Pubblicità

La terapia di gruppo per perdere peso

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 621 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Le difficoltà che i soggetti con problemi di soprappeso incontrano nel tentativo di scendere di qualche chilo sono note a tutti; ricercatori dell’Università della Florida, guidati dal dr.Michael G.Perri, esperto in psicologia clinica e della salute, hanno rilevato che si possono ottenere risultati migliori se il progetto di perdere peso viene inserito in un programma di terapia di gruppo, dove i membri condividono l’obbiettivo comune e possono incoraggiarsi e sostenersi reciprocamente. Lo studio ha coinvolto circa 80 persone con problemi di peso seguendoli per un periodo di tempo di sei mesi; il campione è stato suddiviso in due sottogruppi che hanno ricevuto diversi trattamenti terapeutici: alcuni hanno seguito terapie individuali ed altri terapie di gruppo, in cui venivano inoltre insegnati i principi di una corretta alimentazione ed esercizi attinenti al progetto di diminuire di peso.

“La nostra ipotesi di partenza è stata quella di fornire alle persone coinvolte uno stile di trattamento più aderente alle loro preferenze ed aspettative, ciò che migliora già in partenza la possibilità di riuscita del programma seguito..” – dice il dr. Perri.

I risultati della ricerca hanno infatti mostrato una maggiore diminuzione di peso nei soggetti che seguivano il trattamento di gruppo rispetto alle altre condizioni esaminate. “I gruppi in questi casi –dice il dr. Perri - possono effettivamente rappresentare una buona possibilità di intervento poiché permettono di mantenere un livello elevato di motivazione ed offrono un costante supporto per tutti i suoi membri. Inoltre ci si rende conto che non si è soli ad affrontare il problema e si possono acquisire le esperienze positive e conoscere quelle negative maturate da tutti gli altri partecipanti al programma di trattamento.Anche lo sviluppo di un clima di sana competizione tra i membri all’interno del gruppo stimola il raggiungimento di buoni risultati, laddove il desiderio di mostrare la propria capacità di controllo viene riflesso dalle risposte empatiche degli altri e supportato dall’obbiettivo comune”.

Durante l’intero periodo di trattamento è altresì importante seguire un programma di esercizi diretti a rafforzare il sistema cardiovascolare, che nei soggetti con problemi di peso è continuamente sotto sforzo e quindi potenzialmente a rischio. Vengono così effettuate sessioni di esercizio fisico che, insieme alla terapia psicologica e comportamentale, aiutano a stabilire un più corretto stile di vita, ciò che è fondamentale per ottenere risultati apprezzabili e duraturi.

(tratto da:”Groups Work Better for Weight Loss” - Cox News Service – Jan.2002)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

UNA chiacchierata per fare chi…

Ylenia Calabrese, 25 anni Salve,Nei miei 25anni ne ho passate di ogni.. ansia, depressione, attacchi di panico , disturbi alimentari ecc. ...

Sono cuckold [16058017191]

anto, 32 anni Salve, mi chiamo Antonio ho 32 anni e sono sposato da 4; io e mia moglie già da quando eravamo fidanzati praticavamo spiagge nudiste, dal pr...

Non riesco mai a partire [1605…

roberto, 61 anni Un sogno ricorrente. Lo visualizzo almeno una volta al mese da ormai cinque o sei anni. ...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

Egocentrismo

L’egocentrismo è l'atteggiamento e comportamento del soggetto che pone se stesso e la propria problematica al centro di ogni esperienza, trascurando la presenza...

Ailurofobia

La ailurofobia o elurofobia comp. di ailuro-, dal gr. áilouros ‘gatto’, e -fobia. è la paura irrazionale e persistente dei gatti. La persona che manifesta ques...

News Letters

0
condivisioni