Pubblicità

La Pet therapy può servire quando è di aiuto al medico

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 424 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Anziani e bimbi, soli e malati, più felici in compagnia di un animale.

Da mesi questo è lo slogan e l’impegno del ministro della Salute Girolamo Sirchia. Il decreto legge da lui messo a punto sul benessere animale e sull’opportunità d’introdurre nelle case di riposo, negli ospedali, nelle scuole cani e company, è sotto osservazione alla conferenza StatoRegione. Da qui, presumono al Ministero, entro fine febbraio dovrebbe uscire trasformato in provvedimento, una sorta di accordo Governo Regioni con ampia discrezionalità, per queste, di fare qualcosa in merito all’argomento pet therapy che in altri paesi (Stati Uniti, Gran Bretagna, Austria, Svezia, Olanda, Spagna, Israele) è usualmente considerata e proposta come ausilio delle terapie mediche.

"Non a caso si parla di Terapia Assistita dagli Animali (TAA) e di Attività Assistite da Animali (AAA)", osserva il dottor Maurizio Pasinato della SISCA, "è chiaro che carezzare un cane, occuparsi di un canarino, rilassa e fa bene al corpo e all’anima ma la pet therapy non è questa, è un insieme di strumenti e attività ben più complesso. Per questo temo che il patto tra governo e Regioni non porterà a grandi cambiamenti a meno che il Ministro non decida di creare una commissione e un responsabile nazionale".

Utilizzare la pet therapy significa per prima cosa impiegare un animale con il ruolo di coterapeuta, e, in secondo luogo muoversi all’interno del non verbale, di qualcosa che agisce direttamente sulle emozioni e sui sentimenti.

L’Istituto svedese del cane, la Delta Society statunitense e l’Hearing Dogs for Deaf People del Regno Unito, hanno da anni stilato linee guida per la selezione e l’educazione degli animali, la formazione dello staff (medico veterinario, addestratore, conduttore, psicologo) e la programmazione degli interventi.

Che includono, questi ultimi, non solo possibili cambiamenti del personale, dell’animale o della terapia (si è notato ad esempio che per i diabetici è preferibile l’uso della musicoterapia) quanto soprattutto l’osservazione dei risultati e l’analisi dei dati. Cero è che l’animale coterapeuta agisce sulle stesse vie biochimiche che inducono la risposta di rilassamento.

Articolo interamente tratto da:"La Repubblica- Salute del 6.2.2003 - DI MARIAPAOLA SALMI

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Quello che emerge nell’emergen…

L'emergenza per il Covid-19 ha portato la comunità degli psicologi ad applicare nuove e più attuali forme di sostegno psicologico. Una riflessione sulle implica...

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Le parole della Psicologia

Longininfismo

Carattere degli organi sessuali femminili determinato da un grande sviluppo delle piccole labbra (o ninfe), le quali protendono all’esterno delle grandi labbra ...

Maternage

In psicologia, il maternage è il complesso di atteggiamenti ed azioni implicati nel rapporto madre-figlio, soprattutto nei primissimi anni, che possono essere i...

Fissazione

Nel linguaggio comune, quando parliamo di fissazioni, ci riferiamo a comportamenti che la persona ha sempre messo in atto, che sono diventati abituali e che la ...

News Letters

0
condivisioni