Pubblicità

La guerra e i bambini

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 345 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Negli Stati Uniti, molti genitori sono preoccupati per le ripercussioni del clima di tensione che grava sulla popolazione e sui propri bambini dopo gli attentati terroristici e le attuali minacce dovute all'antrace. Il dr.Bernard Arons, psicologo e responsabile del D.H.H.S. Center for Mental Health Service di Washington, si rivolge ai genitori:"Se i bambini hanno incubi o mostrano un comportamento timoroso ed eccessivamente dipendente rispetto al solito e se questi atteggiamenti persistono per settimane, sarebbe opportuno rivolgersi ad un aiuto professionale per rilevare se ci sono problemi direttamente o indirettamente collegati ai fenomeni di violenza cui stiamo assistendo in questi ultimi tempi, di cui i bambini possono aver assorbito la gravità ed il clima di tensione.. I genitori che affermano che i propri figli non si rendano conto di quanto sta accadendo si stanno illudendo e negano la realtà, poiché non conoscono evidentemente le capacità dei bambini in questo senso..".

La sintomatologia che colpisce i bambini in questi casi è piuttosto varia e comprende reazioni di tipo depressivo così come comportamenti ansiosi, nervosismo, problemi di addormentamento e possibili incubi, problemi con il cibo, ed altri sintomi che sono prevalentemente centrati sulla sfera corporea che si fa portatrice della tensione che il bambino ha percepito all'esterno ed accumulato.

Il dr.Robin Goodman, direttore di un programma educativo presso la N.Y.University's Child Study Center, ribadisce che i genitori possono aiutare i propri figli in tali situazioni facendo in modo che essi esprimano le loro emozioni riguardo quanto sentono dall'esterno, dalla tv, dagli altri bambini, rispondendo loro in maniera tranquillizzante ed informandoli per quanto possibile ed in modo per essi comprensibile su quello che accade..Inoltre, l'esposizione ripetuta alle immagini più crude e violente fornite dalla tv è chiaramente da evitare, poiché la loro ripetizione aumenta il potere traumatico veicolato dalle immagini, che può divenire eccessivo per le capacità di elaborazione cognitiva ed affettiva del bambino.

(tratto da: "Terrorism, War Affect Children " - Associated Press - Nov.2001)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Paranoia

La paranoia è una psicosi caratterizzata dallo sviluppo di un delirio cronico (di grandezza, di persecuzione, di gelosia, ecc.), lucido, sistematizzato, dotat...

Elettroshock

Di solito, la TEC, eseguita in anestesia, è una tecnica scevra da collateralità e con bassa incidenza di mortalità. Le complicanze mediche più frequenti, tutt...

Il pregiudizio

Similare alla connotazione più negativa di uno stereotipo, in psicologia un pregiudizio (dal latino prae, "prima" e iudicium, "giudizio") è un'opinione preconce...

News Letters

0
condivisioni