Pubblicità

La solitudine contro il cuore

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 332 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Cuore solitario, cuore infranto. Questa frase non è solo un modo di dire, ma alla luce di svariate ricerche che si conducono da anni sulla relazione tra emozioni e funzionalità cardiaca rappresenta un dato di fatto. Le persone sole o che soffrono di una condizione di solitudine presenterebbero quindi una vulnerabilità maggiore al rischio di disturbi cardiaci, a causa di più frequenti malfunzionamenti del sistema cardiovascolare, come riportato nei risultati di un recente studio condotto dall’Institute for Mind e Biology dell’Università di Chicago ed apparso nell’ultimo numero della rivista Psychosomatic Medicine. Lo studio ha coinvolto un campione di circa un centinaio di soggetti, maschi e femmine adulti, somministrando questionari per determinare le condizioni di vita di relazione e l’intensità dei vissuti di solitudine soggettivi; a queste rilevazioni veniva poi associata una misurazione delle condizioni della funzionalità cardiaca in generale. I risultati hanno mostrato effettivamente che i soggetti con relazioni sociali meno frequenti e vissuti più intensi di solitudine presentano alti livelli di quella che viene definita solitamente come”resistenza vascolare”, cioè quanto accade quando le arterie più piccole vanno incontro a processi di restringimento che rendono difficoltoso il normale flusso sanguigno e quindi determinano un aumento della pressione sanguigna. “Questi fattori incidono nel tempo creando le condizioni di rischio per varie patologie cardiache - aggiunge la dr.ssa Louise Hawkley, ricercatrice all’Università di Chicago, che ha collaborato alla ricerca – aumentando la probabilità di infarto e portando la pressione sanguigna a livelli troppo elevati”.

Tratto da:” Loneliness Can Be a Heartbreaker” - HealthScout - May 02

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Un articolo alla volta - Comme…

Catello Parmentola ed Elena Leardini introducono il loro impegno con i visitatori di Psiconline.it a commentare, articolo dopo articolo, il Codice Deontologico ...

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Le parole della Psicologia

Agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a quella d...

Allucinazioni

Con il termine allucinazioni si fa riferimento alla percezione di qualcosa che non esiste, ma che tuttavia viene ritenuta reale. Le allucinazioni si presenta...

Anancasmo

Con i termine “anancasmo”, dal greco ἀναγκασμός ossia "costrizione, violenza", ci si riferisce al sintomo delle nevrosi ossessive o compulsive, consistente nell...

News Letters

0
condivisioni