Pubblicità

La musica ha effetti potenti (e visibili) sul cervello

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 4928 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Non importa se si tratta di Bach, dei Beatles o Bruno Mars: la musica innesca una simile attività cerebrale. Questo è uno dei dati emersi in una ricerca sugli effetti della musica sul cervello, condotta da Jonathan Burdette, neuroradiologo al Wake Forest Baptist Medical Center.

Musica

Il nostro cervello ha una reazione quando ci piace o non ci piace qualcosa, compresa la musica.

Procedendo a piccoli passi, i ricercatori sono stati in grado di osservare come ciò che “disprezziamo” sia diverso da ciò che ci piace e, soprattutto, da ciò che preferiamo.

Per studiare come le preferenze musicali potrebbero influenzare la connettività funzionale del cervello, ossia le interazioni tra aree cerebrali separate, Burdette e i suoi colleghi ricercatori hanno utilizzato la risonanza magnetica funzionale (fMRI), uno strumento che permette di raffigurare l’attività cerebrale rilevando i cambiamenti nel flusso sanguigno.

Sono state effettuate delle scansioni di 21 persone mentre ascoltavano musica che avevano riferito di gradire o non gradire tra cinque generi (classica, country, rap, rock e opera cinese) e una canzone che avevano in precedenza indicato come la loro preferita.

Le scansioni fMRI hanno mostrato come siano le preferenze degli ascoltatori, non il tipo di musica ascoltata, ad avere un maggiore impatto sulla connettività cerebrale, soprattutto su un circuito noto per essere coinvolto nel pensiero internamente focalizzato, nell’empatia e nell’autoconsapevolezza. Questo circuito, chiamato “Default Mode Network”, era poco attivo quando i partecipanti ascoltavano musica non gradita, più attivo quando si ascoltava musica piacevole e maggiormente attivo quando i soggetti ascoltavano la loro canzone preferita.

I ricercatori hanno anche scoperto che l’ascolto di canzoni preferite altera la connettività tra aree cerebrali uditive e una regione del cervello coinvolta nella memoria e nel consolidamento dell’emozione sociale.

Dal momento che le preferenze musicali si configurano come fenomeni individuali e la complessità acustica della musica può variare così come la presenza (o l’assenza) del testo, la coerenza di questi risultati è stata inaspettata. Tali risultati, infatti, possono spiegare perché molti individui sperimentano stati emotivi e mentali simili pur ascoltando musica differente. Ciò che non ha sorpreso i ricercatori, era la maggiore attivazione della connettività cerebrale tra i partecipanti che ascoltavano i loro brani preferiti.

Come spiega Burdette, probabilmente ci sono alcune caratteristiche della musica che ci fanno sentire in un certo modo, ma è la nostra esperienza con questa che è ancora più importante: le nostre associazioni con un certo tipo di musica coinvolgono differenti aree cerebrali. Inoltre, in alcuni casi, potrebbe non piacerci la canzone in sé, ma i ricordi o le sensazioni associate ad essa.

Pubblicità

In altri progetti di ricerca, Burdette e i suoi colleghi della Scuola di Medicina dell’Università del North Carolina, hanno scoperto, ad esempio, che i direttori d’orchestra hanno una maggiore probabilità di utilizzare e combinare adeguatamente tra loro gli stimoli uditivi e visivi, rispetto a persone senza una formazione musicale.

Inoltre, altri risultati suggeriscono che l’attività nelle aree cerebrali associate alla vista diminuisce durante le attività che implicano l’ascolto e che i vari livelli di complessità nella musica, possono avere effetti diversi sulla connettività funzionale del cervello.

La musica ha ricoperto un ruolo fondamentale nella vita del Dottor Burdette, tanto che è stata l’oggetto di numerosi suoi studi. Per il ricercatore, infatti, la musica non è in grado di curare qualsiasi cosa, ma sicuramente può svolgere un ruolo terapeutico.

Burdette ha osservato, infatti,  che in paesi come la Germania, la musicoterapia è comunemente una parte integrante del processo di riabilitazione delle persone che hanno subito un ictus, una chirurgia cerebrale o lesioni cerebrali traumatiche.

 

Tratto da : sciencedaily

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

 

 

Tags: connessioni cerebrali musica

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Intelligenze Multiple

“Scrivendo questo libro, mi proposi di minare la nozione comune di intelligenza come capacità o potenziale generale che ogni essere umano possiederebbe in misura più o meno grande. Nello stesso...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Memoria

La memoria è quel meccanismo neuropsicologico che permette di fissare, conservare e rievocare esperienze e informazioni acquisite dall’ambiente (interno ed este...

Barbiturici

Con il termine Barbiturici si indica quella classe di farmaci anestetici, antiepilettici ed ipnotici, derivati dall’acido barbiturico (o malonilurea), che hanno...

Psicosi

Il termine Psicosi è stato introdotto nel 1845 da von Feuchtersleben con il significato di "malattia mentale o follia". Esso è un disturbo psichiatrico e descr...

News Letters

0
condivisioni