Pubblicità

La solitudine contro il cuore

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 380 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Cuore solitario, cuore infranto. Questa frase non è solo un modo di dire, ma alla luce di svariate ricerche che si conducono da anni sulla relazione tra emozioni e funzionalità cardiaca rappresenta un dato di fatto. Le persone sole o che soffrono di una condizione di solitudine presenterebbero quindi una vulnerabilità maggiore al rischio di disturbi cardiaci, a causa di più frequenti malfunzionamenti del sistema cardiovascolare, come riportato nei risultati di un recente studio condotto dall’Institute for Mind e Biology dell’Università di Chicago ed apparso nell’ultimo numero della rivista Psychosomatic Medicine. Lo studio ha coinvolto un campione di circa un centinaio di soggetti, maschi e femmine adulti, somministrando questionari per determinare le condizioni di vita di relazione e l’intensità dei vissuti di solitudine soggettivi; a queste rilevazioni veniva poi associata una misurazione delle condizioni della funzionalità cardiaca in generale. I risultati hanno mostrato effettivamente che i soggetti con relazioni sociali meno frequenti e vissuti più intensi di solitudine presentano alti livelli di quella che viene definita solitamente come”resistenza vascolare”, cioè quanto accade quando le arterie più piccole vanno incontro a processi di restringimento che rendono difficoltoso il normale flusso sanguigno e quindi determinano un aumento della pressione sanguigna. “Questi fattori incidono nel tempo creando le condizioni di rischio per varie patologie cardiache - aggiunge la dr.ssa Louise Hawkley, ricercatrice all’Università di Chicago, che ha collaborato alla ricerca – aumentando la probabilità di infarto e portando la pressione sanguigna a livelli troppo elevati”.

Tratto da:” Loneliness Can Be a Heartbreaker” - HealthScout - May 02

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (156328344573…

la vita è un caos, 17 Salve, siamo due sorelle di 17 anni e sono ormai 4 anni che nostra madre ha divorziato con nostro padre e dopo poco tempo ha conosciuto...

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Area Professionale

La rilevazione del trauma al T…

Il Test del Villaggio e la sua costruzione possono idealmente inscriversi in una spirale aurea sulla quale vengono declinate le diverse fasi di vita, dalla nasc...

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Articolo 24 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.24 (Consenso Informato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

Le parole della Psicologia

Voyeurismo

Il Voyeurismo (dal francese  voyeur che indica chi guarda, “guardone”)  è un disordine della preferenza sessuale. I voyeur sono quasi sempre uomini c...

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

Il Cyber-Sex

La Cyber-Sex Addiction: pornografia, sesso in rete e dipendenza. Il termine Cyber-Sex, dall’inglese “sesso (Sex) cibernetico (Cybernetic), si riferisce all’att...

News Letters

0
condivisioni