Pubblicità

La memoria declina dopo i venti anni

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 524 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

PSICONLINE NEWS n. 74 (26.8.2001)

La memoria comincia a perdere colpi ed inizia la fase di declino appena superati i vent'anni..Questa è la conclusione di una ricerca condotta recentemente su un campione di circa 350 soggetti adulti di età compresa tra i 20 ed i 90anni da parte del dr.Park e dei suoi collaboratori, presentata nei giorni scorsi al meeting annuale dell'American Psychological Association tenutosi a San Francisco.

Questa graduale riduzione delle abilità mnestiche ed in generale del potenziale cognitivo non sarebbe però visibile negli anni che seguono il declino se non quando la perdita di informazioni raggiunge livelli tali da inficiare il normale svolgimento delle attività quotidiane. "I giovani adulti di età compresa tra i 20 ed i 30 anni non percepiscono una riduzione delle loro capacità di memoria, nonostante questa avvenga negli stessi termini dei soggetti di età compresa tra i 60 ed i 70anni.." - dice il dr.Park - "..Questo perché il "capitale" mnestico posseduto in giovane età è superiore a quello normalmente utilizzato e quindi una piccola perdita di esso non risulta essere un fattore deficitario per l'individuo..".

Con il tempo, quando ci si avvicina ai 60anni, il progressivo calo della capacità cognitiva generale comincia a farsi sentire; solo negli ultimi anni, da quando cioè le persone sono diventate più attente alla propria salute ed hanno cominciato a far ricorso a farmaci e terapie preventive, questo aspetto della vita mentale di ognuno di noi è stato pienamente riconosciuto anche nelle fasce di età tradizionalmente considerate non soggette a declino mnestico.

E' risaputo d'altronde che le persone anziane sono anche più soggette a sviluppare fenomeni di "distorsioni" di memoria, cioè essenzialmente errori nel ricordo di eventi passati, e questo probabilmente perché le lacune della memoria, sempre più numerose col procedere dell'età, tendono ad essere riempite da elementi nuovi o presi da altri contesti e "risistemati" in ricordi che, nonostante vengano vissuti come propri, possono avere poco a che fare col proprio passato.

"Gli anziani - dice Park - tendono a presentare falsi ricordi come fossero veri o parlano di fatti che in realtà non hanno vissuto come se fossero accaduti a loro stessi..Inoltre tendono a ritenere vero ciò che odono o dicono più spesso, cosicché una qualsiasi informazione, anche scarsamente attendibile, ripetuta nel tempo diviene per loro a mano a mano una realtà di fatto; i soggetti più giovani invece mantengono più differenziate queste informazioni, nel senso che ne riconoscono la familiarità ma preservano la nozione fondamentale che si tratta di notizie false..".

 

(tratto da: "Research Shows Memory Begins Its Decline in Early 20s " - DataMonitor Healthcare Newswire - August 14, 2001).

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Due mondi diversi [16092338958…

  Morfea23, 21 anni     Da circa 4 mesi sto con un ragazzo totalmente  opposto al mondo in cui da sempre vivo, per situazione famil...

Autostima? [161290462495]

    Buonasera! vi scrivo perche' alla soglia dei 50 anni mi rendo conto di non aver mai portato a termine i molti progetti professionali e pers...

Genitori separati [16127752256…

Lalli, 57 anni     Buongiorno, spiego in breve la mia situazione, sono divorziata e convivo con mio figlio ed il mio compagno da 5 anni, il mio ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Bigoressia

Il termine trova la sua etimologia nell'inglese "big = grande” e nel latino "orex=appetito”, ad indicare la "fame di grossezza” Per bigoressia, vigoressia o an...

Ippocampo

Struttura sottocorticale sistuata all'interno di ciascun emisfero cerebrale, in corrispondenza della superficie mediale, dalla forma simile ad un cavalluccio ma...

Disfunzioni Sessuali

La classificazione proposta dall’ICD-10 (International Classification of Diseases, Decima Versione) indica, innanzitutto, quattro criteri generali per poter d...

News Letters

0
condivisioni