Pubblicità

La salute e la felicità dipendono l'una dall'altra

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1033 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Una buona salute e una felice visione della vita possono sembrare obiettivi altrettanto importanti ma indipendenti.

La salute e la felicità dipendono luna dallaltra

Un corpo di ricerca in crescita, tuttavia, rafforza l'ipotesi che una visione felice della vita può avere un impatto molto reale sul benessere fisico.

Una nuova ricerca pubblicata sulla rivista Psychological Science mostra che sia gli interventi psicologici online che quelli di persona - tattiche specificamente progettate per migliorare il benessere soggettivo - hanno effetti positivi sulla salute fisica auto-riportata. Gli interventi online e di persona erano ugualmente efficaci.

"Sebbene studi precedenti abbiano dimostrato che le persone più felici tendono ad avere una migliore salute cardiovascolare e migliori risposte del sistema immunitario rispetto alle loro controparti meno felici", ha affermato Kostadin Kushlev, professore presso il Dipartimento di Psicologia della Georgetown University e uno degli autori del documento, " la nostra ricerca è uno dei primi studi randomizzati e controllati a suggerire che aumentare il benessere psicologico anche di adulti generalmente sani può avere benefici per la loro salute fisica".

Intervento per risultati sani

Nel corso di sei mesi, Kushlev e i suoi colleghi dell'Università della Virginia e della University of British Columbia hanno esaminato come il miglioramento del benessere soggettivo delle persone che non erano ricoverate in ospedale o che si sottoponessero a cure mediche influisse sulla loro salute fisica.

Un gruppo di 155 adulti di età compresa tra 25 e 75 anni è stato assegnato in modo casuale a una condizione di controllo in lista d'attesa  o a un intervento psicologico positivo di 12 settimane che ha affrontato tre diverse fonti di felicità: il "Sé centrale", il "Sé esperienziale, "e il" Sé sociale ".

Le prime 3 settimane del programma si sono concentrate sul Sé Nucleo, aiutando le persone a identificare i loro valori personali, punti di forza e obiettivi. Le successive 5 settimane si sono concentrate sul Sé Esperienziale, coprendo la regolazione delle emozioni e la consapevolezza.Questa fase ha inoltre fornito ai partecipanti strumenti per identificare modelli di pensiero disadattivi.

Le ultime 4 settimane del programma si sono rivolte al Sé sociale, insegnando tecniche per coltivare gratitudine, favorire interazioni sociali positive e impegnarsi maggiormente con la loro comunità.

Pubblicità

Il programma, chiamato Enduring Happiness and Continued Self-Enhancement (ENHANCE), consisteva in moduli settimanali condotti da un medico qualificato o completati individualmente utilizzando una piattaforma online personalizzata. Nessuno dei moduli si è concentrato sulla promozione della salute fisica o dei comportamenti di salute, come il sonno, l'esercizio fisico o la dieta.

Ogni modulo prevedeva una lezione di un'ora con informazioni ed esercizi; un incarico di scrittura settimanale, come l'inserimento nel journal; e una componente comportamentale attiva, come la meditazione guidata.

"Tutte le attività erano strumenti basati sull'evidenza per aumentare il benessere soggettivo", ha osservato Kushlev.

Al termine del programma, ai partecipanti sono state fornite valutazioni e raccomandazioni individuali su quali moduli sarebbero stati più efficaci nel migliorare la loro felicità a lungo termine.

Tre mesi dopo la conclusione della sperimentazione, i ricercatori hanno seguito i partecipanti per valutare il loro benessere e salute.

Un futuro felice

I partecipanti che hanno ricevuto l'intervento hanno riportato livelli crescenti di benessere soggettivo nel corso del programma di 12 settimane. Hanno anche riferito meno giorni di malattia rispetto ai partecipanti al controllo durante il programma e 3 mesi dopo la fine.

La modalità online di somministrazione del programma si è dimostrata efficace quanto la modalità guidata di persona da facilitatori qualificati.

"Questi risultati parlano del potenziale di tali interventi da soppesare in modo da raggiungere più persone in ambienti come campus universitari per aiutare ad aumentare la felicità e promuovere una migliore salute mentale tra gli studenti", ha detto Kushlev.

 

Reference:

  1. Kostadin Kushlev, Samantha J. Heintzelman, Lesley D. Lutes, Derrick Wirtz, Jacqueline M. Kanippayoor, Damian Leitner, Ed Diener. Does Happiness Improve Health? Evidence From a Randomized Controlled Trial. Psychological Science, 2020; 31 (7): 807 DOI: 10.1177/0956797620919673

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

 

Tags: psicologia felicità salute

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Anomia

L' anomia è un deficit specifico della denominazione di oggetti, presente in diversi gradi nell' Afasia,mentre le altre componenti del linguaggio risultano intatte. Il paziente con anomia è in...

Altro

Perché la gente si tatua?

Ricerche recenti approfondiscono la nostra comprensione su come vengono percepiti i tatuaggi. Quando i tatuaggi emersero per la prima volta nel 1800, erano considerati un segno dell'essere un...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Autotopoagnosia

L'autotopoagnosia è un disturbo di rappresentazione corporea, clinicamente raro, in cui è presente l'incapacità di indicare le parti del corpo. Nella maggior p...

Stress

Il termine stress, tradotto dall’inglese, significa "pressione" (o “sollecitazione"), ed è stato introdotto per la prima volta da Hans Seyle nel 1936 per indica...

Acting out

Il termine Acting out , letteralmente “passaggio all’atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’individuo per esprimere vissuti co...

News Letters

0
condivisioni