Pubblicità

La musica sviluppa il linguaggio parlato degli ipoudenti

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 239 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

I ricercatori finlandesi hanno elaborato le linee guida per l'uso internazionale della musica a sostegno dello sviluppo della lingua parlata.


musica linguaggio
Le linee guida sono adatte per i genitori di bambini con problemi di udito,edcuatori della prima infanzia, insegnanti, logopedisti e altri riabilitatori di bambini con disabilità uditive, così come i non udenti stessi.

Quando si sviluppa una scuola di riproduzione musicale progettata per i bambini con un impianto cocleare (un orecchio artificiale elettronico in grado di ripristinare la percezione uditiva nelle persone con sordità profonda, ed è utilizzato quando gli apparecchi acustici non ottengono il risultato sperato), il docente dell'University of Logopedics  e logopedista, Ritva Torppa, ha notato che la musica, soprattutto il canto, avvantaggia il cervello dei bambini ipoudenti e la loro lingua parlata.

L'obiettivo della scuola di musica, è quello di migliorare la percezione del discorso e della lingua parlata. In un articolo pubblicato sulla rivista Hearing Research, Ritva Torppa e Minna Huotilainen hanno riunito le proprie scoperte, insieme a quelle di altri ricercatori che dimostrano che le attività musicali sviluppano la percezione della prosodia da parte dei bambini. La prosodia è la parte della linguistica che studia l'intonazione, il ritmo, la durata e l'accento del linguaggio parlato

"Queste abilità rendono la vita dei bambini più facile", spiega Torppa. "Ascoltare il discorso, ad esempio, in un ambiente rumoroso diventa meno stressante, mentre comunicare con gli altri e assorbire informazioni a scuola e nella vita quotidiana diventa anche più facile."

Pubblicità


Huotilainen sottolinea il principio di uguaglianza. L'impiego della musica nell'istruzione della prima infanzia e nell'istruzione di base è vantaggioso per tutti e salvaguarda il diritto a un apprendimento di alta qualità per i bambini con disturbi linguistici, per coloro che imparano il finlandese come seconda lingua e i per i bambini con disabilità dello sviluppo.

"L'uso di metodi musicali nell'insegnamento intensifica l'apprendimento ed è in linea con i risultati delle più recenti ricerche sul cervello", osserva Huotilainen.

Secondo lei, la musica dà anche ad ogni bambino e giovane una voce propria, un canale per l'espressione di sé e la possibilità di essere ascoltati. Huotilainen spera che le capacità musicali siano meglio riconosciute nella formazione degli educatori della prima infanzia e degli insegnanti dell'istruzione di base.

"Sarebbe bello se le capacità musicali già acquisite prima degli studi universitari potessero essere riconosciute in fase di esame di ammissione", suggerisce.

Le linee guida di base per l'uso della musica sono incluse nell'articolo pubblicato su Hearing Research. Le linee guida sono adatte a tutti, indipendentemente dal tipo di disabilità uditiva.

FONTE:

  • Ritva Torppa, Minna Huotilainen. Why and how music can be used to rehabilitate and develop speech and language skills in hearing-impaired children. Hearing Research, 2019; DOI: 10.1016/j.heares.2019.06.003



Articolo a cura della dottoressa Arianna Patriarca

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: musica bambini, news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Rottura di un rapporto (156631…

  Vu Thi Bich Diep, 28 Buongiorno,Io e il mio ragazzo non ci parliamo da due settimane. I motivi sono che lui si sente troppo stressato per colpa del...

Mi sento fuori dal mondo (1565…

  carol, 28 Sono una neo mamma di 28 anni, brasiliana, vivo in italia da quando ne ho 10.Il mio disagio purtroppo mi segue da quando sono piccola. Al...

Marito assente (156491757332)

  sossie, 50 Sono sposata da 25 anni ed ho due splendidi ragazzi di 15 e 11 anni. 10 anni fa dopo la nascita del secondo figlio mio marito di anni 50...

Area Professionale

Articolo 31 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.31 (consenso per i minori), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo set...

Scrivere un articolo per farsi…

Prosegue la nostra guida su come scrivere un testo per il web. Nell'articolo precedente ci siamo preoccupati di progettare il testo in modo che fosse in grado d...

Articolo 30 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.30 (compenso professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo se...

Le parole della Psicologia

I ricordi flashbulb

Le flashbulb memories (FBM o ricordi flashbulb) sono state definite per la prima volta da Brown e Kulik nel 1977 come ricordi fotografici vividi, dettagliati e ...

Anancasmo

Con i termine “anancasmo”, dal greco ἀναγκασμός ossia "costrizione, violenza", ci si riferisce al sintomo delle nevrosi ossessive o compulsive, consistente nell...

Emetofobia

Dal greco emein che significa "un atto o un'istanza di vomito" e fobia, ovvero "un esagerato solito inspiegabile e illogico timore di un particolare oggetto,&nb...

News Letters

0
condivisioni