Pubblicità

La psicosi dell'antrace

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 354 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
PSICONLINE NEW n. 83 - 28.10.2001

La paura che in queste settimane si stà diffondendo nel mondo è quella della contaminazione da parte di agenti chimici e batteri manipolati che aprono uno scenario di distruzione di tipo apocalittico. L'attuale contaminazione da parte di spore di antrace in alcuni centri degli USA può alimentare nel lungo termine le problematiche psichiche dei soggetti più vulnerabili ed al contempo determinare fenomeni di isteria collettiva, come ribadisce anche il British Medical Journal con un articolo del dr.Simon Wessely, docente di Psicologia presso l'Institute of Psychiatry di Londra: "I livelli generali di malessere, paura ed ansia possono rimanere nella popolazione più esposta elevati per anni, esacerbando in alcuni casi le precedenti problematiche di natura psicologica e provocando il rischio di un malessere sociale crescente..".

Il fatto di essere di fronte a minacce praticamente "invisibili", quali le armi biologiche rappresentano in confronto alle forme di guerra tradizionale, accresce il timore per questi nuovi attacchi terroristici, che generano sentimenti di estrema impotenza nella popolazione. La frustrazione dei cittadini aumenta inoltre poiché le autorità non possono in realtà prevedere che tipo di danni e quale effettivo scenario potrebbe verificarsi di fronte ad una diffusione massiccia degli agenti infettanti.

"Le immagini che circolano in questi giorni nei media e che ritraggono gli operatori alle prese con i batteri e vestiti con tute speciali come quelle degli astronauti accrescono le preoccupazioni e amplificano in profondità il timore tra la gente.."- aggiunge Wessely- "che inoltre deve convivere con la minaccia, destabilizzante per il proprio senso di sicurezza e di fiducia nell'altro, di nemici senza volto che agiscono sul proprio suolo ..".

(tratto da:"Anthrax scare is stoking mass hysteria: experts"- Agence France-Presse - Oct. 2001)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto urgente (1554296627141)

Virginia, 17     Avrei urgentemente bisogno di aiuto, soffro d'ansia da qualche anno e, adesso che mi sono momentaneamente ritirata dalla scuol...

Collega con manie ossessive co…

Rebecca, 29     Buongiorno vorrei un consiglio su come rapportarmi con una collega arrivata in studio da pochi mesi con contratto a termine rin...

Confusione e stress (155330395…

Elena, 22     Buonasera, cercherò di spiegare al meglio la mia situazione. Ho 22 anni e sono fidanzata con R. da quasi 8 anni e ho una bambina ...

Area Professionale

Articolo 13 - il Codice Deonto…

Proseguiamo, con il commento all'art.13 (obbligo di referto o di denuncia), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

La nera depressione e il Confi…

Elementi prognostici ed esperienze traumatiche nel Test I.Co.S. Un caso clinico di depressione analizzato ed illustrato attraverso l'utilizzo del Test Indice de...

Articolo 12 - il Codice Deonto…

Prosegue, con l'art.12, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini. Articolo 12 L...

Le parole della Psicologia

Mania

L. Binswanger (Melanconia e mania, 1960) ha messo in evidenza come nella mania vi sia una destrutturazione della dimensione temporale della vita psichica che no...

Barbiturici

Con il termine Barbiturici si indica quella classe di farmaci anestetici, antiepilettici ed ipnotici, derivati dall’acido barbiturico (o malonilurea), che hanno...

Workaholism

Il workaholism, o dipendenza dal lavoro, può essere definito come “una spinta interna irresistibile a lavorare in maniera eccessivamente intensa”. Esso è consid...

News Letters

0
condivisioni