Pubblicità

La religione modifica il cervello

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 591 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista PLoS ONE suggerisce che l’essere molto religiosi modifica il cervello, restringendolo. Questo, potrebbe essere indicativo di un qualcosa di non proprio positivo per il fisico, mentre allo stesso tempo, per qualcuno, potrebbe esserlo per lo spirito.
I ricercatori del Duke University Medical Center (Usa) ritengono di aver trovato una correlazione evidente tra le pratiche religiose e alcune modifiche nel cervello delle persone in uno studio che ha coinvolto 268 persone di età compresa tra i 58 e gli 84 anni.

 

I partecipanti sono stati inviati a fornire informazioni sulla loro fede, le pratiche spirituali ed eventuali cambiamenti nella loro la vita dovuti a esperienze religiose.
I volontari sono poi stati seguiti da un minimo di due fino a otto anni. Le possibili modifiche nella parte del cervello associata all’apprendimento e la memoria – l’ippocampo – sono state monitorate per mezzo della risonanza magnetica per immagini (MRI).

 

Tratto da: "lastampa.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Climaterio

In medicina si intende il periodo che precede e segue la menopausa, nella donna, o il periodo che precede l'andropausa, negli uomini, caratterizzato dalla cessa...

Pornografia

Per definire un materiale o contenuto con il termine di ‘pornografia’ è necessario che “una rappresentazione pubblica sia esplicitament...

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. ...

News Letters

0
condivisioni