Pubblicità

La terapia assistita da animali migliora il comportamento sociale nei pazienti con lesioni cerebrali

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 994 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

La terapia assistita da animali può favorire la competenza sociale nei pazienti con lesioni cerebrali e aumentare il loro coinvolgimento emotivo durante la terapia.

La terapia assistita da animali migliora il comportamento sociale nei pazienti con lesioni cerebraliQuesti sono stati i risultati di una sperimentazione clinica condotta da psicologi dell'Università di Basilea e pubblicati nella rivista Scientific Reports.

Dopo una grave lesione cerebrale traumatica, i pazienti presentano spesso problemi nel loro comportamento sociale. Ad esempio, potrebbero soffrire di una ridotta empatia emotiva e mostrare una ridotta espressione emotiva e tutto questo contribuisce a creare problemi comunicativi nelle interazioni sociali.

La terapia assistita dagli animali viene sempre più utilizzata nella riabilitazione al fine di migliorare questi deficit nelle competenze sociali dei pazienti. L'integrazione degli animali nella terapia può, ad esempio, stimolare l'impegno e la motivazione del paziente.

In collaborazione con REHAB Basel, la clinica di neuroriabilitazione e paraplegiologia e l'Istituto svizzero di salute pubblica e tropicale, i ricercatori della facoltà di Psicologia dell'Università di Basilea hanno intrapreso il primo studio sistematico sui pazienti ricoverati con lesioni cerebrali acquisite per valutare l'efficacia di questo metodo terapeutico.

Lo studio ha comportato lo svolgimento di sessioni di terapia assistita da animali per 19 partecipanti adulti insieme a sessioni di terapia convenzionali. Il comportamento sociale dei pazienti è stato registrato e valutato durante più di 200 sessioni di terapia assistita da animali e convenzionali. Lo studio ha anche documentato l'umore e la soddisfazione dei pazienti e la loro motivazione al trattamento - un criterio importante nel successo terapeutico.

I risultati hanno mostrato che in presenza di un animale - che comprendeva cavie, piccoli maiali, conigli e pecore - i pazienti mostravano un impegno sociale più attivo rispetto alle sessioni di terapia convenzionali. Esprimevano quasi il doppio delle emozioni positive e comunicavano più frequentemente sia verbalmente che non verbalmente.

La terapia assistita da animali non ha avuto alcun effetto sulle emozioni negative, come rabbia o rabbia.

Pubblicità

Se un animale era presente durante la sessione di terapia, i pazienti si consideravano più soddisfatti e la loro motivazione a partecipare attivamente alla terapia più alta; questo era congruente con le valutazioni dei terapeuti.

"I risultati suggeriscono che la terapia assistita da animali può avere un effetto positivo sul comportamento sociale dei pazienti con lesioni cerebrali", ha concluso la ricercatrice principale dello studio, la dott.ssa Karin Hediger dell'Università di Basilea in Svizzera. "Gli animali possono essere partner terapeutici rilevanti, perché motivano i pazienti a prendersi cura dell'animale, in secondo luogo gli animali forniscono uno stimolo ai pazienti per impegnarsi attivamente nelle attività terapeutiche".

Pertanto, la terapia assistita da animali può essere un promettente supplemento alla neuroriabilitazione convenzionale, affermano gli psicologi.

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Arianna Patriarca)

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

Tags: riabilitazione pet therapy animali;

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come si ritrova l'amore di viv…

polppols, 18 anni Ciao, ho 18 anni e non so bene come iniziare a scrivere questa richiesta. Non mi sono mai aperta con qualcuno liberamente e sinceramente ...

Problematiche relazionali [160…

m, 20 anni Salve, recentemente dei Miei amici mi hanno detto che dovrei vedere un terapeuta perché secondo loro ho dei problemi a capire come relazionarmi ...

Genitori che non ti accettano …

alice, 25 anni Buongiorno,scrivo perchè mi trovo in una situazione veramente difficile e ho bisogno di un consiglio. Dalla tarda adolescenza non sono mai a...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Funzione riflessiva

“La funzione riflessiva è l’acquisizione evolutiva che permette al bambino di rispondere non solo al comportamento degli altri, ma anche alla sua concezione dei...

Identificazione proiettiva

“Ora mi sembra che l’esperienza del controtransfert abbia proprio una caratteristica particolare che dovrebbe permettere all’analista di distinguere le situazio...

Ofidiofobia

L’ofidiofobia (dal greco ὄφις ophis "serpente" e φοβία phobia "paura") è la paura patologica dei serpenti. Il paradigma (ovvero il modello di riferimento) alla...

News Letters

0
condivisioni