Pubblicità

La TCC aiuta i bambini con autismo a regolare le emozioni

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 2285 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (7 Voti)

Un nuovo studio suggerisce che una specifica modalità di psicoterapia può aiutare i bambini con autismo a gestire non solo l'ansia ma anche altre sfide emotive, come tristezza e rabbia.

autismo 0I ricercatori dell'Università di York hanno scoperto che la terapia cognitivo-comportamentale (TCC) può portare a significativi miglioramenti nella regolazione emotiva dei bambini.

Mostra anche per la prima volta che la terapia cognitivo-comportamentale può migliorare non solo l'ansia.

Pubblicità

La nuova ricerca, guidata da Jonathan Weiss, professore associato presso il Dipartimento di Psicologia, è il primo studio trans-diagnostico di terapia cognitivo-comportamentale per bambini con autismo, che utilizza uno studio controllato randomizzato.

Gli esperti spiegano che circa il 70% dei bambini con autismo si troveranno a lottare con qualche forma di sfida emotiva. Circa la metà di questi bambini combatterà con l'ansia e un altro 25-40% lotterà con altre sfide emotive come la rabbia o la depressione.

I bambini con autismo spesso hanno entrambe le condizioni.

"Possiamo usare questo stesso intervento per migliorare le abilità dei bambini in modo più ampio indipendentemente da quale sfida emotiva abbiano", ha detto Weiss. "Possiamo renderli più resistenti a molti problemi di salute emotiva e mentale".

Sessantotto bambini da 8 a 12 anni e i loro genitori, in maggioranza madri, hanno partecipato allo studio. I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a due gruppi: un gruppo riceve 10 sessioni che iniziano subito e un altro gruppo attende di ricevere un trattamento in seguito.

I ricercatori hanno poi monitorato il modo in cui le loro emozioni e comportamenti sono cambiati prima e dopo il trattamento.

"Abbiamo dimostrato che i bambini che hanno ricevuto questo trattamento subito hanno migliorato la loro capacità di gestire le loro emozioni, e in generale problemi di salute mentale, rispetto ai bambini che erano in attesa di trattamento", ha detto Weiss.

Un clinico che non era coinvolto nella fornitura diretta del trattamento e non sapeva se i bambini erano nel gruppo di trattamento o di lista di attesa riteneva che il 74% dei bambini trattati fosse migliorato, rispetto a solo il 31% di quelli nel gruppo di attesa.

Il trattamento consisteva in una terapia cognitivo-comportamentale a tempo limitato che coinvolge un programma per computer, giochi e strumenti per aiutare a costruire il kit di strumenti emotivi del bambino. Gli strumenti aiutano i bambini a confrontarsi con situazioni che in precedenza potevano essere impegnative, a testa alta e in modo più supportivo.

Durante l'intervento, i genitori praticano anche ciò che stanno imparando con i loro figli e fungono da co-terapeuti nelle sedute di terapia.

I ricercatori stanno ora valutando come questo intervento possa essere utilizzato per altre condizioni di sviluppo neurologico che spesso si sovrappongono all'autismo, come l'ADHD.

 

Tratto da PsychCentral

 

(Traduzione e adattamento a cura del Dottor Antonio Morgia)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: depressione ansia autismo rabbia emozione terapia cognitivo-comportamentale

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Le parole della Psicologia

Ecolalia

L'ecolalia è un disturbo del linguaggio che consiste nel ripetere involontariamente, come un'eco, parole o frasi pronunciate da altre persone Si osserva, come stadio normale, nello sviluppo del...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Dipendenza

La dipendenza è una condizione di bisogno incoercibile di uno specifico comportamento o di una determinata sostanza (stupefacenti, farmaci, alcol, shopping, Int...

Insonnia

L'insonnia è un disturbo caratterizzato dall'incapacità di prendere sonno, nonostante ce ne sia il reale bisogno fisiologico. ...

Violenza domestica

La violenza domestica è il comportamento abusante di uno o entrambi i compagni in una relazione intima di coppia, quali il matrimonio e la coabitazione. Second...

News Letters

0
condivisioni