Pubblicità

La Pet therapy può servire quando è di aiuto al medico

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 330 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Anziani e bimbi, soli e malati, più felici in compagnia di un animale.

Da mesi questo è lo slogan e l’impegno del ministro della Salute Girolamo Sirchia. Il decreto legge da lui messo a punto sul benessere animale e sull’opportunità d’introdurre nelle case di riposo, negli ospedali, nelle scuole cani e company, è sotto osservazione alla conferenza StatoRegione. Da qui, presumono al Ministero, entro fine febbraio dovrebbe uscire trasformato in provvedimento, una sorta di accordo Governo Regioni con ampia discrezionalità, per queste, di fare qualcosa in merito all’argomento pet therapy che in altri paesi (Stati Uniti, Gran Bretagna, Austria, Svezia, Olanda, Spagna, Israele) è usualmente considerata e proposta come ausilio delle terapie mediche.

"Non a caso si parla di Terapia Assistita dagli Animali (TAA) e di Attività Assistite da Animali (AAA)", osserva il dottor Maurizio Pasinato della SISCA, "è chiaro che carezzare un cane, occuparsi di un canarino, rilassa e fa bene al corpo e all’anima ma la pet therapy non è questa, è un insieme di strumenti e attività ben più complesso. Per questo temo che il patto tra governo e Regioni non porterà a grandi cambiamenti a meno che il Ministro non decida di creare una commissione e un responsabile nazionale".

Utilizzare la pet therapy significa per prima cosa impiegare un animale con il ruolo di coterapeuta, e, in secondo luogo muoversi all’interno del non verbale, di qualcosa che agisce direttamente sulle emozioni e sui sentimenti.

L’Istituto svedese del cane, la Delta Society statunitense e l’Hearing Dogs for Deaf People del Regno Unito, hanno da anni stilato linee guida per la selezione e l’educazione degli animali, la formazione dello staff (medico veterinario, addestratore, conduttore, psicologo) e la programmazione degli interventi.

Che includono, questi ultimi, non solo possibili cambiamenti del personale, dell’animale o della terapia (si è notato ad esempio che per i diabetici è preferibile l’uso della musicoterapia) quanto soprattutto l’osservazione dei risultati e l’analisi dei dati. Cero è che l’animale coterapeuta agisce sulle stesse vie biochimiche che inducono la risposta di rilassamento.

Articolo interamente tratto da:"La Repubblica- Salute del 6.2.2003 - DI MARIAPAOLA SALMI

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Religione e psicologia (154766…

Luca, 28     Buona sera, premetto che il mio quesito non riguarda strettamente un malessere mentale, ma comunque un interrogativo esistenziale ch...

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Area Professionale

Un articolo alla volta - Comme…

Catello Parmentola ed Elena Leardini introducono il loro impegno con i visitatori di Psiconline.it a commentare, articolo dopo articolo, il Codice Deontologico ...

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Le parole della Psicologia

Paura

La paura è quell’emozione primaria di difesa, consistente in un senso di insicurezza, di smarrimento e di ansia, di fronte ad un pericolo reale o immaginario, o...

Anorgasmia

Con il termine “anorgasmia” si fa riferimento alla mancanza e/o assenza di orgasmo, intesa come difficoltà o incapacità a raggiungere l'orgasmo.  Il termi...

Ailurofobia

La ailurofobia o elurofobia comp. di ailuro-, dal gr. áilouros ‘gatto’, e -fobia. è la paura irrazionale e persistente dei gatti. La persona che manifesta ques...

News Letters

0
condivisioni