Pubblicità

La musica aumenta la comunicazione nei bambini con autismo

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 890 volte

4 1 1 1 1 1 Votazione 4.00 (3 Voti)

L'aumento delle abilità di comunicazione potrebbe essere collegato ad una aumentata connettività tra le regioni motorie ed uditive del cervello.

musica

Fare attività musicali come cantare e suonare strumenti in una terapia individuale potrebbe aumentare le abilità comunicative sociali in bambini con autismo, migliorare la qualità di vita familiare grazie all' aumentare della connettività cerebrale nei network principali.

Il collegamento tra il disturbo dello specchio autistico (ASD) e la musica è datato alla prima descrizione dell'autismo, risalente a più di 70 anni fa, quando quasi metà delle persone con autismo si pensava fossero in possesso del cosidetto "orecchio assoluto". Da li, poi, ci sono stati molti aneddoti sul profondo impatto della musica sugli individui con ASD, ma poche evidenze importanti dei benefici terapeutici.

Per avere un quadro chiaro, i ricercatori della UdeM's International Laboratory for Brain, Music and Sound (BRAMS) e McGill's School of Communication Sciences and Disorders (SCSD) misero in lista 51 bambini con ASD, dai 6 ai 12 anni, per partecipare ad un trial clinico che coinvolgeva 3 mesi di interventi basati sulla musica.

Come prima cosa, i genitori completavano dei questionari sulle abilità comunicative sociali dei bambini e sulla qualità di vita familiare, cosi come sulla severità dei sintomi dei loro bambini. I bambini si sottoponevano a scansioni MRI per stabilire una baseline dell'attività cerebrale. I bambini erano casualmente assegnati a due gruppi: uno implicava attività musicali, l'altro no. Ogni sessione durava 45 minuti ed era condotta al Westmount Music Therapy.

Pubblicità

Nel gruppo con la musica, i bambini cantavano e suonavano diversi strumenti musicali, lavoravano con un terapeuta in una interazione bilaterale. Il gruppo di controllo lavorava con lo stesso terapeuta sempre in una interazione reciproca, ma senza attività musicali. Seguendo le sessioni, i parenti di bambini nei gruppi musicali riportavano miglioramenti significativi nelle abilità comunicative dei loro bambini e sulla qualità di vita familiare, più di quelli riportati nel gruppo di controllo.

I genitori, tuttavia, dei bambini di entrambi i gruppi non riportavano alcuna riduzione di severità dei sintomi autistico. "Queste ricerche sono sorprendenti e danno molte speranze di interventi clinici sull'autismo" spiega Megha Sharda, post-doc alla Université de Montréal e capo autrice della ricerca, pubblicata su Translational Psychiatry.

I risultati delle scansioni MRI suggeriscono che gli aumenti nelle abilità comunicative nei bambini dei gruppi musicali potrebbero essere il risultato di una aumentata connettività tra le regioni cerebrali uditive e motorie ed una diminuzione di connettività tra le regioni visive ed uditive, le quali sono comunemente osservate essere  troppo connesse nel disturbo dello specchio autistico. Sharda ha spiegato che la connettività ottimale tra queste regione è cruciale per l'integrazione degli stimoli sensoriali nell'ambiente che ci circonda e sono essenziali per le interazioni sociali.

Ad esempio, quando si comunica con un'altra persona, c'è bisogno di fare attenzione a cosa sta dicendo l'altro, tenersi pronti a capire quando è il proprio turno per parlare e soprattutto ignorare rumore distraenti. Per le persone con autismo, questo può spesso essere una sfida ardua. Questa ricerca è stata la prima prova clinica che ha mostrato come l'intervento musicale su bambini di età scolastica con autismo possa guidare a miglioramenti sia di comunicazione sia di connettività cerebrale ed includere una spiegazione neuroscientifica per i miglioramenti comuinicativi.

"L'allettante universo musicale porterebbe applicazioni globali e potrebbe essere implementato con relativamente poche risorse su larga scala in setting multipli come scuole o case" spiega Aparna Nadig, professoressa associata alla McGill's SCSD e autrice co-senior dello studio con Krista Hyde, professoressa associata di psicologia alla UdeM. "I nostri risultati sono osservabili dopo solo 8-12 sessioni settimanali.

Pubblicità

Ci sarà però bisogno di replicare questi risultati con terapisti diversi e diversi gradi di allenamenti per valutare se gli effetti persistono negli ambienti più larghi del mondo reale. In modo importante, il nostro studio, cosi come una prova recente a larga scala clinica di interventi musicale, non ha trovato cambiamenti rispetto ai loro sintomi autistici.

Questo potrebbe essere dovuto al fatto che non c'è uno strumento sensibile abbastanza a misurare direttamente i cambiamenti delle interazioni sociali." Il team sta cercando di sviluppare uno strumento con questo fine attraverso una diretta osservazione delle interazioni tra i bambini ed i terapeuti.

 

 

Tratto da ScienceDaily

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura del Dottor Claudio Manna)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

Tags: autismo musica connettività news di psicologia comunicazione sociale

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Ecolalia

L'ecolalia è un disturbo del linguaggio che consiste nel ripetere involontariamente, come un'eco, parole o frasi pronunciate da altre persone Si osserva, come stadio normale, nello sviluppo del...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Musofobia

Il termine musofobia, che deriva del greco μῦς (mys) che significa "topo", è la paura persistente ed ingiustificata per i topi, più in generale per i roditori. ...

Bulimia

La bulimia è, insieme all’anoressia, uno dei più importanti disturbi del comportamento alimentare. L’etimologia della parola “bulimia” deriva dai termini grec...

Atarassia

L’atarassia (dal greco “ἀταραξία”, assenza di agitazione o tranquillità) è «la perfetta pace dell’anima che nasce dalla liberazione delle passioni» secondo la f...

News Letters

0
condivisioni