Pubblicità

La tv, infiltrata anche a scuola – Parte 1

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 576 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Anno dopo anno il televisore è riuscito a inserirsi in un numero crescente di scuole dell’infanzia e uno degli obiettivi di molti produttori di programmi per bambini è quello di riuscire, in un prossimo futuro, a installare apparecchi televisivi in tutte le scuole d’infanzia italiane. Non ci riusciranno, ovviamente, al cento per cento; ma ci sono due  motivi diversi che facilitano questo tipo d’infiltrazione.

Il primo è che purtroppo molti bambini vengono messi davanti al televisore già nei primi mesi di vita, il che li rende precocemente dipendenti dallo schermo a cui si affezionano. E’ la famosa televisione babysitter a cui molti genitori non rinunciano, sia per motivi di comodità sia perché loro stessi sono cresciuti davanti alla scatola magica.

Il secondo è che mettendo i bambini davanti allo schermo in alcuni momenti della giornata l’impegno degli adulti si alleggerisce. In realtà sarebbe molto meglio, per i bambini, che il tempo trascorso davanti al piccolo schermo venisse dedicato al gioco, dei cui vantaggi spesso ci si dimentica.

 

Tratto da: "annaolivieroferraris.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Avere una relazione con una pe…

Carpazia, 30 anni     Buonasera, il più delle volte, giustamente direi, ci si concentra sulla persona che soffre di questa patologia, ma c'è b...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Solipsismo

Il solipsismo (dal latino "solus", solo ed "ipse", stesso, quindi "solo se stesso") è un attaccamento patologico al proprio corpo di tipo autistico o narcisisti...

La Sindrome di Stendhal

Patologia  psicosomatica, caratterizzata  da un senso di malessere diffuso provato di fronte alla visione di opere d’arte di straordinaria bellezza. ...

Autotopoagnosia

L'autotopoagnosia è un disturbo di rappresentazione corporea, clinicamente raro, in cui è presente l'incapacità di indicare le parti del corpo. Nella maggior p...

News Letters

0
condivisioni