Pubblicità

La malattia di Parkinson non è una, bensì due malattie.

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 334 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

I ricercatori di tutto il mondo sono rimasti perplessi dai diversi sintomi e dai vari percorsi della malattia dei pazienti con Parkinson.La malattia di Parkinson non è una bensì due malattie

Un importante studio ha identificato che ci sono in realtà due tipi di malattia.

Sebbene il nome possa suggerire il contrario, la malattia di Parkinson non è una ma due malattie, che iniziano nel cervello o nell'intestino. Il che spiega perché i pazienti con Parkinson descrivono sintomi molto diversi e punta verso la medicina personalizzata come la via da seguire per le persone con malattia di Parkinson.

Questa è la conclusione di uno studio appena pubblicato sulla principale rivista di neurologia Brain.

I ricercatori dietro lo studio sono il professor Per Borghammer e il medico Jacob Horsager del Dipartimento di Medicina Clinica dell'Università di Aarhus e dell'Ospedale dell'Università di Aarhus, Danimarca.

"Con l'aiuto di tecniche di scansione avanzate, abbiamo dimostrato che la malattia di Parkinson può essere divisa in due varianti, che iniziano in punti diversi del corpo. Per alcuni pazienti, la malattia inizia nell'intestino e si diffonde da lì al cervello attraverso connessioni neurali. Per altri, la malattia inizia nel cervello e si diffonde all'intestino e ad altri organi come il cuore ", spiega Per Borghammer.
Sottolinea inoltre che la scoperta potrebbe essere molto significativa per il trattamento del morbo di Parkinson in futuro, in quanto dovrebbe essere basata sul modello di malattia del singolo paziente.

La malattia di Parkinson è caratterizzata da un lento deterioramento del cervello dovuto all'accumulo di alfa-sinucleina, una proteina che danneggia le cellule nervose.

Questo porta ai movimenti lenti e rigidi che molte persone associano alla malattia.

Nello studio, i ricercatori hanno utilizzato tecniche avanzate di imaging PET e MRI per esaminare le persone con malattia di Parkinson. Nello studio sono incluse anche le persone che non sono state ancora diagnosticate ma che hanno un alto rischio di sviluppare la malattia.

Le persone con diagnosi di sindrome del comportamento del sonno REM hanno un aumentato rischio di sviluppare la malattia di Parkinson.
Lo studio ha mostrato che alcuni pazienti avevano danni al sistema dopaminergico del cervello prima che si verificassero danni all'intestino e al cuore. In altri pazienti, le scansioni hanno rivelato danni al sistema nervoso dell'intestino e del cuore prima che il danno nel sistema della dopamina del cervello fosse visibile.

Questa conoscenza è importante e sfida la comprensione della malattia di Parkinson che è stata prevalente fino ad ora, afferma Per Borghammer.

"Fino ad ora, molte persone hanno considerato la malattia come relativamente omogenea e l'hanno definita sulla base dei classici disturbi del movimento. Ma allo stesso tempo, siamo rimasti perplessi sul perché ci fosse una così grande differenza tra i sintomi dei pazienti. Con questa nuova conoscenza , i diversi sintomi hanno più senso e questa è anche la prospettiva in cui dovrebbe essere vista la ricerca futura ", dice.

I ricercatori si riferiscono ai due tipi di malattia di Parkinson come body-first e brain-first. Nel caso del body-first, può essere particolarmente interessante studiare la composizione dei batteri nell'intestino nota come microbioma.

Pubblicità

È stato da tempo dimostrato che i pazienti di Parkinson hanno un microbiota diverso nell'intestino rispetto alle persone sane, senza che noi ne comprendiamo veramente il significato.

Ora che siamo in grado di identificare i due tipi di malattia di Parkinson, possiamo esaminare i fattori di rischio e possibili fattori genetici che possono essere diversi per i due tipi. Il passo successivo è esaminare se, ad esempio, il morbo di Parkinson body-first può essere trattato trattando l'intestino con trapianto di feci o in altri modi che influenzano il microbioma ", dice Per Borghammer.
"La scoperta del Parkinson prima del cervello è una sfida più grande. Questa variante della malattia è probabilmente relativamente priva di sintomi fino a quando non compaiono i sintomi del disturbo del movimento e al paziente viene diagnosticato il Parkinson. A quel punto il paziente ha già perso più della metà del dopamina, e sarà quindi più difficile trovare pazienti abbastanza precocemente da essere in grado di rallentare la malattia ", afferma Per Borghammer.

Lo studio dell'Università di Aarhus è longitudinale, ovvero i partecipanti vengono chiamati di nuovo dopo tre e sei anni in modo che tutti gli esami e le scansioni possano essere ripetuti. Secondo Per Borghammer, questo rende lo studio il più completo in assoluto e fornisce ai ricercatori preziose conoscenze e chiarimenti sulla malattia o sulle malattie di Parkinson.

"Studi precedenti hanno indicato che potrebbe esserci più di un tipo di Parkinson, ma questo non è stato dimostrato chiaramente fino a questo studio, che è stato specificamente progettato per chiarire questa domanda. Ora abbiamo una conoscenza che offre speranza per un trattamento migliore e più mirato di persone che saranno affette dal morbo di Parkinson in futuro ", afferma Per Borghammer.
Secondo la Danish Parkinson's Disease Association, ci sono 8.000 persone con malattia di Parkinson in Danimarca e fino a otto milioni di pazienti diagnosticati in tutto il mondo.

Si prevede che questa cifra aumenterà a 15 milioni nel 2050 a causa dell'invecchiamento della popolazione, poiché il rischio di contrarre il morbo di Parkinson aumenta notevolmente con l'avanzare dell'età della popolazione.

Reference:

Jacob Horsager, Katrine B Andersen, Karoline Knudsen, Casper Skjærbæk, Tatyana D Fedorova, Niels Okkels, Eva Schaeffer, Sarah K Bonkat, Jacob Geday, Marit Otto, Michael Sommerauer, Erik H Danielsen, Einar Bech, Jonas Kraft, Ole L Munk, Sandra D Hansen, Nicola Pavese, Robert Göder, David J Brooks, Daniela Berg, Per Borghammer. Brain-first versus body-first Parkinson’s disease: a multimodal imaging case-control study. Brain, 2020; DOI: 10.1093/brain/awaa238

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: morbo di Parkinson

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Disturbo Antisociale di Person…

La prevalenza del DAP è pari al 3% nei maschi e all'1% nelle femmine nella popolazione generale, e aumenta al 3-30% in ambiente clinico. Percentuali di preva...

Illusioni

Il termine illusione (dal latino illusio, derivato di illudere, "deridere, farsi beffe") indica, in genere, quelle percezioni reali, falsate dall'intervento di ...

Dipendenza

La dipendenza è una condizione di bisogno incoercibile di uno specifico comportamento o di una determinata sostanza (stupefacenti, farmaci, alcol, shopping, Int...

News Letters

0
condivisioni