Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

La laurea non va più: si iscrive all'università solo il 29% dei 19enni

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 399 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Nell'anno accademico 2010-2011 all'universita' si e' iscritto' meno di un diciannovenne su tre (29%). Negli ultimi otto anni le immatricolazioni sono diminuite del 15% e nel 2011 la meta' degli studenti (49%) e' risultata essere "stanziale", ha scelto, insomma, di studiare nella stessa provincia in cui ha ottenuto il diploma. Nel complesso, comunque, in Italia, fra il 2001 e il 2010 sono lievitate le lauree complessive passando da 172mila a 289mila. Un fenomeno che va colmando il gap di titoli delle generazioni precedenti.

È quanto illustra il rapporto di Almalaurea presentato oggi sul 'Profilo dei laureati italiani' che ha coinvolto 215.525 usciti dalle universita' nel 2011 (121.065 con laurea di primo livello, 62.482 con laurea specialistica/magistrale e 19.367 con laurea a ciclo unico) in uno dei 61 atenei aderenti da almeno un anno al consorzio AlmaLaurea.

Secondo l'indagine sono, aumentati anche i laureati 'poco motivati (dal 10 al 14%), ma rispetto all'universita' pre-riforma, nel 2011 e' cresciuta la quota di giovani che termina gli studi in tempo (39% contro 10%). È anche e' aumentata la frequenza alle lezioni, si e' estesa l'esperienza di stage e tirocini svolti durante gli studi, cosi' come le opportunita' di studio all'estero. La riforma, dunque, "non e' stata un fallimento. Piuttosto e inequivocabilmente, su diversi fronti essa ha fatto segnare significativi miglioramenti", osserva Almalaurea. Chi arriva alla laurea di primo livello proviene da classi sociali meno favorite, tende a studiare sotto casa, forse anche per effetto della moltiplicazione dei corsi universitari e raggiunge il traguardo a 24 anni.

E dopo la laurea? La maggior parte dei laureati triennali intende proseguire la formazione.

 

Tratto da: "dire.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

Il Test del villaggio e l’orga…

Il Test del Villaggio è uno strumento psicodiagnostico che può avere un’ampia rilevanza all’interno del setting clinico tra terapeuta e paziente approfondendone...

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Le parole della Psicologia

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

Agorafobia

Il termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto...

Lo stereotipo

Il termine stereotipo deriva dalle parole greche "stereos" (duro, solido) e "typos" (impronta, immagine, gruppo), quindi "immagine rigida". Si tratta di...

News Letters

0
condivisioni