Pubblicità

La terapia cognitivo-comportamentale nel trattamento della sindrome da stanchezza cronica

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 441 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

PSICONLINE® NEWS n. 84 (4.11.2001)

Nuovi studi condotti su pazienti con diagnosi di sindrome da stanchezza cronica suggeriscono che trattamenti di tipo cognitivo-comportamentale potrebbero essere di aiuto in questi casi; la ricerca è stata condotta in modo indipendente da due equipe, una in Inghilterra e l'altra negli Stati Uniti (York University e Texas Science Health Center University), coinvolgendo in totale circa 2800 pazienti, sui quali sono stati effettuati diversi tipi di trattamento, sia psicologico che farmacologico.

Questi ultimi approcci, basati sull'assunzione di sostanze quali immunoglobuline e idrocortisone, hanno prodotto risultati limitati; al contrario, gli interventi basati sulle terapie comportamentali sembrano aver ottenuto buoni risultati sul coinvolgimento dei soggetti, sul grado di soddisfazione da essi espresso riguardo le terapie, sul senso di benessere raggiunto, anche se non si hanno ancora definitive conclusioni sull'argomento.

I risultati così ottenuti sono stati però fatti oggetto di critiche da parte di altri ambienti accademici e della ricerca, che hanno ridimensionato il valore dei dati presentati considerandoli non attendibili.

Il dr. Simon Wessely, psichiatra presso il King's College di Londra, ha così commentato il fatto:"La comunità scientifica che si interessa da tempo a questa sindrome particolare non ha prestato molta attenzione ai risultati raggiunti in questi studi e cerca di screditare le conclusioni cui le equipe di ricerca sono giunte circa l'importanza dell'approccio psicologico..E' increscioso osservare - ha aggiunto il dr. Wessely - come questi studi non siano stati bene accolti dagli ambienti accademici; ma in questo atteggiamento si potrebbe anche vedere un pregiudizio di fondo verso i pazienti con sindrome da stanchezza cronica, considerati come soggetti che soffrono esclusivamente di alterazioni organiche da trattare farmacologicamente..".

(tratto da:"Exercise And Cognitive Behavior Therapy Are Best Treatments for Chronic Fatigue Syndrome" - British Medical Journal BMJ - Oct. 2001)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come si ritrova l'amore di viv…

polppols, 18 anni Ciao, ho 18 anni e non so bene come iniziare a scrivere questa richiesta. Non mi sono mai aperta con qualcuno liberamente e sinceramente ...

Problematiche relazionali [160…

m, 20 anni Salve, recentemente dei Miei amici mi hanno detto che dovrei vedere un terapeuta perché secondo loro ho dei problemi a capire come relazionarmi ...

Genitori che non ti accettano …

alice, 25 anni Buongiorno,scrivo perchè mi trovo in una situazione veramente difficile e ho bisogno di un consiglio. Dalla tarda adolescenza non sono mai a...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Climaterio

In medicina si intende il periodo che precede e segue la menopausa, nella donna, o il periodo che precede l'andropausa, negli uomini, caratterizzato dalla cessa...

Ansia da separazione

La causa alla base di questa esperienza nel successivo sviluppo di un disturbo mentale non ha più significato senza l’interazione di altri fattori che contribui...

Autostima

L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se stesso tramite l'autoapprovazione del proprio valore personale ...

News Letters

0
condivisioni