Pubblicità

La solitudine indebolisce l’organismo

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1221 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Un neuroscienziato di Chicago ha dimostrato come questa condizione possa scatenare dei meccanismi fisiologici che incentivano del 14% il rischio di morte prematura.

solitudineLa solitudine è una malattia? La risposta è sì.

Parola di John Cacioppo, neuroscienziato di Chicago che da anni si dedica allo studio di questa condizione.
Come ha mostrato nel suo ultimo studio, essa è in grado di scatenare dei meccanismi fisiologici che in ultima analisi aumentano il rischio di morte prematura del 14%. In altre parole, il sentirsi soli provoca delle reazioni di risposta allo stress e agisce sul sistema immunitario, indebolendolo.

LA PERSONA SOLA VIVE UNA COSTANTE ALLERTA SOCIALE  

Andiamo con ordine. In alcune ricerche recenti, come «La neuroendocrinologia dell’isolamento sociale» (The neuroendocrinology of social isolation) e due studi apparsi questa estate su Cortex e Cognitive Neuroscience, Cacioppo aveva mostrato che la solitudine è un fattore di rischio per la mortalità e che il cervello di chi ne soffre si trova costantemente in uno stato di allerta, è cioè più pronto a rispondere con rapidità agli stimoli sociali.

 

Tratto da La Stampa - prosegui nella lettura dell'articolo

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: solitudine stress malattia rischio organismo meccanismi fisiologici morte prematura sisema immunitario neuroendocrinologia isolamento sociale

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. Deriva dal greco e fa riferimento alla paura per coloro che camminano su trampoli. Giocolieri e clown, insomma. Ed è per questo...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Disturbo schizoide di personal…

Disturbo di personalità caratterizzato da mancato desiderio o piacere ad instaurare relazioni altrui e chiusura verso il mondo esterno. Il disturbo schizoide d...

Ecolalia

L'ecolalia è un disturbo del linguaggio che consiste nel ripetere involontariamente, come un'eco, parole o frasi pronunciate da altre persone Si osserva, come ...

Gelosia retroattiva

La gelosia retroattiva prende anche il nome di sindrome di Rebecca, nome ispirato dal film di Alfred Hitchcock, ovvero Rebecca la prima moglie, tratto dal roman...

News Letters

0
condivisioni