Pubblicità

La persistenza dell'ADHD nell'età adulta è un importante predittore del rischio di incidenti stradali

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 360 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Un nuovo studio riporta che il rischio di essere coinvolti in incidenti automobilistici aumenta per coloro con diagnosi di disturbo da deficit di attenzione / iperattività (ADHD).

La persistenza dellADHD nelletà adulta è un importante predittore del rischio di incidenti stradali

Lo studio ha esaminato in particolare il tasso di incidenti automobilistici in età adulta, che era 1,45 volte superiore in quelli con una storia infantile di ADHD rispetto agli adulti senza ADHD.

Lo studio nel Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry (JAACAP), pubblicato da Elsevier, ha esaminato specificamente il tasso di incidenti automobilistici in età adulta, che era 1,45 volte superiore in quelli con una storia infantile di ADHD rispetto agli adulti con nessun ADHD.

Gli autori hanno anche scoperto che i bambini i cui sintomi di ADHD sono diminuiti con l'età adulta non hanno un rischio maggiore di incidenti stradali.

L'autore principale Arunima Roy, MBBS, PhD e ricercatore presso il Royal's Institute of Mental Health Research, Università di Ottawa, ha dichiarato: "L'ADHD è un disturbo del neurosviluppo comune. Tra il 5% e il 75% dei bambini con ADHD può continuare ad avere il disturbo in età adulta".

La ricerca attuale mostra che l'ADHD è associato a più violazioni del traffico, violazioni di velocità, sospensioni della patente e comportamenti di guida rischiosi.

"La probabilità di comportamenti di guida rischiosi aumenta con la persistenza dei sintomi dell'ADHD nell'infanzia nell'età adulta. Ricerche precedenti del nostro gruppo e di altri mostrano anche che, a parte i comportamenti di guida, la persistenza dell'ADHD nell'età adulta può compromettere il funzionamento in altri domini. Questi i domini possono includere la performance occupazionale, il livello di istruzione, il funzionamento emotivo, l'uso di sostanze e il coinvolgimento con la giustizia ".

Pubblicità

I risultati, basati sul Multimodal Treatment Study of ADHD, uno studio multisito con sei centri negli Stati Uniti e uno in Canada. L'MTA è uno dei più grandi studi sulle strategie di trattamento per l'ADHD e include un braccio di follow-up che copre 16 anni.

Una coorte di 441 bambini con ADHD e 231 bambini di confronto abbinati per età e sesso senza ADHD delle stesse classi è stata studiata tra i 7 ei 25 anni.

I ricercatori hanno monitorato i dati sui sintomi dell'ADHD, sui risultati di guida e su una serie di condizioni comorbili, come il disturbo oppositivo provocatorio, il disturbo della condotta, il disturbo antisociale di personalità e l'uso di sostanze durante l'infanzia e nell'età adulta.

I ricercatori hanno scoperto che i tassi di patentati e l'età in cui la patente è stata acquisita erano paragonabili tra adulti con e senza una storia di ADHD.

Tuttavia, i due gruppi differivano nei tassi di coinvolgimento in incidenti stradali in età adulta.

È importante sottolineare che gli adulti con sintomi di ADHD persistenti hanno avuto il più alto tasso di coinvolgimento in incidenti stradali rispetto agli adulti senza storia di ADHD (1,81 volte superiore).

Infine, i tassi di incidenti automobilistici non differivano tra gli adulti i cui sintomi di ADHD erano scomparsi e gli adulti che non avevano mai avuto l'ADHD.

"I medici devono tenere a mente gli effetti a lungo termine dell'ADHD infantile sulla qualità della vita mentre si occupano dei pazienti e adottare un approccio olistico al trattamento e alla gestione", ha concluso il dottor Roy.

 

Reference:

Arunima Roy, Annie A. Garner, Jeffery N. Epstein, Betsy Hoza, J. Quyen Nichols, Brooke S.G. Molina, James M. Swanson, L. Eugene Arnold, Lily Hechtman. Effects of Childhood and Adult Persistent Attention-Deficit/Hyperactivity Disorder on Risk of Motor Vehicle Crashes: Results From the Multimodal Treatment Study of Children With Attention-Deficit/Hyperactivity Disorder. Journal of the American Academy of Child & Adolescent Psychiatry, 2020; 59 (8): 952 DOI: 10.1016/j.jaac.2019.08.007

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: ADHD

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Consulenza [1599577765688]

Bice84, 36 anni Salve, volevo chiederle un'informazione riguardo alcuni comportamenti di mio marito. ...

Area Professionale

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Considerazioni teoriche sulla …

In letteratura sono presenti diverse teorie sulle cause sottostanti l'abuso e la violenza domestica. Queste includono teorie psicologiche che considerano i trat...

La relazione gene-ambiente nel…

Fra gli scienziati è in corso un importante dibattito sui nuovi modelli che esaminano il ruolo combinato dei geni e dell'ambiente nell'evoluzione della schizofr...

Le parole della Psicologia

Sonnofilia

La sonnofilia, o sindrome della "bella addormentata", è una parafilia caratterizzata dall'eccitazione stimolata attraverso carezze o altri metodi, esclusi strum...

Stress

Il termine stress, tradotto dall’inglese, significa "pressione" (o “sollecitazione"), ed è stato introdotto per la prima volta da Hans Seyle nel 1936 per indica...

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

News Letters

0
condivisioni