Pubblicità

La sinestesia regala memoria di ferro e creatività

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 451 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Fu Francis Galton, cugino di Charles Darwin, ad accorgersi nell'800 che alcune persone associavano a specifiche note particolari colori e viceversa, in una sorta di “confusione sensoriale” che il poliedrico scienziato (fu antropologo, climatologo, si interessò di psicometria) chiamò sinestesia. Oggi due studiosi dell'università della California, analizzando soggetti con questa caratteristica, sono arrivati a stabilire che la sinestesia non è stata eliminata nel corso dell'evoluzione perché regala capacità cognitive “speciali”, una sorta di marcia in più.

SINESTESIA – La faccenda sarebbe piaciuta a Darwin, giustappunto: come altre caratteristiche umane e non solo, anche la sinestesia avrebbe infatti un suo perché evolutivo, tratteggiato da David Brang e Vilayanur Ramachandran in uno studio e un podcast pubblicati su PloS Biology . I due autori spiegano innanzitutto che il fenomeno riguarda dal 2 al 4 per cento della popolazione generale e ha una decisa componente genetica: nel 40 per cento dei casi infatti il sinesteta ha familiari con la stessa peculiarità. 

 

Tratto da: "corriere.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Genitore inadeguato [15992344…

DEDDA, 47 anni   Buongiorno, mia figlia 15enne soffre di blocchi emotivi a scuola. Quando deve fare un'interrogazione si chiude in se stessa, terror...

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Area Professionale

Funzionamento cognitivo in sog…

Recenti ricerche suggeriscono che le persone che presentano esperienze psicotiche, ma nessuna diagnosi di malattia psicotica, presentano un'alterazione del funz...

Il "potere" nella re…

Nonostante si possa pensare che vi sia uno squilibrio di potere all'interno della relazione terapeutica, in realtà lo psicoterapeuta non esercita un maggiore po...

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Le parole della Psicologia

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

Ninfomania

Il termine ninfomane viene da ninfa (divinità femminile della mitologia e/o nome dato alle piccole labbra della vulva) e mania (che in latino significa follia)...

Satiriasi

La satiriasi è un termine usato in passato nella storia della medicina, indicante l'aumento in modo morboso dell'istinto sessuale nel maschio umano Il termine ...

News Letters

0
condivisioni