Pubblicità

La terapia del perdono nella depressione

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 3756 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

La depressione è un disturbo dell’umore molto diffuso che affligge circa il 25% dei pazienti che si rivolgono alle cure primarie negli Stati Uniti.  La malattia mentale non è un problema isolato, dal momento che può essere associata anche a  patologie come l’obesità, le malattie cardiovascolari, il diabete e il cancro.

depressione

Tuttavia, la depressione può essere trattata attraverso i farmaci e vari approcci psicologici che si sono rivelati efficaci.

ra questi, la Terapia Cognitivo – Comportamentale, che consente il riconoscimento e il blocco dei pensieri disadattivi e la loro sostituzione con pensieri e comportamenti adattivi; la Terapia basata sulla Mindfulness, invece, prevede pratiche di consapevolezza dei sintomi volte ad impedire pensieri sgradevoli provenienti dal passato o dal futuro; la Terapia Comportamentale, infine, consente al paziente di impegnarsi in attività e comportamenti gratificanti.

E’ stato sviluppato un nuovo approccio, la Terapia del Perdono, che si concentra su una sequenza di azioni e pratiche non comuni alle psicoterapie contemporanee:

- Riflettere su situazioni del passato in cui il paziente ritiene di essere stato trattato ingiustamente o crudelmente e riconoscere tali ingiustizie.

- Comprendere che il dolore emotivo è il passo successivo e naturale quando si reagisce alle ingiustizie.

- Se non si trova una soluzione al dolore emotivo, il paziente continuerà ad essere arrabbiato per questa situazione e il dolore persisterà, sviluppando quella che viene chiamata “rabbia malsana”, una rabbia profonda capace di influenzare il sonno, i pensieri e i comportamenti.

- Se la rabbia malsana persiste, il paziente potrà sperimentare gravi sintomi depressivi e di ansia.

Il messaggio che viene fuori dalla sequenza sopradescritta è che, per alcuni individui, la depressione non è l’unica problematica su cui bisogna intervenire.Vi sono tre questioni centrali, molto spesso dimenticate dalle terapie tradizionali: l’ingiustizia che non viene affrontata, il dolore emotivo che ne consegue e, soprattutto, aspetto fondamentale della Terapia del Perdono, la rabbia malsana che alimenta la depressione.

Concentrandosi esclusivamente sul farmaco o sui pensieri e sintomi attuali, si può perdere di vista la vera causa della depressione, intesa come un accumulo di rabbia malsana, causata dal dolore emotivo, causato a sua volta dall’ingiustizia.

Pubblicità

La terapia del Perdono inizia esaminando le ingiustizie negli eventi di vita passata che potrebbero compromettere il presente. Alcune persone apprendono con sorpresa di portare ancora con sé delle ferite emotive. Questi eventi vanno riconosciuti dal paziente come dannosi e, solo successivamente, può avvenire il riconoscimento della profondità della propria rabbia.

A questo punto, la persona può essere pronta per provare a perdonare solo dopo aver riconosciuto che la propria rabbia malsana è distruttiva. Il perdono mette in atto un processo che consente all’individuo di essere buono con chi non è stato buono con lui creando un clima di condivisione.

La Terapia del Perdono non è un sostituto di farmaci ed alte psicoterapie, può essere associata a questi approcci per ridurre la depressione a livelli gestibili. Inoltre, la Terapia del Perdono non è per tutti. Alcuni individui semplicemente preferiscono non prendere in considerazione il paradosso di offrire gentilezza a chi non è stato buono con loro. Per questo motivo, non può non essere una scelta volontaria del paziente.

 

Tratto da: psychologytoday

 

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: depressione perdono

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Gambling

Il gambling, o gioco d’azzardo patologico (GAP), è un disturbo del comportamento caratterizzato dalla continua perdita del controllo in situazioni di gioco. Ess...

Io

"Nella sua veste di elemento di confine l'Io vorrebbe farsi mediatore fra il mondo e l'Es, rendendo l'Es docile nei confronti del mondo e facendo, con la propri...

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit contemplato n...

News Letters

0
condivisioni