Pubblicità

La musica sviluppa il linguaggio parlato degli ipoudenti

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 572 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

I ricercatori finlandesi hanno elaborato le linee guida per l'uso internazionale della musica a sostegno dello sviluppo della lingua parlata.


musica linguaggio
Le linee guida sono adatte per i genitori di bambini con problemi di udito,edcuatori della prima infanzia, insegnanti, logopedisti e altri riabilitatori di bambini con disabilità uditive, così come i non udenti stessi.

Quando si sviluppa una scuola di riproduzione musicale progettata per i bambini con un impianto cocleare (un orecchio artificiale elettronico in grado di ripristinare la percezione uditiva nelle persone con sordità profonda, ed è utilizzato quando gli apparecchi acustici non ottengono il risultato sperato), il docente dell'University of Logopedics  e logopedista, Ritva Torppa, ha notato che la musica, soprattutto il canto, avvantaggia il cervello dei bambini ipoudenti e la loro lingua parlata.

L'obiettivo della scuola di musica, è quello di migliorare la percezione del discorso e della lingua parlata. In un articolo pubblicato sulla rivista Hearing Research, Ritva Torppa e Minna Huotilainen hanno riunito le proprie scoperte, insieme a quelle di altri ricercatori che dimostrano che le attività musicali sviluppano la percezione della prosodia da parte dei bambini. La prosodia è la parte della linguistica che studia l'intonazione, il ritmo, la durata e l'accento del linguaggio parlato

"Queste abilità rendono la vita dei bambini più facile", spiega Torppa. "Ascoltare il discorso, ad esempio, in un ambiente rumoroso diventa meno stressante, mentre comunicare con gli altri e assorbire informazioni a scuola e nella vita quotidiana diventa anche più facile."

Pubblicità


Huotilainen sottolinea il principio di uguaglianza. L'impiego della musica nell'istruzione della prima infanzia e nell'istruzione di base è vantaggioso per tutti e salvaguarda il diritto a un apprendimento di alta qualità per i bambini con disturbi linguistici, per coloro che imparano il finlandese come seconda lingua e i per i bambini con disabilità dello sviluppo.

"L'uso di metodi musicali nell'insegnamento intensifica l'apprendimento ed è in linea con i risultati delle più recenti ricerche sul cervello", osserva Huotilainen.

Secondo lei, la musica dà anche ad ogni bambino e giovane una voce propria, un canale per l'espressione di sé e la possibilità di essere ascoltati. Huotilainen spera che le capacità musicali siano meglio riconosciute nella formazione degli educatori della prima infanzia e degli insegnanti dell'istruzione di base.

"Sarebbe bello se le capacità musicali già acquisite prima degli studi universitari potessero essere riconosciute in fase di esame di ammissione", suggerisce.

Le linee guida di base per l'uso della musica sono incluse nell'articolo pubblicato su Hearing Research. Le linee guida sono adatte a tutti, indipendentemente dal tipo di disabilità uditiva.

FONTE:

  • Ritva Torppa, Minna Huotilainen. Why and how music can be used to rehabilitate and develop speech and language skills in hearing-impaired children. Hearing Research, 2019; DOI: 10.1016/j.heares.2019.06.003



Articolo a cura della dottoressa Arianna Patriarca

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: musica bambini, news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Tradimento e incertezze [16030…

Martinedda, 39 anni Gent.ma Dott.ssa,soffro di ansia e attacchi di panico da quasi 20 anni ed ho avuto in passato un percorso di psicoterapia che mi ha aiu...

fobia per le autostrade [16030…

roberto, 45 anni vorrei conoscere la terapia più adatta per una fobia specifica delle autostrade cronica. ...

Ansia da competizione [1601631…

elisa37, 37 anni Gentili dottori Il mio problema e' un po' imbarazzante, ma un problema che ha sempre fortemente limitato la mia vita e ancora non sono ri...

Area Professionale

Ansia infantile e disturbo da …

Un recente studio ha evidenziato come bambini e adolescenti con livelli più elevati di ansia possono essere maggiormente a rischio di sviluppare problemi di alc...

La Tecnica degli Assi Emoziona…

Perché non esistono Emozioni buone ed Emozioni cattive? di Tiziana Persichetti Auteri “Tutti sanno cosa è un emozione fino a che non si chiede di definirla ...

Conoscere i farmaci: le benzod…

Le benzodiazepine rappresentano una classe di farmaci psicoattivi utilizzati per trattare alcune condizioni come ansia e insonnia. Le benzodiazepine sono uno d...

Le parole della Psicologia

Ipnosi

Particolare stato psichico, attraverso il quale è possibile accedere alla dimensione inconscia ed emotiva dell’individuo, concedendo al singolo l'apertura della...

Depressione post-partum (depre…

La depressione post-partum è un disturbo dell’umore che ha inizio entro le prime quattro settimane successive al parto. Se nella maggior parte dei casi la ge...

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit contemplato n...

News Letters

0
condivisioni