Pubblicità

La misura della distrazione

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 218 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Le persone più facilmente distraibili corrono un rischio più elevato di essere coinvolte in incidenti. In alcuni lavori, come il pilota d'aereo o il guidatore di autobus, le possibili fonti di distrazione sono numerose e pongono frequentemante gli interessati in situazioni critiche in cui il mantenimento della concentrazione è essenziale. Finora per valutare la distraibilità di una persona era possibile affidarsi solo a questionari come il 'Cognitive Failures Questionnaire', che però, basandosi sulle sensazioni dell'intervistato e sulla sua correttezza e sincerità nelle risposte, forniscono valutazioni solo soggettive.

Ora un gruppo di psicologi dello University College di Londra diretto da Nilli Lavie ha messo a punto un test che è in grado di fornire dati oggettivi, come descritto in un articolo pubblicato sull'ultimo numero della rivista Psychological Science. Il test è composto da una serie di prove da eseguire al computer; in uno di questi compiti, per esempio, la persona deve trovare la lettera X fra altre lettere somiglianti (come H, M, K e Z), o meno somiglianti (come O e P) racchiuse all'interno di una linea. Come fonte di distrazione viene utilizzata una lettera X lampeggiante al di fuori della linea che demarca sul monitor il campo d'indagine. Il tempo utilizzato per eseguire il compito dà una misura dell'interferenza degli stimoli distraenti.

Tratto da "Le Scienze.it" - prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia ingestibile (15442947529…

Sofia, 17     E' da un anno che la mia vita non é più come era prima. a causa del tanto stress provocato probabilmente dalla scuola e dalla famig...

Disturbo alimentare (154418616…

Isa21,  20     Carissimo psiconline, saró breve e cercheró di spiegare come mi sento in maniera piú chiara possibile.Vivo all'estero per st...

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Cataplessia

E’ un disturbo caratterizzato dalla perdita improvvisa del tono muscolare durante la veglia, solitamente causata da forti emozioni. La debolezza muscolare tipi...

Raptus

Il raptus (dal latino raptus, "rapimento") è un impulso improvviso e di forte intensità, che porta un soggetto ad episodi di parossismo, in genere violenti, i q...

Bulimia

La bulimia è, insieme all’anoressia, uno dei più importanti disturbi del comportamento alimentare. L’etimologia della parola “bulimia” deriva dai termini grec...

News Letters

0
condivisioni