Pubblicità

La terapia cognitivo-comportamentale nel trattamento della sindrome da stanchezza cronica

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 275 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

PSICONLINE® NEWS n. 84 (4.11.2001)

Nuovi studi condotti su pazienti con diagnosi di sindrome da stanchezza cronica suggeriscono che trattamenti di tipo cognitivo-comportamentale potrebbero essere di aiuto in questi casi; la ricerca è stata condotta in modo indipendente da due equipe, una in Inghilterra e l'altra negli Stati Uniti (York University e Texas Science Health Center University), coinvolgendo in totale circa 2800 pazienti, sui quali sono stati effettuati diversi tipi di trattamento, sia psicologico che farmacologico.

Questi ultimi approcci, basati sull'assunzione di sostanze quali immunoglobuline e idrocortisone, hanno prodotto risultati limitati; al contrario, gli interventi basati sulle terapie comportamentali sembrano aver ottenuto buoni risultati sul coinvolgimento dei soggetti, sul grado di soddisfazione da essi espresso riguardo le terapie, sul senso di benessere raggiunto, anche se non si hanno ancora definitive conclusioni sull'argomento.

I risultati così ottenuti sono stati però fatti oggetto di critiche da parte di altri ambienti accademici e della ricerca, che hanno ridimensionato il valore dei dati presentati considerandoli non attendibili.

Il dr. Simon Wessely, psichiatra presso il King's College di Londra, ha così commentato il fatto:"La comunità scientifica che si interessa da tempo a questa sindrome particolare non ha prestato molta attenzione ai risultati raggiunti in questi studi e cerca di screditare le conclusioni cui le equipe di ricerca sono giunte circa l'importanza dell'approccio psicologico..E' increscioso osservare - ha aggiunto il dr. Wessely - come questi studi non siano stati bene accolti dagli ambienti accademici; ma in questo atteggiamento si potrebbe anche vedere un pregiudizio di fondo verso i pazienti con sindrome da stanchezza cronica, considerati come soggetti che soffrono esclusivamente di alterazioni organiche da trattare farmacologicamente..".

(tratto da:"Exercise And Cognitive Behavior Therapy Are Best Treatments for Chronic Fatigue Syndrome" - British Medical Journal BMJ - Oct. 2001)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia di perdere i propri cari…

Rita, 22     Salve, parlo a nome del mio fidanzato che non sa che sto scrivendo qui. ...

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Autostima

L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se stesso tramite l'autoapprovazione del proprio valore personale ...

Psicologia

La psicologia è una scienza che studia i processi psichici, consci e inconsci, cognitivi (percezione, attenzione, memoria, linguaggio, pensiero ecc.) e dinamici...

Frigidità

Con il termine frigidità si fa riferimento ad una bassa libido, o assenza di desiderio sessuale nelle donne, caratterizzata da una carenza o incapacità permanen...

News Letters

0
condivisioni