Pubblicità

La laurea non va più: si iscrive all'università solo il 29% dei 19enni

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 457 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Nell'anno accademico 2010-2011 all'universita' si e' iscritto' meno di un diciannovenne su tre (29%). Negli ultimi otto anni le immatricolazioni sono diminuite del 15% e nel 2011 la meta' degli studenti (49%) e' risultata essere "stanziale", ha scelto, insomma, di studiare nella stessa provincia in cui ha ottenuto il diploma. Nel complesso, comunque, in Italia, fra il 2001 e il 2010 sono lievitate le lauree complessive passando da 172mila a 289mila. Un fenomeno che va colmando il gap di titoli delle generazioni precedenti.

È quanto illustra il rapporto di Almalaurea presentato oggi sul 'Profilo dei laureati italiani' che ha coinvolto 215.525 usciti dalle universita' nel 2011 (121.065 con laurea di primo livello, 62.482 con laurea specialistica/magistrale e 19.367 con laurea a ciclo unico) in uno dei 61 atenei aderenti da almeno un anno al consorzio AlmaLaurea.

Secondo l'indagine sono, aumentati anche i laureati 'poco motivati (dal 10 al 14%), ma rispetto all'universita' pre-riforma, nel 2011 e' cresciuta la quota di giovani che termina gli studi in tempo (39% contro 10%). È anche e' aumentata la frequenza alle lezioni, si e' estesa l'esperienza di stage e tirocini svolti durante gli studi, cosi' come le opportunita' di studio all'estero. La riforma, dunque, "non e' stata un fallimento. Piuttosto e inequivocabilmente, su diversi fronti essa ha fatto segnare significativi miglioramenti", osserva Almalaurea. Chi arriva alla laurea di primo livello proviene da classi sociali meno favorite, tende a studiare sotto casa, forse anche per effetto della moltiplicazione dei corsi universitari e raggiunge il traguardo a 24 anni.

E dopo la laurea? La maggior parte dei laureati triennali intende proseguire la formazione.

 

Tratto da: "dire.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Gelosia o invidia? (1551968137…

Flow, 24     Buongiorno, ho 24 anni e sono sposato. ...

Problemi con la biologia marin…

JIM87, 32     Buongiorno ho frequentato il corso di laurea magistrale di biologia marina all'Università di Padova e dopo vari problemi con un pro...

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Area Professionale

Articolo 9 - il Codice Deontol…

Articolo 9 Nella sua attività di ricerca lo psicologo è tenuto ad informare adeguatamente i soggetti in essa coinvolti al fine di ottenerne il previo consenso ...

Articolo 8 - il Codice Deontol…

Prosegue con l'articolo 8, anche questa settimana, su Psiconline.it il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani a cura di Catello Parm...

Articolo 7 - il Codice Deontol…

Proseguiamo su Psiconline.it, settimana dopo settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di...

Le parole della Psicologia

Cervelletto

Il cervelletto è una delle strutture più grandi del sistema nervoso, circa 1/3 dell'intero volume intracranico ed è presente in tutti i vertebrati. Anatomica...

Binge Eating Disorder

Non si conosce ancora la causa esatta del BED (binge Eating Disorder), anche perché è una patologia da poco individuata e studiata come categoria a sé stante (s...

Acting out

Il termine Acting out , letteralmente “passaggio all’atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’individuo per esprimere vissuti co...

News Letters

0
condivisioni