Pubblicità

La Tv non migliora le capacità cognitive dei bambini

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 270 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sullo sviluppo cognitivo hanno ben più influenza le caratteristiche materne e dell'ambiente familiare. Uno studio longitudinale svolto presso il Children's Hospital Boston e l'Harvard Medical School su bambini dalla nascita all'età di tre anni ha mostrato che vedere la televisione prima dei due anni non migliora le capacità linguistiche e visivo-motorie.

Il risultato, ora pubblicato sull'ultimo numero della rivista “Pediatrics”, riafferma le attuali linee guida dell'American Academy of Pediatrics (AAP), che raccomandano di evitare la TV al di sotto di tale età e suggeriscono come sullo sviluppo cognitivo abbiano ben più influenza le caratteristiche materne e dell'ambiente familiare, oltre ovviamente alle caratteristiche temperamentali dei piccoli. "Contrariamente agli annunci della pubblicità e all'opinione di alcuni genitori sui possibili benefici della Tv sullo sviluppo cognitivo, non è stata trovata alcuna evidenza scientifica in tal senso”, ha spiegato Marie Evans Schmidt, prima autrice dell'articolo.

Tratto da "Le scienze.it" - prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto urgente (1554296627141)

Virginia, 17     Avrei urgentemente bisogno di aiuto, soffro d'ansia da qualche anno e, adesso che mi sono momentaneamente ritirata dalla scuol...

Collega con manie ossessive co…

Rebecca, 29     Buongiorno vorrei un consiglio su come rapportarmi con una collega arrivata in studio da pochi mesi con contratto a termine rin...

Confusione e stress (155330395…

Elena, 22     Buonasera, cercherò di spiegare al meglio la mia situazione. Ho 22 anni e sono fidanzata con R. da quasi 8 anni e ho una bambina ...

Area Professionale

Articolo 13 - il Codice Deonto…

Proseguiamo, con il commento all'art.13 (obbligo di referto o di denuncia), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

La nera depressione e il Confi…

Elementi prognostici ed esperienze traumatiche nel Test I.Co.S. Un caso clinico di depressione analizzato ed illustrato attraverso l'utilizzo del Test Indice de...

Articolo 12 - il Codice Deonto…

Prosegue, con l'art.12, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini. Articolo 12 L...

Le parole della Psicologia

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

Eiaculazione precoce

Può essere definita come la difficoltà o incapacità da parte dell'uomo nell'esercitare il controllo volontario sull'eiaculazione. L’eiaculazione precoce consis...

Oggetto

“Lo sviluppo delle relazioni oggettuali è un processo mediante il quale la dipendenza infantile dall’oggetto cede a poco a poco il passo ad una dipendenza matur...

News Letters

0
condivisioni