quando anche la madre è presente, ha detto Musick. In questo modo, gli uomini hanno una responsabilità esclusiva dei bambini inferiore a quella delle madri.

La Musick Indicò un'analogia con lo studio di Suzanne Bianchi, che ha paragonato le madri a "portieri" di calcio; fanno quello che devono per difendere la porta.

"Vanno a giocare con i propri figli solo quando hanno tempo per giocare, ma si assicurano che essi abbiano tutto ciò che gli occorre", ha detto. "La cena è fatta, i bambini sono in bagno, i panni sono piegati. Giocano con i loro bambini, ma quando si prende in considerazione tutte le cose che stanno facendo, è solo una quota minore del loro tempo ".

I ricercatori hanno estratto una nuova fonte di dati e hanno preso in considerazione un nuovo approccio per ottenere questi risultati.

Analizzando i diari dell’ American Time Use Surveys a partire dal 2010, 2012 e 2013, i ricercatori hanno esaminato i rapporti di 12.000 genitori su come si sono sentiti e quello che stavano facendo durante tre periodi casuali nel corso di una giornata di 24 ore.

Per ogni periodo, i genitori hanno valutato quando si sono sentiti felici, tristi, stressati e stanchi quanto fosse significativa l'attività che stavano facendo. I ricercatori hanno poi confrontato come i genitori si sentivano mentre svolgevano attività con i loro figli e come si sono sentiti a fare lo stesso tipo di attività senza i loro bambini.

"Molto di come i genitori sentono la loro genitorialità si basa su momenti casuali con i bambini", ha detto, "come stare a penzoloni sul divano o andare a fare la spesa. Molti genitori si sentono più coinvolti in quei piccoli momenti. "

Musick ipotizza che forse le madri effettuano una genitorialità più onerosa perché le aspettative sono più alte rispetto ai padri.

"Come sociologo, vorrei che noi, come società, abbandonassimo alcune delle ipotesi e dei vincoli che abbiamo posto sui ruoli di madre e padre. La mamma e il papà interagiscono in un quadro sociale che è fuori del loro controllo” ha detto. "Le coppie possono lavorare insieme per cambiare il modo di essere genitore, ma non è davvero una soluzione. La soluzione è che noi collettivamente dobbiamo ripensare a quello che ci aspettiamo dai padri e a ciò che ci aspettiamo dalle madri. "

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: benessere genitorialità madre,padre, oneri materni disequilibrio,

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. Deriva dal greco e fa riferimento alla paura per coloro che camminano su trampoli. Giocolieri e clown, insomma. Ed è per questo...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia, depressione, paura (151…

klava, 20     Salve, mi chiamo Claudia, sono una studentessa universitaria. Ultimamente sto rivivendo un circolo vizioso dato (credo) dall'ansia ...

Decisione scolastica (15164313…

Simo, 45     Mio figlio fa la 5^ elem. Ora deve scegliere le medie dove farle. ...

Psicoterapia e problemi (15164…

Luna, 39     Si può continuare una psicoterapia pur se si è innamorati dal primo mese del proprio terapeuta? ...

Area Professionale

L'infanzia abusata, pedofilia …

La fenomenologia degli abusi e dei danni all’infanzia (child abuse) interessa molteplici aspetti psicologici, emozionali e relazionali che compongono il quadro ...

Sistema Tessera Sanitaria

L’articolo 1 del DM 01.09.2016 ha previsto che anche gli psicologi iscritti all’Albo, secondo quanto stabilito dalla Legge 56/1989, dovranno effettuare la trasm...

Salute e sicurezza negli Studi…

  A fare chiarezza sugli adempimenti e sugli obblighi in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro negli studi professionali, è intervenuta già...

Le parole della Psicologia

Lallazione

Indica quella fase di sviluppo del linguaggio infantile, che comincia all’incirca intorno al quarto-quinto mese di vita, e che consiste nell’emissio...

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attivi...

Controtransfert

“L’idea che il controtransfert rappresenti una creazione congiunta dell’analista e dell’analizzando riflette un movimento verso una conc...

News Letters