Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

La terapia del perdono nella depressione

on . Postato in News di psicologia

La depressione è un disturbo dell’umore molto diffuso che affligge circa il 25% dei pazienti che si rivolgono alle cure primarie negli Stati Uniti.  La malattia mentale non è un problema isolato, dal momento che può essere associata anche a  patologie come l’obesità, le malattie cardiovascolari, il diabete e il cancro.

depressione

Tuttavia, la depressione può essere trattata attraverso i farmaci e vari approcci psicologici che si sono rivelati efficaci.

ra questi, la Terapia Cognitivo – Comportamentale, che consente il riconoscimento e il blocco dei pensieri disadattivi e la loro sostituzione con pensieri e comportamenti adattivi; la Terapia basata sulla Mindfulness, invece, prevede pratiche di consapevolezza dei sintomi volte ad impedire pensieri sgradevoli provenienti dal passato o dal futuro; la Terapia Comportamentale, infine, consente al paziente di impegnarsi in attività e comportamenti gratificanti.

E’ stato sviluppato un nuovo approccio, la Terapia del Perdono, che si concentra su una sequenza di azioni e pratiche non comuni alle psicoterapie contemporanee:

- Riflettere su situazioni del passato in cui il paziente ritiene di essere stato trattato ingiustamente o crudelmente e riconoscere tali ingiustizie.

- Comprendere che il dolore emotivo è il passo successivo e naturale quando si reagisce alle ingiustizie.

- Se non si trova una soluzione al dolore emotivo, il paziente continuerà ad essere arrabbiato per questa situazione e il dolore persisterà, sviluppando quella che viene chiamata “rabbia malsana”, una rabbia profonda capace di influenzare il sonno, i pensieri e i comportamenti.

- Se la rabbia malsana persiste, il paziente potrà sperimentare gravi sintomi depressivi e di ansia.

Il messaggio che viene fuori dalla sequenza sopradescritta è che, per alcuni individui, la depressione non è l’unica problematica su cui bisogna intervenire.Vi sono tre questioni centrali, molto spesso dimenticate dalle terapie tradizionali: l’ingiustizia che non viene affrontata, il dolore emotivo che ne consegue e, soprattutto, aspetto fondamentale della Terapia del Perdono, la rabbia malsana che alimenta la depressione.

Concentrandosi esclusivamente sul farmaco o sui pensieri e sintomi attuali, si può perdere di vista la vera causa della depressione, intesa come un accumulo di rabbia malsana, causata dal dolore emotivo, causato a sua volta dall’ingiustizia.

Pubblicità

La terapia del Perdono inizia esaminando le ingiustizie negli eventi di vita passata che potrebbero compromettere il presente. Alcune persone apprendono con sorpresa di portare ancora con sé delle ferite emotive. Questi eventi vanno riconosciuti dal paziente come dannosi e, solo successivamente, può avvenire il riconoscimento della profondità della propria rabbia.

A questo punto, la persona può essere pronta per provare a perdonare solo dopo aver riconosciuto che la propria rabbia malsana è distruttiva. Il perdono mette in atto un processo che consente all’individuo di essere buono con chi non è stato buono con lui creando un clima di condivisione.

La Terapia del Perdono non è un sostituto di farmaci ed alte psicoterapie, può essere associata a questi approcci per ridurre la depressione a livelli gestibili. Inoltre, la Terapia del Perdono non è per tutti. Alcuni individui semplicemente preferiscono non prendere in considerazione il paradosso di offrire gentilezza a chi non è stato buono con loro. Per questo motivo, non può non essere una scelta volontaria del paziente.

 

Tratto da: psychologytoday

 

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

 

 

Tags: depressione perdono

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con la mia ragazza e …

Sabrina, 16                   Salve, sono una ragazza di 16 anni, impegnata da quasi un anno e mezzo i...

Signor (1497211992990)

bruno, 76             Ogni giorno mi sento depresso e sempre triste nella mia vita ho pero tutti mia madre e mia nonna gl...

Adolescente che non si acconte…

sara, 36                 Salve,Siamo una famiglia di stranieri che vive in italia da diverso tempo,qualche an...

Area Professionale

Approvato il documento dell’Or…

Discusso e approvato al Consiglio Nazionale dell’Ordine (riunitosi sabato 17 giugno) il Documento “Ruolo della Psicologia nei Livelli Essenziali di Assistenza” ...

Workshop: I Pericoli di Facebo…

Il giorno 24 maggio 2017, presso la sede di Pescara dell’Ordine degli Psicologi della Regione Abruzzo, si è svolto il primo dei due incontri dedicati alla Web R...

La psicosi: tra Jung, Freud e …

La psicosi è, in gran parte, il risultato di una diade soggetto-oggetto che è presenta nella mente dell’individuo psicotico. Questo signific...

Le parole della Psicologia

Eiaculazione precoce

Può essere definita come la difficoltà o incapacità da parte dell'uomo nell'esercitare il controllo volontario sull'eiaculazione. L’eiaculazione precoce consis...

Funzione riflessiva

“La funzione riflessiva è l’acquisizione evolutiva che permette al bambino di rispondere non solo al comportamento degli altri, ma anche alla sua concezione dei...

Musofobia

Il termine musofobia, che deriva del greco μῦς (mys) che significa "topo", è la paura persistente ed ingiustificata per i topi, più in generale per i roditori. ...

News Letters