Pubblicità

La musica può alleviare il dolore

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 451 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Canta che ti passa, si usava dire un tempo. Oggi, grazie alla ricerca, si potrebbe dire “ascolta” che ti passa. Ascoltare musica pare infatti possa contribuire ad alleviare il dolore, specialmente nelle persone ansiose.
Lo suggerisce un nuovo studio a opera dei ricercatori dell’Università dello Utah – Pain Research Center (Usa), in cui è stato analizzato il potenziale beneficio derivante dall’ascolto di musica nel deviare l’attenzione cognitiva dal dolore che affligge una persona.

 

 

 

Un vantaggio che si può tradurre in un minore utilizzo di farmaci antidolorifici, che portano con sé tutta una serie di effetti collaterali.
Per questo studio, gli scienziati hanno coinvolto 143 volontari che sono poi stati sottoposti a una serie di test per valutare gli effetti dell’ascolto si alcuni brani musicali, di cui dovevano seguirne le melodie e individuare le deviazioni nei toni.
Durante l’ascolto della musica, ai partecipanti sono stati provocati dei dolori per mezzo di elettrodi collegati alla punta delle dita. Tutta l’attività era poi monitorata.

 

 

 

Tratto da: "lastampa.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

UNA chiacchierata per fare chi…

Ylenia Calabrese, 25 anni Salve,Nei miei 25anni ne ho passate di ogni.. ansia, depressione, attacchi di panico , disturbi alimentari ecc. ...

Sono cuckold [16058017191]

anto, 32 anni Salve, mi chiamo Antonio ho 32 anni e sono sposato da 4; io e mia moglie già da quando eravamo fidanzati praticavamo spiagge nudiste, dal pr...

Non riesco mai a partire [1605…

roberto, 61 anni Un sogno ricorrente. Lo visualizzo almeno una volta al mese da ormai cinque o sei anni. ...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Xenofobia

Il significato etimologico del termine Xenofobia (dal greco ξενοφοβία, composto da ξένος, ‘estraneo, insolito’, e φόβος, ‘paura’) è “paura dell’estraneo” o anch...

Mania

L. Binswanger (Melanconia e mania, 1960) ha messo in evidenza come nella mania vi sia una destrutturazione della dimensione temporale della vita psichica che no...

Complesso di Elettra

Secondo la definizione di Carl Gustav Jung il complesso di Elettra si definisce come il desiderio della bambina di possedere il pene, e della competizione con l...

News Letters

0
condivisioni