Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

La spiritualità contro la droga

on . Postato in News di psicologia | Letto 267 volte

I giovani che considerano la religione e in generale la spiritualità dei valori importanti nella propria vita sono meno esposti al rischio delle dipendenze da alcool e droga rispetto ai coetanei non credenti; questo in sintesi il risultato di uno studio compiuto da ricercatori della Columbia University che hanno confrontato i dati rilevati da tre ricerche sull’argomento a livello nazionale.

Fede e spiritualità hanno un ruolo importante anche in recenti trattamenti terapeutici nei confronti di soggetti con problemi di dipendenza, come si rileva dalle attività del National Center Addiction and Substance Abuse presso la Columbia University, che studiando il fenomeno della dipendenza ha rilevato come una maggiore spiritualità possa effettivamente contrastare la tendenza all’assunzione di droghe e alcool tra i giovani e gli adulti e quindi rappresentare un valido aiuto nella terapia di soggetti a rischio.

“Ci sono molti fattori che possono influire sull’instaurazione della dipendenza da queste sostanze – dice la dr.ssa Susan Foster, responsabile del settore di ricerca del National Center Addiction –..Il nostro punto di vista è che fede e spiritualità rappresentano elementi importanti nella prevenzione e nel trattamento delle patologie da dipendenza ed in alcuni casi essi sono fattori principali...”.

Dalle stime effettuate su campioni di soggetti con problemi di dipendenza è emerso che gli adulti che non seguono la religione e la spiritualità presentano un’incidenza del disturbo da dipendenza da droghe di circa quattro volte superiore ai coetanei con un orientamento religioso o spirituale, mentre per quanto riguarda la dipendenza dall’alcool e dalla nicotina di 1 volta e mezza superiore. I risultati sono ancora più evidenti nel caso degli adolescenti: sette volte di più nel caso di dipendenza da droghe e tre volte di più per alcool e nicotina.

Il parere del dr. Thomas Spitz, psicoterapeuta ed esperto in problemi della dipendenza al Rogers Memorial Hospital, è che la maggiorparte delle persone che abusa in sostanze quali droghe e alcool persegue l’obbiettivo di sentirsi più forte e sicura di sè attraverso la loro assunzione; la fede e la spiritualità rappresentano una modalità naturale di raggiungere questi sentimenti circa il proprio sé e quindi contrastare il ricorso alle droghe.

(tratto da:” Survey Finds Faith Helps to Prevent Drug Abuse” - The Record, Bergen County, NJ – Dec.2001)

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

La danza, da passione a ladra …

Francesca, 29     Buongiorno,all'età di 7 anni ho iniziato a frequentare un corso di danza classica, amatoriale, da quel momento non ho mai più s...

Madre con disturbo narcisistic…

emcla, 32     Dopo diversi anni di quella che riconosco essere una dipedenza affettiva mi sono trovata a leggere del disturbo narcisistico di per...

cambio generazionale (15083266…

Anna, 50     Buongiorno, ringrazio in anticipo chi potrà aiutarmi ad affrontare il mio problema. Ho 50 anni e da 30 lavoro nell'azienda di famig...

Area Professionale

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

Le parole della Psicologia

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

I ricordi flashbulb

Le flashbulb memories (FBM) sono state definite per la prima volta da Brown e Kulik nel 1977 come ricordi fotografici vividi, dettagliati e persistenti del cont...

Empatia

Il termine empatia si riferisce alla capacità di una persona di partecipare ai sentimenti di un'altra, nel “mettersi nei panni dell’altro”, entrando in sintonia...

News Letters