Pubblicità

La lettura condivisa con i bambini: una genitorialità meno severa

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 594 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Le persone che leggono regolarmente con i loro bambini piccoli hanno meno probabilità di adottare un stile educativo rigido e severo e i bambini hanno meno probabilità di essere iperattivi o distruttivi.

lettura condivisa con i bambiniPrecedenti studi hanno dimostrato che la lettura condivisa prepara i bambini al loro ingresso  a scuola costruendo competenze linguistiche, di alfabetizzazione e affettive, inoltre lo studio dei ricercatori della Rutgers Robert Wood Johnson Medical School potrebbe essere il primo a concentrarsi su come la lettura condivisa influisce sulla genitorialità.


Lo studio, pubblicato sul Journal of Developmental & Behavioral Pediatrics, suggerisce ulteriori benefici dalla lettura condivisa, come la creazione di un legame genitore-figlio più forte e meno iperattività e problemi di attenzione nei bambini.

"Per i genitori, la semplice routine quotidiana di leggere con il proprio figlio non fornisce solo benefici accademici ma anche emotivi, che possono aiutare a rafforzare il successo del bambino a scuola e non solo", ha affermato il ricercatore Manuel Jimenez, un assistente professore presso il Dipartimento di pediatria del Rutgers Robert Wood Johnson Medical School.

"I nostri risultati possono essere applicati a programmi che aiutano genitori e operatori sanitari, nelle aree meno servite, a sviluppare capacità genitoriali positive".

Lo studio ha esaminato i dati relativi a 2.165 coppie madre-figlio di 20 grandi città degli Stati Uniti in cui alle donne è stato chiesto quanto spesso leggessero ai loro bambini all'età di 1 e o 3 anni. Il 34% e il 52% delle madri hanno riportato letture giornaliere in un range di età che va da uno a tre anni.

Le madri sono state nuovamente intervistate due anni dopo, su quanto spesso si impegnavano in attività fisiche e/o psicologicamente aggressive e quanto quest'ultime andavano a influire sul comportamento dei loro figli.

Pubblicità

Lo studio, in un'ulteriore analisi, ha  esaminato fattori come la depressione dei genitori e le difficoltà finanziarie, le quali possono contribuire allo sviluppo di una genitorialità dura e di un comportamento dirompente dei bambini.

I risultati hanno mostrato che la lettura condivisa frequente all'età di 1 anno, era associata a una minore genitorialità, più tardi, a 3 anni, e la frequente lettura condivisa all'età di 3 anni era associata a una minore genitorialità, più tardi, a 5 anni.

La lettura condivisa, predendo in considerazione questo range d'età, veniva assocciata a una genitorialità meno severa.

Queste associazioni sono rimaste significative nei modelli a ripetizione ritardata.

Inoltre è stata osservata una diminuizione di comportamenti insoliti da parte dei bambini.

Questi risultati suggeriscono che la lettura condivisa contribuisce a un aspetto importante della relazione genitore-figlio e che parte dell'associazione opera attraverso comportamenti infantili migliorati.

I risultati possono inoltre rafforzare i programmi che promuovono il benessere scolastico, emotivo e socioeconomico dei bambini, hanno concluso gli autori.

 

 

Fonte:

Manuel E. Jimenez, Alan L. Mendelsohn, Yong Lin, Patricia Shelton, Nancy Reichman. Early Shared Reading Is Associated with Less Harsh Parenting. Journal of Developmental & Behavioral Pediatrics, 2019; 1 DOI: 10.1097/DBP.0000000000000687

 

A cura della Dotoressa Arianna Patriarca

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: lettura legame genitore-bambino

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Trinatopia

In oculistica, è una rara forma di cecità per il blu e il violetto. E' uno dei quattro tipi di daltonismo più diffusi: Acromatopsia: deficit di visione di t...

Longininfismo

Carattere degli organi sessuali femminili determinato da un grande sviluppo delle piccole labbra (o ninfe), le quali protendono all’esterno delle grandi labbra ...

Ipercinesia

Nel disturbo ipercinetico si ha la contemporanea presenza di sintomi quali: la breve durata dell’attenzione, distrazione, iperattività e almeno un sintomo di im...

News Letters

0
condivisioni